Shusaku Arakawa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Shusaku Arakawa (Nagoya, 6 luglio 1936Manhattan, 18 maggio 2010) è stato un artista e architetto giapponese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Noto artista concettuale, arriva a New York nel 1961 con 14 dollari in tasca, l'indirizzo di Marcel Duchamp e un'esperienza neodadaista che lo aveva costretto a lasciare il Giappone. Dopo due anni a New York incontra Madeline Gin che ben presto diventa sua moglie e insieme ha esplorato la mortalità attraverso "la creazione di edifici costruiti per fermare l'invecchiamento".

Libri di Arakawa e Gins[modifica | modifica sorgente]

  • Word Rain (Gins, 1969)
  • The Mechanism of Meaning (Arakawa & Gins, 1971)
  • Intend (Gins, 1973)
  • What the President Will Say and Do (Gins, 1984)
  • To Not to Die (Gins, 1987)
  • Architecture: Sites of Reversible Destiny (Arakawa & Gins, 1994)
  • Hellen Keller or Arakawa (Gins, 1994)
  • Reversible Destiny (Arakawa & Gins, 1997)
  • Architectural Body (Arakawa & Gins, 2002)
  • Making Dying Illegal (Arakawa & Gins, 2006)

Note[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 6613 LCCN: n79091248