SilkAir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SilkAir
SilkAir Airbus A320 KvW.jpg
Compagnia aerea regionale
Codice IATA MI
Codice ICAO SLK
Identificativo di chiamata SILKAIR
Descrizione
Hub Singapore
Programma frequent flyer KrisFlyer
Airport lounge SATS Premier Lounge
Alleanza Star Alliance
Flotta 21 (+3 ordini)
Destinazioni 31
Controllate Singapore Airlines
Azienda
Fondazione 1976 (come Tradewinds Charters)
Stato Singapore Singapore
Sede Singapore
Gruppo SilkAir Pte Ltd.
Persone chiave Marvin Tan (CEO)
Slogan More journeys to treasure
Sito web www.silkair.com
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La SilkAir (Singapore) Private Limited (cinese: 勝安航空 Shèngān Hángkōng) è una compagnia aerea regionale di Singapore nata nel 1989 e controllata da Singapore Airlines.
È assegnataria del codice IATA MI e del codice ICAO SLK, e opera con il marchio commerciale SilkAir. A maggio 2014 serve 46 destinazioni in Asia dall'hub di Singapore e ha una flotta di 24 aeromobili.

Storia[modifica | modifica sorgente]

SilkAir nasce dalla compagnia aerea Tradewinds Charters, costituita nell'anno 1976 dalla Tradewinds Pte Ltd. per operare come vettore dedicato ai voli turistici di Singapore Airlines e fino a metà degli anni Ottanta la compagnia opera esclusivamente come linea per i pacchetti di viaggio turistici della compagnia di bandiera singaporeana.

Nel febbraio del 1989 Tradewinds diventa una compagnia aerea indipendente e propone voli e soggiorni turistici in Thailandia, per poi espandersi operando collegamenti business verso Giacarta, Phnom Penh e Yangon.

Nell'aprile del 1992 Tradewinds viene ridenominata AirSilk[1] a seguito di un riposizionamento della compagnia che, da vettore solo turistico, diventa a tutti gli effetti una compagnia aerea regionale commerciale; il ramo d'azienda impegnato nei pacchetti di vacanze diventa quindi un'azienda societariamente controllata da Silk Air con denominazione Tradewinds Tours & Travels Pte Ltd.[2][3]

Flotta[modifica | modifica sorgente]

La flotta di SilkAir è composta, a maggio 2014, da 2 Boeing 737-800, da 16 Airbus A320-200 e da 6 Airbus A319-100 con un'età media per aeromobile di 6,6 anni.[4]

Flotta della SilkAir[5][6]
Aeroplano In servizio Ordini Opzioni Passeggeri
J Y Totale
Airbus A319-100 6 8 120 128
Airbus A320-200 6 3 4 16 126 142
9 12 138 150
Totale 22 3 4

Destinazioni[modifica | modifica sorgente]

La SilkAir, a maggio 2014, opera voli commerciali con partenza dall'hub dell'aeroporto Changi di Singapore verso 46 destinazioni in Australia, Cambogia, Cina, India, Vietnam, Indonesia, Thailandia, Malesia, Myanmar, Nepal, e Filippine.[7]

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

Nella storia della compagnia si conta un solo grave incidente:

  • 19/12/1997, il volo SilkAir 185, operato da un Boeing 737 in volo da Giacarta a Singapore precipita senza apparenti motivi, disintegrandosi in aria, nel delta del fiume Musi nei pressi di Palembang, Indonesia. Tutti i 104 occupanti l'aereo rimangono uccisi. Furono condotte varie inchieste che portarono a risultati divergenti: Il National Transportation Safety Committee (NTSC) indonesiano non fu in grado di determinare la causa dell'incidente, mentre il National Transportation Safety Board (NTSB) americano ipotizzò che il disastro fosse stato causato da un atto deliberato da parte di uno dei piloti, presumibilmente il capitano.[8][9]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Profilo dell'azienda dal sito di Bloomberg
  2. ^ Our Heritage dal sito della compagnia
  3. ^ About US dal sito di Tradewinds Tours and Travel
  4. ^ (EN) SilkAir, Our Fleet. URL consultato il 12 maggio 2014.
  5. ^ Singapore Airlines Annual Report 2010-11, Singapore Airlines. URL consultato il 25 novembre 2011.
  6. ^ List of Aircraft on Singapore Register, Civil Aviation Authority of Singapore. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  7. ^ Destinations dal sito della compagnia
  8. ^ Accident description at the Aviation Safety Network [19971219-0]
  9. ^ Final flight: SilkAir, Civil da Aviation Safety Authority (CASA).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]