Silvano Beltrametti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silvano Beltrametti
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 182 cm
Peso 92 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante, slalom gigante
Ritirato 2001
Palmarès
Mondiali juniores 0 2 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Silvano Beltrametti (Vaz/Obervaz, 22 marzo 1979) è un dirigente sportivo ed ex sciatore alpino svizzero specialista delle prove veloci (supergigante e discesa libera).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Valbella, grande promessa dello sci elvetico[1] e attivo in gare FIS dal gennaio del 1995, Beltrametti ottenne i primi risultati di prestigio nel 1996, quando conquistò la medaglia d'argento ai Mondiali juniores di Hoch-Ybrig nel supergigante. Nella medesima specialità il 27 gennaio 1997 a Val-d'Isère esordì in Coppa Europa, senza completare la prova; un mese dopo ai Mondiali juniores di Schladming vinse un'altra medaglia d'argento, questa volta nella discesa libera.

L'esordio in Coppa del Mondo avvenne il 16 gennaio 1998 nella discesa libera di Wengen, che non completò; ai successivi Mondiali juniores del Monte Bianco 1998 si aggiudicò la medaglia di bronzo nello slalom gigante. Il 25 novembre 2000 conquistò il suo primo podio in Coppa del Mondo, il 2º posto nella discesa libera di Lake Louise; ai successivi Mondiali di Sankt Anton 2001, sua unica presenza iridata, ottenne il 4º posto nella discesa libera e il 14º nel supergigante.

Il 7 dicembre 2001 conquistò il suo secondo e ultimo podio in Coppa del Mondo, arrivando 3º in discesa libera a Val-d'Isère. Il giorno successivo, sempre sulla stessa pista e specialità, Beltrametti fu protagonista di un'uscita di pista a oltre 100 km/h. Lo sciatore svizzero sfondò le reti di protezione e, cadendo sulle rocce sottostanti, si lesionò la colonna vertebrale tra la sesta e la settima vertebra, rimanendo così paralizzato nella parte inferiore del corpo[1][2].

Carriera dirigenziale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'incidente e la riabilitazione completò gli studi e avviò varie iniziative professionali in ambito sportivo, dall'organizzazione di La Nuit blanche, il galà degli sport invernali svizzeri che si tenne a Davos dal 2003 al 2005, alla gestione del portale web skionline.ch, del quale fu amministratore delegato dal 2007 al 2010. In seguito ha assunto l'incarico di presidente del comitato organizzatore della gare di Coppa del Mondo nella natia Lenzerheide[3].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 20º nel 2001
  • 2 podi:
    • 1 secondo posto
    • 1 terzo posto

Campionati svizzeri[modifica | modifica wikitesto]

  • 4 medaglie[4]:
    • 2 ori (discesa libera, supergigante nel 2001)
    • 2 argenti (discesa libera, supergigante nel 1998)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

A Silvano Beltrametti è intitolata la pista di discesa libera a Lenzerheide[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Flavio Vanetti, Libera choc, paralizzato Beltrametti in Corriere della Sera, 9 dicembre 2001, p. 45. URL consultato il 17 maggio 2015.
  2. ^ Flavio Vanetti, "Sono finito come sciatore, non come uomo" in Corriere della Sera, 5 gennaio 2002, p. 39. URL consultato il 17 maggio 2015.
  3. ^ (DE) "Berufslaufbahn und laufende Projekte" sul sito personale. URL consultato il 17 maggio 2015.
  4. ^ (EN) Profilo FIS (dati dal 1995). URL consultato il 17 maggio 2015.
  5. ^ Discesa maschile di Lenzerheide, riecco Innerhofer, è 2º secondo a pari merito con Ligety dietro a Mayer in fisi.org, 12 marzo 2014. URL consultato il 17 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]