Shirley Eaton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Shirley Eaton (Edgeware, 12 gennaio 1937) è un'attrice britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Artista precoce, debutta in teatro a soli 12 anni, mentre a 14 ottiene il suo primo ruolo importante davanti alle telecamere nella serie televisiva Parent-Craft (1951).

Tra la fine degli anni cinquanta e l'inizio dei sessanta colleziona una serie di partecipazioni in ruoli minori in numerose commedie, esperienza che le permette di lavorare con mostri sacri del cinema come Peter Sellers in La verità...quasi nuda (1957) e Dirk Bogarde in Dottore a spasso (1957).

La svolta giunge per l'attrice nel 1964, quando diventa l'icona simbolo delle Bond girl: interpreta infatti il ruolo di Jill Masterson nel film Agente 007 - Missione Goldfinger, che prevede una memorabile scena in cui il suo personaggio giace defunto e con il corpo completamente dipinto da una vernice dorata. È un successo clamoroso che la porta a comparire, nuovamente ricoperta d'oro, sulla copertina della celebre rivista Life.

Il ruolo di Jill Masterson è il definitivo trampolino di lancio per la carriera della Eaton, che le consente di recitare ancora in diversi film d'avventura, commedie brillanti, e nel giallo Dieci piccoli indiani (1965). Il suo ultimo ruolo è stato quello della diabolica Sumuru nei due film dedicati al personaggio, usciti rispettivamente nel 1967 e nel 1969, dopo i quali si è ritirata dal mondo del cinema per stare più vicina alla famiglia. È stata sposata con Colin Rowe dal 1957 alla morte di lui nel 1994. Dal matrimonio sono nati due figli, Grant e Jason.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 167091161 LCCN: no00050569