Silver Bridge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ponte nel 1928, dopo la costruzione.

Il Silver Bridge era un ponte sospeso sul fiume Ohio costruito nel 1928, punto di collegamento tra Point Pleasant e Kanauga.

La disgrazia[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 dicembre 1967, il ponte crollò durante l'ora di punta del traffico automobilistico, causando la morte di quarantasei persone[1], due delle quali mai ritrovate.[2] Le successive inchieste istituite per far luce sull'incidente conclusero che il crollo fu causato dal difetto di uno degli eye-bar dei cavi portanti, il quale differiva di 2,5mm di profondità, ma anche dalla mal gestione dell'impianto - progettato per trasportare carichi più leggeri di quelli fino ad allora consentiti. In risposta a chi criticava il fatto che l'incidente si potesse evitare, le autorità dal canto loro conclusero che per scoprire il danneggiamento interno dell'eye-bar si sarebbe dovuta eseguire un'adeguata analisi di ispezione interna del materiale in questione - smontandolo, per trovare la crepa, cosa che in base alle tecnologie dell'epoca era impossibile praticare.[1]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

L'incidente portò all'adozione di misure più restrittive nei confronti dei futuri progetti pontili, e alla messa in analisi dei ponti più datati per la creazione di un protocollo che stabilisse quali fossero quelli da sottoporre a più attenta manutenzione. Molto simile per struttura e tenuta al Silver Bridge era un ponte a Saint Marys, il quale fu chiuso al traffico dopo l'incidente di Point Pleasant e infine demolito nel 1971.

Leggende metropolitana[modifica | modifica wikitesto]

Vista del crollo dal lato dell'Ohio.

A seguito dell'incidente, la cittadina di Point Pleasant fu oggetto di alcune leggende metropolitane. La prima legata all'avvistamento di una presunta creatura definita uomo falena, che sostenitori del paranormale postularono come correlata con l'evento tragico, sostenendo che tale essere sarebbe apparso per avvisare la popolazione. Tali apparizioni si sarebbero susseguite per 13 mesi.[3] Secondo altre leggende, la sciagura sarebbe invece legata alla maledizione di un capo indiano assassinato a tradimento insieme a suo figlio dagli inglesi nell'area.[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) "Silver Bridge disaster", West Virginia Culture
  2. ^ (EN) Silver Bridge, West Virginia Department of Transportation. URL consultato il 10 dicembre 2014.
  3. ^ Mothman and Other Curious Encounters di Loren Coleman (Paraview Press, 2002, ISBN 1-931044-34-1)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]