Sigurd il Forte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sigurd Hlodvisson, comunemente noto come Sigurd il Forte (960 circa – 23 aprile 1014), è stato un Conte delle Orcadi. La principale fonte di informazioni sulla sua vita è la Saga degli uomini delle Orcadi, scritta secoli dopo la sua morte.

Secondo la Saga degli uomini delle Orcadi, Sigurd era figlio di Hlodvir, uno dei cinque figli di Thorfinn Turf-Einarsson, e di Eithne, che si dice fosse figlia di Kjarvalr, re d'Irlanda, Cerball mac Dúnlainge, re di Osraige, che morì nell'888. Hlodvir morì nel proprio letto e lasciò il titolo di conte a Sigurd.[1][2]

Lo zio di Sigurd, Ljot, era stato ucciso in guerra contro gli scozzesi, e Sigurd dovette presto affrontare problemi nelle regioni meridionali. Un certo "conte Finnleik" guidò un esercito contro di lui, superandolo in numero in proporzione di sette a uno. La Saga riporta la risposta che la madre di Sigurd gli diede quando si rivolse a lei per un consiglio:

(EN)
« It is better to die with honour than to live with dishonour. Receive a standard which I have made with my whole knowledge, and I expect it will be victorious to him before whom it is carried, but the bane of him who bears it »
(IT)
« È meglio morire con onore che vivere con disonore. Prendi lo stendardo che ho fatto con tutta la mia conoscenza, e mi aspetto che porterà la vittoria a chi lo seguirà, ma la propria rovina a colui che lo porterà »
([1])

Lo Stendardo del corvo si comportò come predetto dalla madre di Sigurd: egli vinse, ma chi portava lo stendardo morì.[1]

Secondo la Njals saga del XIII secolo, Gormflaith chiese al figlio Sigtrygg Barba di Seta di chiedere a Sigurd di aiutarla a combattere contro il suo ex marito, Brian Boru:

"...ella lo inviò al conte Sigurd per chiedere aiuto... Sigtrygg salpò per l'Irlanda e disse alla madre che il jarl si era unito a lui."

In una fonte irlandese del XII secolo, il Cogadh Gaedhil re Gallaibh, vengono raccontati gli eventi della battaglia di Clontarf del 1014. Gli "stranieri e abitanti di Leinster" furono guidati da Brodir dell'isola di Man e da Sigurd, e la battaglia durò tutto il giorno. Anche se Brian morì in battaglia, gli irlandesi riuscirono a cacciare indietro i nemici fino al mare, e lo stesso Sigurd fu ucciso. Sigurd lasciò quattro figli: Brusi, Sumarlidi, Einar e Thorfinn, ognuno dei quali ebbe il titolo di Conte delle Orcadi.

Predecessore Conte delle Orcadi Successore
Arnfinn Thorfinnsson
Havard Thorfinnsson
Ljot Thorfinnsson
Hlodvir Thorfinnsson
991-1014 Einar Sigurdsson
Brusi Sigurdsson
Sumarlidi Sigurdsson

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Orkneyinga Saga, capitolo 11.
  2. ^ Ó Corrain, "Viking Ireland - Afterthoughts".