Sicista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sicista
Sicista betulina 03.JPG
Sicista betulina
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Dipodoidea
Famiglia Dipodidae
Sottofamiglia Sicistinae
Genere Sicista
Gray, 1827
Specie

Vedi testo

Sicista (Gray, 1827) è un genere di roditori della famiglia dei Dipodidi, unico della sottofamiglia Sicistinae, comunemente noti come siciste o topi delle betulle.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Al genere Sicista appartengono roditori di piccole dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 50 e 90 mm, la lunghezza della coda tra 65 e 110 mm e un peso fino a 14 g.[1]

Il cranio presenta un rostro allungato, una scatola cranica rotonda ed è privo di creste sopra-orbitali. La bolla timpanica è relativamente piccola. Il palato si estende oltre l'ultimo molare, mentre i fori palatali sono lunghi e ben pronunciati. Il premolare superiore e l'ultimo molare sono piccoli. Gli incisivi sono lisci.
Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 1 0 1 1 0 1 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 18
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Il corpo è simile a quello di un piccolo topo. La pelliccia è ruvida, generalmente le parti dorsali sono brunastre talvolta attraversate longitudinalmente da una striscia scura dorsale, mentre le parti ventrali sono più chiare. Le zampe posteriori sono strette ed allungate, il piede ha cinque dita, con l'alluce corto ed il quinto dito notevolmente ridotto. Differentemente dagli altri membri della famiglia non è eccessivamente adattato ad un'andatura saltatoria. La coda è più lunga della testa e del corpo, cosparsa di corti peli e semi-prensile. Le femmine hanno quattro paia di mammelle.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è diffuso nell'Ecozona paleartica, dall'Europa settentrionale attraverso la Russia, il Caucaso e l'Asia centrale fino alla Cina nord-orientale e alla Penisola della Kamčatka.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 13 specie.[2]

  • Forme con una striscia scura dorsale.
Sicista betulina
Sicista severtzovi
Sicista strandi
Sicista subtilis
  • Forme senza la striscia scura dorsale.
Sicista armenica
Sicista caucasica
Sicista caudata
Sicista concolor
Sicista kazbegica
Sicista kluchorica
Sicista napaea
Sicista pseudonapaea
Sicista tianshanica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Novak, 1999, op. cit.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Sicista in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi