Signore della luce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Signore della Luce
Titolo originale Lord of Light
Autore Roger Zelazny
1ª ed. originale 1967
1ª ed. italiana 1975
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Protagonisti Mahasamatman (Sam)
Coprotagonisti Rakshashi (vedi Rakshasa), Yama, Ratri, Tak
Antagonisti Brahma, Shiva, Vishnu, Maya e altre divinità

Signore della Luce (Lord of Light) è un romanzo di fantascienza di Roger Zelazny pubblicato nel 1967.

Ha vinto il Premio Hugo ed è stato candidato al Premio Nebula.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Secoli dopo la morte della Terra, in un pianeta remoto e sconosciuto, alcuni terrestri possiedono la conoscenza di una tecnologia altamente sviluppata, grazie alla quale si sono dotati di poteri semidivini e della reincarnazione, dandosi quindi il nome di diverse divinità del pantheon indù. Siddharta (Mahasamatman o, come preferisce essere chiamato, Sam), dopo cinquant'anni di esilio, durante il quale era stato privato del corpo e costretto a vagare sotto forma di onda stazionaria nella nube magnetica che circonda il pianeta, viene fatto reincarnare da Yama, il dio della morte. Egli lo ha richiamato per salvare l'umanità di quel pianeta, dominata dai semidei, i colonizzatori, arrivati secoli e secoli prima. Ha così inizio la battaglia contro il pantheon dei dominatori.

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo accosta la fantascienza alla mitologia indiana. Il protagonista, inoltre, viene paragonato a Buddha, ed è presente anche il Cristianesimo, che il semidio Nirriti vuole riportare in auge.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]