Sikorsky S-64

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erickson Air Crane (Sikorsky) S-64 Skycrane
Un Erickson Air-Crane S-64 Skycrane antincendio utilizzato in leasing dal servizio antincendio greco.
Un Erickson Air-Crane S-64 Skycrane antincendio utilizzato in leasing dal servizio antincendio greco.
Descrizione
Tipo elicottero pesante gru volante
Equipaggio 1 pilota e 1 copilota più spazio per un osservatore rivolto verso il carico
Costruttore Stati Uniti Sikorsky Aircraft Corporation
Stati Uniti Erickson Air-Crane
Data primo volo 9 maggio 1962
Utilizzatore principale Stati Uniti Erickson Air-Crane
Sviluppato dal Sikorsky CH-54 Tarhe
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 21,41 m
Altezza 5,67 m
Superficie rotore 378,1 m²
Peso a vuoto 8 724 kg
Peso max al decollo 19 050 kg
Capacità fino a 5 Passeggeri
9 072 kg (20 000 lb) di carico
Propulsione
Motore 2 turbine Pratt & Whitney JFTD12-4A (T73-P-1)
Potenza 3 555 kW (4 500 shp) ognuna
Prestazioni
Velocità max 203 km/h (109 kt)
Velocità di crociera 169 km/h (91 kt)
Autonomia 370 km
Tangenza 2 743 m (9 000 ft)
Velocità variometrica 1 330 ft/min

The International Directory of Civil Aircraft [1]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia
Cockpit di un CH-54A impiegato dalla Heavylift.
S-64F del Corpo Forestale dello Stato in mostra al salone HAI HeliExpo del 2005.
S-64F del Corpo Forestale dello Stato in una missione antincendio.
Una gru volante Erickson S-64.
"Shania" (N720HT) mentre scarica acqua sul monte Kuring-gai vicino Sydney nell'aprile del 2007.
S-64 dalla Heavylift utilizzato per la lotta antincendio.

Il Sikorsky S-64 Skycrane (dall'inglese "gru volante") ora Erickson Air Crane S-64 è un elicottero biturbina pesante per il lavoro aereo con rotore a sei pale, progettato dalla Sikorsky negli Stati Uniti d'America all'inizio degli anni sessanta per le esigenze dell'United States Army. La versione impiegata dall'esercito americano è nota come CH-54 Tarhe e deriva il suo nome da Tarhe, un capo indiano del XVII secolo della tribù dei Wyandot, il cui soprannome era "la gru".[2] Attualmente è prodotto dalla Erickson Air-Crane.
Quest'elicottero è adatto al sollevamento di carichi molto pesanti e per il trasporto di container di vario tipo, il che lo rende un mezzo molto versatile, dal trasporto industriale, soccorso civile e forestale all'uso militare.[3][4][5]

La storia[modifica | modifica sorgente]

Il Sikorksy S-64 fu progettato come versione maggiorata della "gru volante" Sikorsky S-60. Venne scelta una configurazione con un rotore principale a sei pale e potenziata da due turboalberi JFTD-12A da 4 050 shp (3020kW). Il prototipo di S-64 effettuò il primo volo il 9 maggio 1962 e fu seguito da due ulteriori esemplari prodotti per valutazione da parte delle forze armate tedesche. Il Bundeswehr non confermò l'ordine, mentre l'United States Army ordinò un lotto iniziale di 6 S-64A che designò CH-54A Tarhe. La Sikorsky produsse principalmente per il mercato militare interno, ma alcuni S-64A e S-64E furono realizzati in versione civile.

La Erickson Air-Crane[modifica | modifica sorgente]

In origine l'S-64 è stato un prodotto della Sikorsky, ma nel 1992 è subentrata la Erickson Air-Crane che ha comprato i diritti di produzione.

Da allora, la Erickson è diventata il costruttore e il principale operatore di S-64 e ha introdotto più di 1 350 varianti alla struttura, strumentazione e capacità di carico rispetto al progetto Sikorsky dell'elicottero. Sulla gru volante può essere installato un serbatoio da circa 10 031 litri (2650 gal) per acqua con possibilità d'inserire liquido ritardante e 290 lt di foam (schiumogeno) da utilizzare per la lotta aerea antincendio e in questa configurazione il modello ha riscosso notevole apprezzamento in questo ruolo.

L'S-64 è stato venduto al Corpo Forestale italiano (CFS) (quattro modelli S-64F) e al servizio forestale sudcoreano per essere impiegato come elicottero antincendio e per le emergenze in generale. La Erickson cede in affitto i suoi elicotteri a organizzazioni, aziende e agenzie governative con contratti di noleggio a breve e lungo termine, per impieghi antincendio, di protezione civile, trasporti eccezionali di materiali da costruzione e per l'industria del legno.

La Erickson costruisce nuovi S-64 e nello stesso tempo aggiorna ed effettua la manutenzione ai CH-54 esistenti, di conseguenza le forze armate statunitensi potrebbero acquisire nuovamente queste gru volanti, aggiornate con nuovi motori, per soddisfare il nuovo requisito "20-ton Sea Basing" in corso di valutazione.

