Shirley Bassey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shirley Bassey
Shirley Bassey alla Wembley Arena, 2006
Shirley Bassey alla Wembley Arena, 2006
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Pop
Pop rock
Rhythm and blues
Soul
Periodo di attività 1957 – in attività
Etichetta United Artists, EMI

Dame Shirley Veronica Bassey (Cardiff, 8 gennaio 1937) è una cantante britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nota al pubblico anglosassone fin dagli anni cinquanta per la sua voce potente e dal timbro personalissimo, raggiunse notorietà a livello mondiale grazie alle interpretazioni nelle title-track di vari film della serie di James Bond tra cui Goldfinger (1964) (seconda posizione in Italia, quinta in Olanda, settima in Austria e Norvegia ed ottava in Germania), Diamonds Are Forever (1971), e Moonraker (1979).

In Italia ha partecipato al Festival di Sanremo 1968 con la canzone La vita cantata in coppia con Elio Gandolfi; nello stesso anno ha inciso Domani domani, scritta da Pino Donaggio, Pronto sono io, scritta da Memo Remigi e Com'è piccolo il mondo e Yes, entrambe scritte da Paolo Conte.

Il 31 dicembre 1968 si è esibita alla Bussola di Focette in una serata ricordata anche per la violenta contestazione studentesca avvenuta all'esterno del locale, considerato dai manifestanti un simbolo della ricca borghesia.

Shirley Bassey si è esibita alla Bussola il 31 dicembre 1968

Sempre in Italia, dal 1968 al 1970, ha registrato 8 singoli e l'LP This Is My Life (La vita). Tra i musicisti presenti nelle registrazioni con la grande orchestra, i chitarristi Bruno De Filippi e Massimo Ernesto Verardi, il bassista Pino Presti, i batteristi Rolando Ceragioli e Lionello Bionda.

Con Concerto d'autunno, scritta da Camillo Bargoni e Danpa, ha gareggiato a Canzonissima nel 1969.

Ha inciso anche If You Go Away, cover di Ne Me Quitte Pas di Jacques Brel e la cover Quiero olvidarte portata al successo da Sumiva Moreno.

Nel 1999, per i suoi meriti artistici, la regina Elisabetta II le ha conferito l'onorificenza di Dama di Commenda dell'Impero Britannico, cui corrisponde l'appellativo di Dame (l'onorificenza è analoga a quella maschile di Cavaliere che dà il titolo di Sir).

Intensa la sua attività negli anni 2000, con registrazioni e concerti in tutto il mondo. Il 31 marzo 2011 si è esibita al gala che celebrava gli ottant'anni di Mikhail Gorbachev.[1] Ha anche partecipato al Classical Brit Awards nel 2011, cantando Goldfinger in tributo a John Barry.[2]

Il 20 giugno 2011, ha cantato Diamonds Are Forever e Goldfinger, accompagnata dalla Royal Philharmonic Orchestra, per un altro tributo a John Barry alla Royal Albert Hall a Londra.

Numerosi artisti hanno composto e scritto per lei brani: fra i più celebri si ricordano Elton John, Rufus Wainwright, Pet Shop Boys, Nick Hodgson e Propellerheads.

Il 24 febbraio 2013 si è esibita alla cerimonia degli Oscar cantando la famosa Goldfinger.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La cantante viene citata nel film d'animazione Dreamworks Shrek 2.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama di Commenda dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Commenda dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1999

Legion D'Honneur 2003

Discografia Italiana[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album UK[modifica | modifica wikitesto]

Philips[modifica | modifica wikitesto]

  • Born to Sing the Blues (1957)
  • Shirley Bassey at the Café De Paris (1957)
  • Bewitching Miss Bassey (1959)

EMI Columbia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Fabulous Shirley Bassey (numero 12 1959)
  • Shirley (numero 9 1961)
  • Shirley Bassey (numero 14 1962)
  • Let's Face the Music (numero 12 1962)
  • Goldfinger [Soundtrack] (numero 14 1964)
  • Shirley Bassey at the Pigalle (numero 15 1965)
  • Shirley Stops the Shows (1965)

United Artists[modifica | modifica wikitesto]

