Silvio Vitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Silvio Vitale (Napoli, 28 gennaio 192825 maggio 2005) è stato un politico italiano, esponente del Movimento Sociale Italiano e parlamentare europeo.

Silvio Vitale

Europarlamentare

Dati generali
Partito politico MSI
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Avvocato civilista. Nel maggio 1950 è eletto primo presidente del FUAN, l'associazione degli universitari del Movimento Sociale Italiano.

Nel 1955 ha aderito al Centro Studi Ordine Nuovo e nel dicembre 1956 lascia il MSI. Ha fondato e diretto la "rivista tradizionalista napoletana" L'alfiere (nata nel 1960) e ha fatto conoscere in Italia l'opera dello studioso spagnolo Francisco Elias de Tejada.

Rientrato nel MSI alla fine degli anni '60, è stato consigliere regionale del partito in Campania per due legislature e capogruppo del MSI. [1].

È subentrato al Parlamento europeo nel giugno 1988, dopo essere stato candidato alle elezioni europee del 1984 per le liste del MSI. È stato membro della commissione per la politica regionale e l'assetto territoriale.

Con la nascita di An nel 1995 si dedica esclusivamente all'attività culturale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Informazione.Campania.It - Napoli - Morto Silvio Vitale, Fondatore E Direttore De ''L'Alfiere''


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie