Shomu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shomu

Shomu (聖武天皇; 7014 giugno 756) è stato il 45º imperatore del Giappone. Ha regnato dal 724 al 749 a Nara.

Figlio dell'imperatore Mommu e di Fujiwara no Miyako, figlia di Fujiwara no Fuhito. Il suo nome appena nato era Principe Obito.

Quando suo padre morì nel 707 Obito era ancora un bambino, dunque la madre di Mommu, l'imperatrice Gemmei salì al trono. Nel 714 l'imperatrice nominò Obito principe ereditario.
A causa della sua giovane età Gemmei lasciò il trono nel 715 non a lui ma a sua zia Gensho che era sorella di Mommu. Nel 725 Gensho trasmette il trono a suo nipote.

Shomu è il primo imperatore del Giappone la cui madre, Fujirawa no Komyoshi, non appartiene alla sua famiglia. Oggi è conosciuta come l'imperatrice Komyo.

Shomu fu un fervente sostenitore del Buddhismo fondando anche il tempio Todai-ji a Nara.

Nel 749 abdicò in favore di sua figlia Abe che nota successivamente come l'imperatrice Koken.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore del Giappone Successore Imperial Seal of Japan.svg
Gensho 724-749 Koken

Controllo di autorità VIAF: 18565791 LCCN: n82070629