Shugo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Shugo (守护?) nel Giappone feudale era il titolo (di solito tradotto come "governatore") che spettava a determinati funzionari nominati dallo shōgun per amministrare una o più delle province del Giappone.

Da questa figura derivò poi, nel tardo XV secolo, quella del Daimyo (signore feudale), ovvero di coloro che in origine erano degli shugo che cominciarono poi a rivendicare il potere per sé stessi, piuttosto che servire semplicemente come governatori, lo shogun.

Dal periodo della Guerra Ōnin (1467-1477) in poi i conflitti tra shugo divennero quindi diffusi da sconvolgere l'intero Giappone, nel periodo chiamato sengoku.

In questo modo, all'inizio del secolo XVI, il paese era diviso tra signori di vari tipi (shugo, shugodai, e altri), chiamati comunemente daimyo.

Fra costoro, primeggiarono Oda Nobunaga, Toyotomi Hideyoshi e Tokugawa Ieyasu, che si impose nel paese, pacificandolo e inaugurando così lo shogunato Tokugawa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stephen Turnbull, I guerrieri samurai, Trezzano S/N, Italia, Fratelli Melita Editore, 1991.
  • Stephen Turnbull, Le battaglie dei samurai, Trezzano S/N, Italia, Fratelli Melita Editore, 1991.