Siluro (Star Trek)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'universo fantascientifico di Star Trek il siluro è un'arma che insieme al phaser rappresenta l'armamento offensivo e difensivo d'eccellenza dei vascelli della Flotta Stellare.

I siluri sono armi a lunga gittata che la Flotta Stellare usa da molto tempo. Ogni siluro, può inoltre essere modificato per vari scopi, detonare su una nave bersaglio dopo il teletrasporto, essere depositati nello spazio come delle mine, e possono essere arricchiti anche con nanosonde Borg. Il siluro quindi è un'arma che può essere usata in molti modi.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Siluri fotonici[modifica | modifica wikitesto]

Nel siluro fotonico (il modello più diffuso) la carica esplosiva è composta da un massimo di 1,5 kg di materia e 1,5 kg di antimateria. La materia e l'antimateria sono divise in piccole cellette mantenute da appositi campi magnetici di contenimento. Maggiore è il numero di cellette e più forte sarà la detonazione iniziale del siluro, dal momento che le cellette creano una maggiore superficie di contatto tra i due componenti che reagiscono liberando energia. Al momento dell'impatto con il bersaglio o qualsiasi superficie rigida o campo di forza sufficientemente potente il siluro disattiva questo campo di contenimento provocando l'annichilazione rapida di quasi l'80% della testata e provocando un'esplosione di circa 216.000 Terajoule.[senza fonte]

I siluri fotonici sono utilizzati per la prima volta dai terrestri nel 2153; quel modello possiede 50 volte il raggio di azione dei siluri utilizzati in precedenza ed è in grado aprire un cratere di 3 chilometri in un asteroide[1].

Siluro quantico[modifica | modifica wikitesto]

Il siluro quantico, differentemente dal siluro fotonico, si basa sul controllo della detonazione tramite un oscillatore quantico; questo apparato consente, mediante la creazione di una fluttuazione quantica al momento dell'esplosione, di mantenere materia ed antimateria a contatto per un tempo leggermente più lungo e permettere un'annichilazione più completa, provocando un'esplosione di 105 Terajoule.[senza fonte] I siluri di flusso, basati sempre sull'annichilazione, utilizzano delle bolle di curvatura che amplificano l'onda d'urto; la loro potenza è di 2,5 volte quella di un normale siluro fotonico. I siluri quantici vengono utilizzati dalle navi stellari di classe Sovereign e Defiant della Flotta Stellare.

Siluro transfasico[modifica | modifica wikitesto]

Il siluro transfasico si differenza dal siluro quantico per l'aggiunta di una serie di tecnologie che analizzano lo stato di transizione di fase materia/energia della nave bersaglio, adattandosi in modo da poter penetrare gli scudi difensivi e le eventuali corazze ablative, allo scopo di infliggere il massimo danno possibile al bersaglio. Questo siluro deriva dall'esperienza acquisita della nave stellare USS Voyager durante il suo viaggio di ritorno dal quadrante Delta.

Siluro al cobalto[modifica | modifica wikitesto]

Raggio: 860.000 Km Sistema di lancio: Possono essere lanciati dai tubi usati per i siluri quantici, ma con la limitazione di lanciarne uno per volta.

Questo siluro è incredibilmente distruttivo, ed è considerato l'arma più potente che la Federazione abbia messo in produzione di serie. Dopo l'impatto, gli iniettori a microfusione montati all'interno del telaio fondono quattro contenitori dove sono immagazzinati cobalto ed anti-idrogeno. La loro miscela crea un composto altamente instabile che, ulteriormente miscelato con il plasma del motore del siluro, causa un'annichilazione totale molto rapida del siluro ed una conseguente gigantesca esplosione. Un di questi siluri produce un'esplosione di 108 Megajoules di potenza approssimativa (equivalente a circa 4000 siluri fotonici).

Sistema di guida[modifica | modifica wikitesto]

Il siluro comprende anche un sistema di acquisizione del bersaglio, un sistema di guida, un sistema di detonazione e un'unità di sostegno del campo di curvatura (warp). Il sistema di acquisizione del bersaglio, unito al sistema di guida, permette al siluro di riconoscere ed inseguire il bersaglio anche in mezzo ad altre navi. Il sistema di detonazione serve per far collassare i campi magnetici interni e può essere attivato anche a distanza o può essere regolato per innescare l'esplosione in prossimità del bersaglio. L'unità di sostegno del campo di curvatura permette ad una nave che viaggia a velocità di curvatura di lanciare un siluro che mantiene una velocità uguale o inferiore a quella della nave fino al raggiungimento del bersaglio. Il generatore di curvatura del siluro non è propulsivo, ma solamente di mantenimento ed ha una durata limitata nel tempo.

È possibile aumentare la gittata del siluro usando parte della materia e dell'antimateria per fornire energia al generatore di curvatura, a scapito però dell'efficienza detonante dell'arma.

Il sistema di lancio funziona tramite l'immissione forzata di plasma ad alta pressione nel tubo lanciasiluri, questo fornisce all'arma la velocità sufficiente ad allontanarsi dalla nave anche nel caso in cui il sistema di propulsione non si dovesse attivare.


Su una nave di classe Intrepid, quando la sequenza automatica di lancio dei siluri fotonici non è disponibile a causa degli elaboratori di sequenza, è possibile lanciare manualmente i siluri dall'interno della camera di lancio, ricevendo una scarica di plasma[2].

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

Molte volte il siluro non viene usato solo come arma, infatti la natura modulare del siluro rende possibile la sostituzione della carica esplosiva con strumentazione scientifica o ricognitiva per essere trasformato in una sonda (classe VIII e IX). Inoltre come si vede in Star Trek III: Alla ricerca di Spock i siluri vengono usati anche come bare funebri e i corpi vengono lanciati nello spazio. Un altro caso è quello in cui in una dimensione alternativa viene usato un siluro al tricobalto per aprire un varco in un'altra dimensione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Star Trek: Enterprise, seconda stagione, episodio The Expanse
  2. ^ "Future's End - Part II"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Star Trek Portale Star Trek: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Star Trek