Sicista napaea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Topo delle betulle degli Altaj
Immagine di Sicista napaea mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Famiglia Dipodidae
Sottofamiglia Sicistinae
Genere Sicista
Specie S.napaea
Nomenclatura binomiale
Sicista napaea
Hollister, 1912

Il topo delle betulle degli Altaj (Sicista napaea Hollister, 1912) è un roditore della famiglia dei Dipodidi diffuso nell'Asia centrale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 65 e 79 mm, la lunghezza della coda tra 82,1 e 103 mm, la lunghezza del piede tra 16 e 20 mm, la lunghezza delle orecchie tra 9 e 16 mm e un peso fino a 19 g.[3]

Le parti dorsali sono giallo-brunastre, cosparse di peli marroni e prive della striscia scura dorsale, mentre le parti ventrali sono color giallo crema, più brillante sulla parte bassa dell'addome e nella regione anale. I fianchi sono grigio-giallastri. Le orecchie sono marroni con i margini leggermente giallastri e con delle macchie rossicce alla base anteriore e posteriore. Le zampe sono bianco-grigiastre, con una macchia rossiccia sui talloni. La coda è più lunga della testa e del corpo, è marrone sopra e grigio chiaro sotto. Il pene presenta sui lati due spine coniche spesse dirette posteriormente. Il cariotipo è 2n=42 FN=52.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

È una specie solitaria, attiva al tramonto e di notte. Entra in letargo dai primi giorni di settembre a metà maggio.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di invertebrati, semi e bacche.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Si riproduce una volta l'anno tra giugno e luglio. Le femmine danno alla luce 4-5 piccoli alla volta dopo una gestazione di circa 20 giorni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa sui Monti Altaj, tra il Kazakhstan orientale e la Siberia sud-occidentale.

Vive nelle boscaglie, praterie e campi in prossimità di piccole macchie forestali tra 400 e 2.200 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale nonostante sia rara, classifica S.napaea come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Tsytsulina, K. 2008, Sicista napaea in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Sicista napaea in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Shenbrot & Al., 1995, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ned Hollister, New mammals from the Highlands of Siberia in Smithsonian Miscellaneous Collections, vol. 60, nº 14, 1912, pp. 1-6.
  • B.S.Vinogradov & A.Argyropulo, Fauna of the U.S.S.R.: Mammals. Key to Rodents, Accademie delle Scienze dell'U.S.S.R., 1971.
  • G.I.Shenbrot, V.E.Sokolov, V.G.Heptner, Yu.M.Koval'skaya, Mammals of Russia and Adjacent Regions - Jerboas, Nauka, 1995.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi