Silvi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silvi
comune
Silvi – Stemma Silvi – Bandiera
Veduta di Silvi Alta
Veduta di Silvi Alta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Teramo-Stemma.png Teramo
Amministrazione
Sindaco Francesco Comignani (PD) dall'08/06/2014
Territorio
Coordinate 42°33′00″N 14°07′00″E / 42.55°N 14.116667°E42.55; 14.116667 (Silvi)Coordinate: 42°33′00″N 14°07′00″E / 42.55°N 14.116667°E42.55; 14.116667 (Silvi)
Altitudine 240 m s.l.m.
Superficie 20,63 km²
Abitanti 15 766[2] (31-12-2010)
Densità 764,23 ab./km²
Frazioni Silvi Marina, Silvi (centro storico), Pianacce, San Silvestre, Santo Stefano[1]
Comuni confinanti Atri, Città Sant'Angelo (PE), Pineto[1]
Altre informazioni
Cod. postale 64028
Prefisso 085
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 067040
Cod. catastale I741
Targa TE
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti silvaroli.
Patrono san Leone
Giorno festivo 29 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Silvi
Posizione del comune di Silvi all'interno della provincia di Teramo
Posizione del comune di Silvi all'interno della provincia di Teramo
Sito istituzionale

Silvi è un comune italiano di 16.200 abitanti[3] della provincia di Teramo in Abruzzo Bandiera Blu d'Europa.

Sede del comune è la frazione di Silvi Marina.[1]

Silvi è definita "la perla dell'Adriatico"[4] per la sua unicità, che la contraddistingue dalle altre località situate sulla costa Adriatica. Anticamente Silvi veniva chiamata Matrinum o Silva (età Romana) e Castel Belfiore o Castrum Silvi (nel medioevo), Silvi fino al 1931 apparteneva al confinante Comune di Atri, come il comune limitrofo di Pineto.

Situata ai piedi delle suggestive colline di Città Sant'Angelo ed Atri, Silvi è una stazione balneare, con un arenile lungo 6 km dalla torre di Cerrano al Fiume Piomba. Attrezzata con alberghi, campeggi e stabilimenti balneari, inoltre dispone di una stazione ferroviaria. I caselli della A14 più vicini sono quelli di Atri-Pineto e di Pescara Nord-Città Sant'Angelo. Il centro storico si trova sulla parte collinare, a 4 km da Silvi Marina, ad una altitudine di 242 m s.l.m. Silvi è attraversata da numerosi corsi d'acqua: fiume Piomba (45 km), Torrente o Fosso del gallo (14 km), Torrente Cerrano (10 km), fosso Concio (5,5 km), fosso Marinelli San Silvestro (6.5 km).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Sul nome di Silvi due opinioni dividono gli storici, la prima vuole il nome derivare da Silvae, per l'abbondanza dei boschi e la seconda dal nome del Dio Silvano, antico nome delle foreste.
Il Comune di Silvi Marina nasce nel 1931, dopo l'ottenuta indipendenza dalla città di Atri, ed è situato agli estremi lembi della provincia teramana ed al confine con quella pescarese. Notizie certe sulla cittadina la legano indissolubilmente alla vicina Atri che fu conquistata nel 290 a.C. dai Romani. È in questo periodo che Silvi Alta, venne unita, presidiata e fortificata, diventando il "Castrum Romanum". Precedentemente le sorti del centro furono condivise, nel VI e V secolo a.C., con la potente Hatria Picena, città preminente della confederazione. Il 1º aprile 1251, per ordine del papa Innocenzo IV, s'istituisce la nuova diocesi di Atri il cui vescovo, comune a quello di Penne, ottiene i diritti ecclesiastici di Silvi. L'anno dopo, il 3 marzo 1252, anche la chiesa del SS. Salvatore di Silvi entra nella diocesi atriana. Il 5 ottobre 1273 ad Alife, quando Carlo I D'Angiò divide l'Abruzzo in due Giustizierati elenca nel "demanium Adriae", Silvi quale terra di pertinenza dell'abbazia di San Giovanni in Venere.

Silvi Alta - Chiesa di San Salvatore - Particolare dei fregi dell'arco sulla facciata originaria

Nel 1393, re Ladislao d'Angiò Durazzo vende per trentacinquemila ducati la città di Atri e di Teramo e tra queste anche Silvi al duca Antonio Acquaviva con tutti i loro diritti e pertinenze. Verso la fine del secolo XV, i territori si spopolano a causa delle guerre e delle epidemie. Sono i profughi albanesi, preoccupati dall'avanzare dei Turchi di Maometto II, a sbarcare, intorno al 1462, sulle coste del Regno di Napoli e a stabilirsi nelle contrade silvarole. Gli arrivi, negli anni seguenti, continuano, i profughi sono accolti benevolmente da re Ferdinando I, che assegna loro sedi in Puglia ed in Abruzzo Orientale, rispettando i loro costumi, la loro lingua ed i loro riti religiosi. Silvi conta agli inizi del XVI secolo non più di 400-500 abitanti. Nel 1553, un amministratore di Silvi, uno dei quattro signori del reggimento, Rosato Rosati, in maniera certamente autonoma, redige, in forza di qualche provvedimento regio, lo Statuto comunale di Silvi. Silvi nei primi del Novecento era insieme a Giulianova e Pescara la marineria più importante d'Abruzzo.

