Shirsasana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shirsasana

Shirsasana o "Sirsasana", ovvero posizione capovolta o posizione sulla testa, è una asana di Hatha Yoga della categoria delle "posizioni capovolte". Deriva dal sanscrito "sirsa" che significa testa e "asana" che significa posizione.

Scopo della posizione[modifica | modifica wikitesto]

La posizione ha lo scopo di irrorare la zona cerebrale di sangue e nel contempo di far defluire liquidi dalle gambe e dalle viscere.

Posizione[modifica | modifica wikitesto]

Posizionarsi in ginocchio, appoggiando a terra gli avambracci e unendo le dita delle mani in modo da formare un triangolo con le braccia. Appoggiare la testa in contatto con le mani sotto il vertice del triangolo, vicino alle dita, e portare le ginocchia tra i gomiti. Sollevare le ginocchia fino a portare la schiena in posizione verticale con le gambe ripiegate. Allungare infine le gambe in una posizione completamente verticale. Tutto il peso è retto dalla testa.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Esiste la variante più semplice Kapalasana, dal sanscrito "kapala" che significa "cranio", e che prevede che invece di formare un triangolo con le braccia, ci si aiuti con le mani direttamente a terra. Questo aiuta a mantenere l'equilibrio e a fare maggiore forza verso terra.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • André Van Lysebeth, Imparo lo yoga, Mursia
induismo Portale Induismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di induismo