Silo (città)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Silo è stata la capitale di Israele per 300 anni, prima del trasferimento della stessa a Gerusalemme.[1] Il suo sito è presso Khirbet Seilun, in Cisgiordania, 16 km a nord dell'insediamento israeliano di Beth El.

Tale città è citata nella Bibbia, come un'importante centro in cui veniva collocata l'arca dell'alleanza, prima che questa fosse trasferita a Gerusalemme, e dove importanti profeti esercitarono il proprio ministero, come Samuele.[2].

Il santuario di Silo fu raso al suolo in seguito alla vittoria dei Filistei ad Eben-Ezer, quando l'esercito vincitore aveva sottratto l'arca dell'alleanza agli Ebrei. Quando la notizia raggiunse Eli, sacerdote di Silo e capo spirituale degli Ebrei, questi, che nello scontro aveva perso anche i due figli Cofni e Pincas, si accasciò al suolo battendo la testa e morendo. Dopo questi fatti la guida spirituale degli Ebrei passò nelle mani di Samuele, cresciuto nel tempio sotto la guida di Eli. Egli trasferì il suo popolo a Mizpa. [3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) LaMar C. Berrett e D. Kelly Ogden, Discovering The World of The Bible, pag. 94 (Grandin Book Company, 1996). ISBN 0-910523-52-5.
  2. ^ www.laparola.net
  3. ^ AA. VV. a cura di Prof. Gianfranco Ravasi, Il Grande Atlante della Bibbia, pagg. 88-89 (Selezione dal Reader's Digest SPA, 1986). ISBN 88-7045-062-7.