Dalla nascita al Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Nasce come piccolo borgo collinare protetto da mura per difendersi dalle invasioni provenienti dal mare. Troppo piccolo per una storia antica propria seguì nel bene e nel male le vicende della vicina Atri, la trimillenaria città d'arte che, secondo alcuni eminenti storici, diede il nome al mare Adriatico.
Questa antica città conobbe il predominio di Roma, di cui fu fedele alleata mentre Silvi fu sempre feudo di Atri. Insieme conobbero il dominio dei tanti invasori nel Medio Evo. Fu Silvi sentinella di Atri per lunghi secoli e la Torre di Cerrano fortificata sulla spiaggia fu l'avamposto dotato di presidio militare permanente. Soffrì le frequenti invasioni dei corsari turchi che sbarcavano di notte sulla costa e risalivano la collina depredando e catturando i poveri abitanti che finivano in schiavitù. Alla fine del XV secolo la popolazione di Silvi era ridotta a pochi residenti e allora il Re Ferdinando il Cattolico pensò di rinsanguare e ripopolare il paese con l'immigrazione di molte famiglie cristiane, albanesi fuggiti dalle loro terre invase dalle orde musulmane. Silvi inoltre essendo stata la sentinella di Atri, possedeva torri, fortificazioni, porti e edifici storici, la maggior parte di questi distrutti, dagli eventi passati. nel territorio del comune ergevano 2 torri molto importanti: la famosa torre di Cerrano (ancora intatta), e la torre di Piomba (distrutta), inoltre intorno a queste torri sorgevano, villaggi di pescatori, e porti mercantili molto importanti nel commercio dell'Adriatico, i porti di Cerrano (Matrinus), e, il porto del Piomba (Comarna), inoltre i porti, sorgevano sulle foci dei rispettivi fiumi,Piomba e Cerrano, che erano navali, che potevano far navigare imbarcazioni vicino alla città di Atri. Nel territorio di Cerrano, all'epoca romana sorgeva una fornace, la zona in cui situava questo edificio dell'età Romana, non è stata usata come "sito archeologico" ma vi è stata costruita sopra il sito, (una delle fiere più importanti d'italia) la "fiera Adriatica". Infine nel territorio sorgeva e sorge ancora l'importante e bella fortificazione di Silvi paese.

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

Solo con l'arrivo di Napoleone Bonaparte, che abolì i privilegi feudali (agosto 1806) cessò la sudditanza di Silvi che ebbe, da allora, il suo primo sindaco.
Ancora pochi decenni e sulle colline prospicienti il mare nascono le ville estive dei possidenti terrieri di Atri. Contemporaneamente appaiono sulla spiaggia le prime rustiche casette dei pescatori che abbandonano le antiche dimore nel paese collinare, trecento metri circa sul livello del mare. È il primo nucleo che si costituisce sulla spiaggia e che si svilupperà viepiù negli anni seguenti. Nuova spinta e vigore verrà dall'inaugurazione della stazione ferroviaria (1863), il treno porterà i primi villeggianti nella stazione balneare.
Oggi Silvi Marina appare come una lunga successione di abitazioni, una spiaggia lunga quasi sei chilometri, gli abitanti residenti oltre 15.000. Da Silvi Marina, in particolare dalla statale Adriatica Sud, parte la S.P. 553, un'ex strada statale che porta alla vicina Atri e termina, dopo 40,9 km, nel Comune di Notaresco. Silvi è anche "madre" della Saila che produce caramelle, liquirizie e chewingum di vari tipi.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Silvi (centro storico).

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

A Silvi Alta:

  • Chiesa di San Salvatore
  • Chiesa di San Rocco
  • Cappella della Madonna dello Splendore

A Silvi Marina:

  • Chiesa di Santa Maria Assunta
  • Chiesa del Cuore Immacolato di Maria

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Silvi Paese

Lu Ciancialone[modifica | modifica wikitesto]

Una tradizione nata nel XVI secolo, legata alle terribili vicende dei predoni turchi, è quella del "Ciancialone". Si festeggia l'ultima domenica di maggio nella frazione Silvi Paese (o chiamata anche Belvedere di Silvi) e impegna tutto il paese nell'allestimento di un grosso cilindro costituito di canne legate tra loro, alto fino a dieci metri.Fissato verticalmente nella piazza principale e acceso, richiama attorno una folla festante che danza e fa baldoria fino ad esaurimento del ciancialone.

