Silvio Martinello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silvio Martinello
Silvio Martinello.jpg
Silvio Martinello nel 2008
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 2003
Carriera
Squadre di club
1986 Sammontana Sammontana
1987 Gewiss Gewiss
1988-1989 Atala Atala
1990 Jolly Componibili Jolly Componibili
1991 Gis Gelati Gis Gelati
1992-1995 Mercatone Uno Mercatone Uno
1996-1997 Saeco Saeco
1998-2000 Team Polti Team Polti
Nazionale
1984-2000 Italia Italia
Palmarès
Olimpiadi 1 0 1
Mondiali su pista 4 2 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Silvio Martinello (Padova, 19 gennaio 1963) è un ex ciclista su strada e pistard italiano. Professionista dal 1986 al 2003, fu quattro volte campione del mondo, due nell'americana e due nella corsa a punti, e campione olimpico ad Atlanta 1996 nella corsa a punti.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Su strada ottenne una quindicina di successi in totale, fra cui spiccano due tappe al Giro d'Italia, una alla Vuelta a España, e la Milano-Vignola, storica corsa per le ruote veloci. Al Giro d'Italia 1996 vestì inoltre per quattro giorni la maglia rosa.

Mise in luce il suo grande potenziale soprattutto nelle competizioni su pista, dove riuscì ad imporsi in 28 Sei giorni, molte delle quali corse con Marco Villa; riuscì inoltre ad aggiudicarsi numerose medaglie ai campionati mondiali, sia nell'inseguimento a squadre, sia nella gara a punti, e soprattutto nell'americana, gara in cui in coppia con Villa non aveva rivali.

Riuscì a conquistare anche due medaglie olimpiche, un bronzo ai Giochi 2000 a Sydney, sempre con Villa, nell'americana ed un oro nel 1996 ad Atlanta nella gara individuale a punti.

Ritiratosi dall'attività dopo 18 stagioni e a quarant'anni di età nel 2003, ha iniziato a collaborare attivamente con la RAI fornendo il suo parere tecnico al Giro d'Italia ed ai Campionati del mondo.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Strada[modifica | modifica sorgente]

Giro del Belvedere
La Popolarissima
3ª tappa Vuelta a España (Dénia > Murcia)
4ª tappa Tirreno-Adriatico (Fossacesia > Chiaravalle)
1ª tappa Giro del Trentino (Riva del Garda > Trento)
18ª tappa Giro d'Italia (Pozza di Fassa > Castelfranco Veneto)
Milano-Vignola
4ª tappa Tre Giorni di La Panne
1ª tappa Giro d'Italia (Atene > Atene)
2ª tappa Giro di Puglia (Bari > Lecce)
Classifica generale Giro di Puglia
4ª tappa Setmana Catalana
2ª tappa Vuelta a Galicia
4ª tappa Quattro Giorni di Dunkerque
3ª tappa, 2ª semitappa Rheinland-Pfalz-Rundfahrt (Ludwigshafen > Landau)
7ª tappa Rheinland-Pfalz-Rundfahrt (Bitburg > Bad Neuenahr)
3ª tappa Tour de Suisse (Losanna > Küssnacht am Rigi)

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Classifica punti Vuelta a los Valles Mineros

Pista[modifica | modifica sorgente]

Sei giorni di Bassano (con Volker Diehl)
Sei Giorni di Bassano del Grappa (con Volker Diehl)
Campionati italiani, Corsa a punti
Campionati italiani, Corsa a punti
Sei giorni di Grenoble (con Marco Villa)
Campionati italiani, Corsa a punti
Campionati italiani, Americana (con Marco Villa)
Campionati del mondo, Corsa a punti
Campionati del mondo, Americana (con Marco Villa)
Sei giorni di Milano (con Marco Villa)
Sei giorni di Brema (con Marco Villa)
Sei Giorni di Bassano del Grappa (con Marco Villa)
Sei giorni di Herning (con Bjarne Riis)
Sei giorni di Bordeaux (con Marco Villa)
Giochi olimpici, Corsa a punti
Campionati del mondo, Americana (con Marco Villa)
Sei giorni di Milano (con Marco Villa)
Sei giorni di Zurigo (con Marco Villa)
Sei giorni di Medellín (con Marco Villa)
Sei giorni di Bordeaux (con Marco Villa)
Campionato del mondo, Corsa a punti

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi giri[modifica | modifica sorgente]

1988: 107º
1989: 108º
1990: 149º
1991: 101º
1992: 99º
1994: ritirato (15ª tappa)
1995: 92º
1996: ritirato (14ª tappa)
1998: fuori tempo (17ª tappa)
2000: 105º
1994: 94
1995: ritirato (9ª tappa)
1998: non partito (6ª tappa)
1999: 114º
1987: ritirato (7ª tappa)
1990: ritirato (7ª tappa)
1992: 127º

Classiche[modifica | modifica sorgente]

1986: 25º
1988: 51º
1989: 42º
1991: 18º
1992: 128º
1993: 36º
1994: 51º
1997: 95º
1998: 114º
1992: 61º
1994: 36º
1996: 105º

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 3 ottobre 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Silvio Martinello. URL consultato il 6 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]