La casa americana ha avviato una tradizione secondo la quale ogni S-64 riceve un nome di battesimo dedicato. Il più noto di questi è "Elvis", assegnato ad un elicottero impiegato nella lotta antincendio in Australia. Altri operatori hanno adottato l'idea, come per esempio i Siller Brothers,che hanno battezzato il loro S-64E, Andy's Pride (orgoglio di Andy). L'Erickson S-64E soprannominato "Olga" è stato utilizzato per l'installazione della sommità della CN Tower di Toronto in Canada. Gli S-64F del CFS hanno i seguenti nomi di battesimo "Geronimo" impiegato nel 2011 in Liguria, "Toro Seduto" impiegato nel 2011 in Sicilia, "Nuvola Rossa" impiegato nel 2011 in Campania e nel 2013 in Friuli[6] e "Orso Bruno" impiegato nel 2011 in Sardegna.

Impiego in Italia[modifica | modifica sorgente]

Sgancio del carico di un Erickson S-64F a Genova, durante gli incendi del settembre 2009

La Protezione Civile italiana gestisce i 4 elicotteri S-64F del CFS.

Il Corpo Forestale dello Stato ne impiega la versione F, che ha come impiego principale la lotta antincendio, e come missione secondaria la movimentazione di grandi carichi, visto che il mezzo possiede una capacità di sollevamento superiore a 4 000 kg fino a quote di 3 000 metri. Nel dicembre 2006, un S-64 del Corpo Forestale dello Stato ha trasportato dalla Sila a Roma un gigantesco abete della lunghezza di oltre 20 metri, utilizzato come albero di natale a piazza S. Pietro.

Il serbatoio antincendio ha 8 livelli differenziati di riempimento e di sgancio e può alimentare un cannone ad acqua. Il carico può essere lanciato durante un solo passaggio in tre secondi. La strisciata continua, le cui dimensioni variano in base alla velocità e all’altezza del lancio, copre una lunghezza di 500 m circa. Alternativamente il carico può essere lanciato in modo frazionato con quantitativi regolabili dal pilota. Tramite una cannone posizionato nella parte anteriore è possibile effettuare azioni molto precise e mirate.

Il riempimento avviene tramite un tubo flessibile (pound snorkel) di aspirazione con pompa, o tramite un secondo tubo fisso con pinna alla fine (sea snorkel) che carica sfruttando la velocità di traslazione dell'elicottero a 1 / 2 mt dal livello dell'acqua. I 9000/10000 litri di acqua dolce o salata del serbatoio possono essere caricati in 45 secondi in entrambi i modi ed ha una autonomia di 2,15 ore in volo.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Sikorsky[modifica | modifica sorgente]

S-64
Prima denominazione, 3 esemplari costruiti.
S-64A
Sei elicotteri per prove e valutazioni da parte dell'US Army.
S-64E 
Versione civile del CH-54A, 7 costruiti.

Erickson Air-Crane[modifica | modifica sorgente]

S-64E
Versione migliorata e con certificazione civile dei CH-54A, più un nuovo elicottero costruito.
S-64F
Versione migliorata e con certificazione civile dei CH-54B. Utilizza due motori Pratt & Whitney JFTD12-5A.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti
Canada Canada
Italia Italia
Corea del Sud Corea del Sud

operatori precedenti[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

  • "Aurora" – dal nome dell'Aurora State Airport, base della Columbia Helicopters, precedente proprietaria dell'elicottero.[8] Radiato dal servizio il 26 agosto 2004 a causa, pare, di un cedimento durante un volo.[9]
  • "Gypsy Lady" – precipitato nella Rose Valley in California fine del 2006.[10][11] Riparato e rimesso in servizio.
  • "Cavallo Pazzo" – S-64F; proprietà della CFS si distrugge sul piazzale dell'aeroporto internazionale di Fiumicino - Italia appena dopo il decollo. Martiy Ericsson, 49 anni, rimane ucciso nell'impatto, gli altri 2 piloti escono lievemente feriti - 7 luglio 2005.
  • "Shirley Jean" – S-64F; proprietà della European Air-Crane e immatricolato nel 2006 come I-SEAD; incidentato in Italia il 26 aprile 2007.[12] L'elicottero è andato distrutto nell'incendio conseguente all'impatto, e l'equipaggio composto da 2 piloti ne è uscito miracolosamente illeso.[13]
  • "N163AC" - S64F; utilizzato dalla Protezione civile e precipitato per errore umano nel lago di Avigliana (TO) il 1º giugno 2008 fortunatamente senza deceduti. [14]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Frawley, Gerard: The International Directiory of Civil Aircraft, 2003-2004, page 195. Aerospace Publications Pty Ltd, 2003. ISBN 1-875671-58-7
  2. ^ Pagina web dell'Ohio History su Tarhe
  3. ^ The Sikorsky S-64 (CH-54) Flying Crane Helicopter
  4. ^ Sikorsky S-64 / CH-54 "Tarhe"
  5. ^ Review | “tigerrrr” Sikorsky S-64 Air Crane
  6. ^ Monte Jovet, incendio inarginabile: «Bruciati mille ettari» /Video
  7. ^ HAI Rotornews
  8. ^ a b Helispot photo
  9. ^ NTSB report — WAS04WA012
  10. ^ NTSB report in pdf
  11. ^ Inciweb - Helitanker Accident At Rose Valley
  12. ^ http://www.dgualdo.it/isead-report.htm Area elicotteri in dgualdo.it
  13. ^ NTSB report — NYC07WA152
  14. ^ Avigliana, elicottero cade nel lago i piloti salvati dai vigili del fuoco | Torino la Repubblica.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

sviluppi collegati
elicotteri simili
vedi anche

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione