Sicone II di Salerno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sicone II (... – 855) fu principe longobardo di Salerno dall'851 all'853.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio e successore di Siconolfo, primo principe di Salerno, Sicone regnò dall'851, anno della morte del padre e della costituzione del Principato di Salerno, fino alla sua deposizione nell'853. Gli fu attribuito l'ordinale "II" come successore, nel meridione d'Italia, di Sicone di Benevento.

Alla morte del padre, Sicone era ancora minorenne e fu posto sotto la tutela del conte Pietro. Dopo appena due anni di reggenza, Pietro depose il principe in carica, che fu costretto a fuggire al nord presso l'imperatore Ludovico II. Secondo il Chronicon Salernitanum, egli raggiunse la maggiore età nell'855 e ritornò a Salerno a reclamare il trono, ma fu avvelenato a Capua da sicari di Ademaro, il figlio del conte Pietro che gli era succeduto illegalmente al trono.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Principe di Salerno Successore
Siconolfo 853853 Pietro