Shimun XII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shimun XII
patriarca della Chiesa caldea
Nato  ?
Consacrato vescovo  ?
Elevato patriarca 1656 (eletto)
Mai confermato
Deceduto 1662

Shimun (... – Urmia, 1662) è stato il settimo patriarca della Chiesa caldea con il nome di Shimun XII[1].

Fu l'ultimo patriarca cattolico della serie dei Simoniti (1553-1662).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poco si conosce della vita di questo patriarca cattolico. Eletto nel 1656 secondo il principio del sistema ereditario, per cui il nuovo patriarca veniva scelto tra i familiari del patriarca defunto, succedette a Shimun XI.

Inviò a Roma una professione di fede nel 1658, ma non si conosce l'esito di questa iniziativa e non ci sono prove della conferma papale della sua elezione. Tfinkdji e Tisserant tuttavia lo elencano fra i patriarchi cattolici. In una lettera del 1661 allo scià di Persia Abbas II e a Shimun XII, papa Alessandro VII assicura i servigi del vescovo latino di Ispahan per aiutare i cattolici caldei del regno.

Per Tfinkdji, sede patriarcale era la città persiana di Urmia. Secondo Murre-Vandenberg invece Shimun XII aveva la sua sede in Khosrau Abad (Khosrowa).

Morì nel 1662 e gli succedette Shimun XIII, il quale, secondo quanto riportano Tfinkdji e Tisserant, ruppe la comunione con la Santa Sede e spostò la sua sede a Qochanis.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo Tfinkdji (p. 474) il suo nome di battesimo è Yonan, ignorato da Murre-Vandenberg.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Patriarca di Babilonia dei Caldei Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Shimun XI 1656 - 1662 Yosep I
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie