Siganus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Siganidae)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Siganus
Siganus stellatus Maldives.JPG
Siganus stellatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Siganidae
Forsskål, 1775
Genere Siganus
Forsskål, 1775
Specie

vedi testo

Siganus Forsskål, 1775 è un genere di pesci ossei d'acqua salata dell'ordine Perciformes, unico genere della famiglia Siganidae[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo dei siganidi è mediamente alto, molto compresso ai fianchi. Visto di profilo ricorda un'ellisse. In alcune specie il muso si allunga a tubo. Il peduncolo caudale è sottile, la coda a delta, leggermente forcuta. La pinna dorsale e quella anale sono lunghe, composte da grossi aculei terminanti con raggi sottili. Le pinne pettorali sono ampie.
La livrea è estremamente variabile, a seconda della specie.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questi pesci sono diffusi nell'oceano Indo-Pacifico, nelle barriere coralline e nelle scogliere.

Due specie (Siganus luridus e Siganus rivulatus) si sono stabilite nel mar Mediterraneo in seguito a migrazione lessepsiana[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Siganus doliatus
Siganus puellus
Siganus unimaculatus
Siganus vulpinus

Il genere comprende le seguenti specie[1]:

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

Alcune specie sono oggetto di pesca per l'allevamento in acquario, viste le dimensioni contenute e i bei colori delle livree. Una delle specie più conosciute è Siganus vulpinus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Siganus in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species). URL consultato il 28 ottobre 2014.
  2. ^ (EN) Exotic Fishes in the Mediterranean Sea in Atlas of exotic species in the Mediterranean, CIESM. URL consultato il 28 ottobre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]