Sikorsky S-53

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sikorsky S-53/XHJS-1
Descrizione
Tipo elicottero leggero utility
Equipaggio 1 pilota 4 passeggeri
Costruttore Stati Uniti Sikorsky Aircraft Corporation
Data primo volo 22 settembre 1947
Utilizzatore principale Stati Uniti U.S. Navy
Esemplari 3 prototipi[1]
Sviluppato dal Sikorsky S-51
Dimensioni e pesi
Diametro rotore 14,94 m
Propulsione
Motore 1 motore radiale Continental R-975-34
Potenza 391 kW (525 shp)

fonte:J. Andrade, [2]vectorsite.net[1]

voci di elicotteri presenti su Wikipedia

Il Sikorsky S-53 noto con il nome Sikorsky XHJS-1 era un elicottero utility quadriposto, progettato dall'azienda statunitense Sikorsky Aircraft Corporation nella seconda parte degli anni quaranta. Venne sviluppato in risposta a un requisito della U.S. Navy per un elicottero polivalente navale. Il progetto XHJS-1 non fu avviato in produzione e ne vennero costruiti solo tre prototipi[2].

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

L'S-53 era uno sviluppo del Sikorsky H-5 (S-51 per la denominazione interna), equipaggiato con un motore radiale Continental R-975-34 da 391 kW (525 shp) e modificato per l'impiego sulle portaerei. Il rotore di coda fu progettato per essere al di sopra dell'altezza d'uomo, con lo scopo di fornire maggiore sicurezza a terra, e il carrello d'atterraggio fu rinforzato per consentire le operazioni da navi militari. Tra le altre varianti rispetto al modello di partenza, vi era un rotore ripiegabile e la predisposizione per un carrello di tipo anfibio. La marina statunitense ne ordinò tre prototipi con la denominazione XHJS-1[2] e il primo esemplare volò per la prima volta il 22 settembre 1947. Il progetto venne messo in competizione con il Piasecki XHUP-1 che si aggiudicò la commessa e fu ordinato con la denominazione HUP-1. L'S-53 si rivelò nettamente inferiore ai suoi concorrenti, non ebbe sviluppi ulteriori, fu abbandonato e mai più menzionato dalla Sikorsky.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

  • XHJS-1
Prototipo per elicottero utility navale: tre costruiti.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b vectorsite.net
  2. ^ a b c d Andrade 1979, p. 194

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andrade John, U.S. Military Aircraft Designations and Serials since 1909, Midland Counties Publications, 1979, ISBN 0-904597-22-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]