  • I've Got a Song for You (numero 26 1966)
  • And We Were Lovers (1967)
  • 12 of Those Songs (numero 38 1968)
  • This Is My Life (1968)
  • Golden Hits of Shirley Bassey (numero 28 1968)
  • Does Anybody Miss Me (1969)
  • Live at Talk of the Town (numero 38 1970)
  • Something (numero 5 1970)
  • Something Else (numero 7 1971)
  • Big Spender (numero 27 1971)
  • It's Magic (numero 32 1971)
  • The Fabulous Shirley Bassey (numero 48 1971)
  • What Now My Love (numero 17 1971)
  • The Shirley Bassey Collection (numero 37 1972)
  • And I Love You So (numero 24 1972)
  • I Capricorn (numero 13 1972)
  • Never, Never, Never (numero 10 1973)
  • Nobody Does It Like Me (1974)
  • The Shirley Bassey Singles Album (numero 2 1975)
  • Good Bad But Beautiful (numero 13 1975)
  • Love Life and Feelings (numero 13 1976)
  • Thoughts of Love (numero 15 1976)
  • You Take My Heart Away (numero 34 1977)
  • 25th Anniversary Album (numero 3 1978)
  • Yesterdays (1978)
  • The Magic Is You (numero 40 1978)
  • What I Did for Love (1979)

Altre etichette[modifica | modifica wikitesto]

  • Love Songs (numero 48 1982)
  • I Am What I Am with the London Symphony Orchestra (numero 25 1984) Ariola
  • La Mujer (1987)
  • Keep the Music Playing (numero 25 1991)
  • The Best of Shirley Bassey (numero 27 1992)
  • Sings Andrew Lloyd Webber (numero 34 1993)
  • Sings the Movies (numero 24 1995)
  • The Show Must Go On (numero 47 1996)
  • The Birthday Concert (1997) (Nomination ai grammy award)
  • Land of My Fathers (numero 1 UK compilation chart 1999) (numero 1 NZ album chart 1999)
  • The Remix Album: Diamonds Are Forever (numero 62 2000)
  • The Greatest Hits - This Is My Life (numero 54 2000, numero 1 HMV Easy Listening Sales Chart)
  • Thank You for the Years (numero 19 2003)
  • The Columbia/EMI Singles Collection (2006)
  • Get the Party Started (numero 6 June 25, 2007)
  • The Performance (numero 20 2009)

Album USA[modifica | modifica wikitesto]

EMI Columbia[modifica | modifica wikitesto]

  • Goldfinger [Soundtrack] (numero 1 1964)
  • Something (numero 105 1970)
  • Something Else (numero 123 1971)
  • And I Love You So (numero 171 1972)
  • I Capricorn (numero 174 1972)
  • Never, Never, Never (numero 60 1973)
  • Shirley Bassey Belts the Best! (numero 85 1973)
  • Nobody Does Like Me (numero 142 1974)
  • Live at the Carnegie Hall (numero 136 1975)
  • Good, Bad, But Beautiful (numero 176 1975)
  • Love, Life and Feelings (numero 149 1976)
  • Get the Party Started (# 2008)

Top R&B albums[modifica | modifica wikitesto]

  • Something (numero 29 1970)
  • Never, Never, Never (numero 34 1973)
  • Live at the Carnegie Hall (numero 20 1975)
  • Good, Bad, But Beautiful (numero 54 1975)

Singoli UK[modifica | modifica wikitesto]

Singoli USA[modifica | modifica wikitesto]

Hot 100[modifica | modifica wikitesto]

  • Goldfinger - charted 01-30-1965; numero 8 *"Something" - charted 09-19-1970; numero 55
  • Diamonds Are Forever - charted 01-29-1972; numero 57
  • Never, Never, Never (Grande, Grande, Grande)
  • Diamonds from Sierra Leone - charted 2005; numero 43 (Kanye West featuring Shirley Bassey)

Adult contemporary chart[modifica | modifica wikitesto]

  • Goldfinger - four weeks at numero 2, 1965
  • It's Yourself - numero 38, 1965
  • Something - numero 9, 1970
  • Diamonds Are Forever - numero 14, 1972
  • Never, Never, Never (Grande, Grande, Grande) - numero 8, 1973
  • Davy - numero 44, 1974

Hot Dance Club Play[modifica | modifica wikitesto]

Hot R&B/Hip Hop chart[modifica | modifica wikitesto]

  • Never, Never, Never - numero 67, 1973
  • Diamonds from Sierra Leone - numero 21, 2005 (Kanye West featuring Shirley Bassey)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sharon Stone, Schwarzenegger Salute Gorbachev at Gala Marathon - Bloomberg
  2. ^ Dame Shirley and Katherine Jenkins steal the show at Classic Brits - Wales News - News - WalesOnline

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 66648809 LCCN: n94087510