Silo (software)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Silo
Sviluppatore Nevercenter
Ultima versione 2.2 (2010)
Sistema operativo Microsoft Windows
Mac OS
Genere Computer grafica 3D
Licenza Software proprietario
(Licenza chiusa)
Lingua Inglese
Sito web Nevercenter Silo

Silo è un applicativo per la modellazione solida basato sulla metodologia a poligoni e su quella a subdivision surfaces, ideato dalla software house Nevercenter. L'applicativo permette di gestire sia la modellazione organica che quella poligonale. Silo è focalizzato sulla semplificazione dell'editing delle forme ed è caratterizzato da un'interfaccia altamente personalizzabile –per la quale tutti i pulsanti del mouse e le combinazioni di tasti sono definibili– ed un workflow particolarmente flessibile.

Silo 2 è stato rilasciato nell'agosto del 2007. Prevede l'high-polygon sculpting mode per la creazione di normal maps e displacement maps, così come gli strumenti per la texture mapping e per la gestione della scena. La versione 2.1 è stata rilasciata nel corso del 2008, mentre la versione 2.2 nel dicembre 2010[1].

L'ambito d'impiego prevede una vasta gamma di possibili applicazioni –dai videogames, alla realizzazione di animazioni al computer, all'architettura– anche come applicativo di supporto per gli altri software di modellazione.

L'applicativo permette una modellazione organica degli oggetti, partendo da figure primitive di base ed impiegando la tecnica della subdivision. Ad esempio, da un cubo è possibile ottenere una sfera procedendo per successive iterazioni, per poi modificarla nuovamente attraverso i vari strumenti di deformazione[2].

Silo è caratterizzato dall'assenza di un motore di rendering nativo e, nel contempo, dalla presenza di una interfaccia minimalista. Quest'ultima si presenta più semplice di quelle adottate dagli altri software omologhi[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ cfr. la recensione di Silo sulla webzine in lingua inglese PCAdvisor a cura di Erez Zukerman del 25.07.12
  2. ^ ibidem
  3. ^ cfr. la recensione su reviewstream.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]