La tradizione è legata a una leggenda ambientata intorno al XIV secolo. All'epoca i Turchi sbarcarono nel porticciolo del Cerrano (l'antico porto di Atri e Silvi) e, dopo avere saccheggiato tutto quello che di utile c'era, si diressero verso la località di Silvi. Tutta la popolazione fu chiamata a difendere la città, allorché un giovane coraggioso di nome Leone scese dalla collina con una fiaccola in mano e li affrontò. Avviandosi, quella fiaccola miracolosamente emanò una luce sempre più intensa, tanto che gli invasori credettero che un intero esercito fosse lì ad aspettarli. Per paura di perdere il bottino già conquistato, si ritirarono.

Arti e mestieri[modifica | modifica wikitesto]

A Silvi Paese una volta denominata Castel Belfiore dal primo venerdì dopo la metà di luglio fino al martedì seguente c'è un avvenimento a cui non si può mancare se si soggiorna in Abruzzo. Una mostra per le vie cittadine degli arti e i mestieri "di una volta" per rivivere insieme il passato dell’antica terra abruzzese. Chiudere gli occhi e viaggiare nel tempo rievocando usi e costumi della vita quotidiana abruzzese in un alternarsi armonico di suoni, racconti, colori, mestieri e sapori. Mestieri in primo luogo, quelli della gente di Silvi: ci sarà il marinaio, il falegname, il fabbro la tessitrice, il contadino, e molti altri. Teatro di tale manifestazione è la roccaforte di Silvi che imponente si affaccia sull’Adriatico. Nelle sue strette e incantevoli vie ci farà ammirare i dimenticati attrezzi agricoli e marinareschi. Numerosi artigiani inoltre saranno in opera dando forma, con le loro mani, ad oggetti antichi e moderni, ricreando così la tipica atmosfera delle botteghe medievali. Inoltre ci saranno stand gastronomici per poter degustare i tipici prodotti delle terre silvarole, in una piazza dalla quale si può ammirare tutto il panorama della costa abruzzese, un'emozione unica da vivere.

Nel corso delle serate ci saranno anche avvenimenti folkloristici come la corsa degli asini, la corsa coi sacchi e tanto altro come il celebre ballo della pupa.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Silvi è una nota località balneare, tra le più blasonate dell'intera regione Abruzzo. Dal 2008 si fregia ininterrottamente della Bandiera Blu d'Europa, che certifica la pulizia delle acque e l'efficienza dei servizi. La spiaggia di Silvi Marina è composta da fine sabbia bianca, quasi argentea tipica del medio Adriatico ed è adatta a tutte le età in quanto il fondale degrada dolcemente verso il largo, permettendo a tutti di prendere confidenza con il mare. Silvi è anche una località con una vasta scelta di alberghi che comprendono tutte le categorie: da 1 a 5 stelle e sono presenti anche vari campeggi.

Torre di Cerrano[modifica | modifica wikitesto]

Tratto di spiaggia tra Silvi Marina e Pineto

La Torre di Cerrano è situata nel territorio comunale di Pineto, a ridosso del confine con Silvi. La torre, per secoli appartenuta a Silvi,[6] era un'antica fortezza cinquecentesca, che serviva per difendere il ducato degli Acquaviva dall'invasione dei pirati Turchi e dai Saraceni.
Nella zona antistante la torre sempre nel territorio comunale di Silvi sorgeva l'antico porto di Atri, che era stato costruito dai Romani, per l'allora città di Hatria o Adria (Atri), che controllava l'Adriatico e che inoltre era la più importante città della costa Adriatica, che avrebbe dato il nome proprio al mare.
Ora vi sono i resti del porto sotto forma di scogliere dove stanziano cozze e vongole.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
15 giugno 2004 7 giugno 2009 Gaetano Vallescura Centrodestra Sindaco
8 giugno 2009 23 gennaio 2013 Gaetano Vallescura Centrodestra Sindaco Commissariato
8 giugno 2014 in carica Francesco Comignani Partito Democratico Sindaco

Il 3 gennaio 2013 vengono rassegnate le dimissioni dal sindaco per partecipare alle elezioni regionali.

L'8 giugno 2014 viene eletto al ballottaggio come nuovo sindaco Francesco Comignani, appartenente al Partito Democratico.[7]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l' A.S.D. Silvi che milita nel girone B abruzzese di Promozione. I colori sociali sono: il rosso ed il blu.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Città di Silvi - Statuto Comunale: Articolo 2 – Il territorio, la sede, lo stemma, 2000, pp. 8-9. URL consultato il 19 luglio 2011.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Dato Istat all'1/11/2010.
  4. ^ chiamata così da Gabriele d'Annunzio - v. Gabriele Cichella in Silvi la bellissima', di Enrico Trubiano, Edizioni Associazione culturale Onlus Zona Franca, Silvi Marina, pag 13
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Enrico Trubiano, Silvi la bellissima, Edizioni associazione culturale Onlus Zona Franca, SIlvi Marina, [2007], controcopertina
  7. ^ Francesco Comignani è il nuovo sindaco di Silvi - Ballottaggi 2014 Teramo - Abruzzo24ore.tv

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo