Shenzhou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shenzhou
Post S-7 Shenzhou spacecraft-fr.png
Schema della navetta
Dati generali
Nazione Cina
Equipaggio 3 persone
Operatività
Status In servizio
Primo lancio 19 novembre 1999

La Shenzhou (Cinese: 神舟; pinyin: Shén Zhōu) è la navicella spaziale della Repubblica Popolare Cinese che ha portato per la prima volta un astronauta cinese (detto anche "taikonauta") in orbita, il 15 ottobre del 2003 (Shenzhou 5).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo cominciò nel 1992, sotto il nome di Progetto 921-1. Al Programma Nazionale Cinese di volo spaziale umano fu dato il nome di Progetto 921. I piani originali prevedevano un lancio umano nell'ottobre del 1999.

I primi quattro voli di prova senza uomini a bordo si ebbero nel 1999, nel 2001 e nel 2002. Il secondo volo umano del Programma, Shenzhou 6, fu lanciato il 12 ottobre del 2005 tramite un vettore Lunga marcia 2F dal Centro dal Jiuquan Satellite Launch Center.

Il nome della navicella può essere tradotto come "Nave divina" o "Vascello divino", ma è anche un nome letterario della Cina pronunciato nella stessa maniera ("Terra divina")

In onore della navicella nel marzo 2005 un asteroide è stato nominato 8256 Shenzhou.

Navicella spaziale Shenzhou[modifica | modifica wikitesto]

La navicella spaziale Shenzhou ricorda molto il Sojuz, anche se è sostanzialmente più grande,[1] e differentemente dal Sojuz è dotata di un sistema autonomo di approvvigionamento energetico.

Le somiglianze tra Shenzhou e Sojuz sono parzialmente dovute al dover assecondare le basi del volo spaziale. Come i Sojuz, Shenzhou è composta da tre moduli: un modulo orbitale, una capsula di rientro dislocato in mezzo e in fondo il modulo di servizio. Questa configurazione è dovuta alla necessità di dover riportare il minor materiale possibile sulla Terra, in modo da semplificare le procedure di rientro.

Schema dei moduli della navicella


Dati completi della navicella

  • Massa totale: 7.840 kg
  • Altezza: 9,25 m
  • Diametro: 2,80 m

Modulo orbitale[modifica | modifica wikitesto]

Il modulo orbitale contiene: spazio per gli esperimenti, materiale per l'equipaggio, spazio abitativo per la permanenza in orbita.

A differenza dei Sojuz, il modulo orbitale Shenzhou è anche equipaggiato con un proprio sistema di propulsione e controllo che permette un volo autonomo. È così possibile lasciare il modulo orbitale in orbita per riagganciarlo con un'altra navicella in un secondo momento. In un futuro è previsto di utilizzare i moduli orbitali per l'assemblaggio di una stazione spaziale.

Nei voli di test senza equipaggio, i moduli orbitali di ogni Shenzhou vennero lasciati funzionanti in orbita per alcuni giorni dopo la fine della missione. Il modulo orbitale di Shenzhou 5 rimase operativo per addirittura sei mesi dopo il lancio.

Dati del modulo orbitale.

  • Vita operativa: 200 giorni.
  • Lunghezza: 2,80 m.
  • Diametro alla base: 2,25 m.
  • Massimo diametro: 2,25 m.
  • Volume abitabile: 8,00 m³.
  • Massa: 1.500 kg.
  • RCS Numero × Potenza: 16 × 5 N.
  • RCS Propellente: Idrazina.
  • Sistemi elettrici: pannelli solari, 12,24 m².
  • Sistemi elettrici: 1,20 kWh.

Modulo di rientro[modifica | modifica wikitesto]

Il modulo di rientro è localizzato nella sezione di metà della navicella spaziale e contiene i seggiolini dell'equipaggio. Questa è l'unica porzione della navicella Shenzhou che ritorna sulla superficie della Terra. La sua forma è il risultato del compromesso tra il maggiore spazio vivibile e i controlli aerodinamici usati nella fase di rientro.

Dati del modulo di rientro.

  • Equipaggio: 3 persone.
  • Vita operativa: 20 giorni.
  • Lunghezza: 2,50 m.
  • Diametro alla base: 2,52 m.
  • Massimo diametro: 2,52 m.
  • Volume abitabile: 6,00 m³.
  • Massa: 3.240 kg.
  • Massa dello scudo termico: 450 kg
  • RCS Numero × Potenza: 8 × 150 N.
  • RCS Propellente: Idrazina.

Modulo di servizio[modifica | modifica wikitesto]

Il modulo di servizio contiene il supporto vitale per l'equipaggio e gli altri equipaggiamenti richiesti per il corretto funzionamento di Shenzhou. Due paia di pannelli solari, un paio nel modulo di servizio, l'altro paio sul modulo orbitale, portano l'area totale sopra i 40 m², sufficienti per un approvvigionamento elettrico superiore a 1,5 kW (A titolo di esempio il Sojuz arrivava a 1,0 kW).

Dati del modulo di servizio.

  • Vita operativa: 20 giorni.
  • Lunghezza: 2,94 m.
  • Diametro alla base: 2,50 m.
  • Massimo diamentro: 2,80 m.
  • Massa: 3.000 kg (6,600 lb).
  • RCS Numero × Potenza: 8 × 150 N.
  • RCS Propellente: N2O4/MMH, sistema unificato con il motore principale.
  • Motore principale: 4 × 2500 N.
  • Potenza motore principale: 10.000 kN.
  • Propellente del motore principale: N204/MMH.
  • propellente del motore principale: 1.000 kg.
  • Sistema elettrico: pannelli solari, 24,48 + 12,24 m², 36,72 m² totale.
  • Sistema elettrico: 1,00 kW di media.
  • Sistema elettrico: 2,40 kWh.

Missioni effettuate[modifica | modifica wikitesto]

Missioni pianificate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.braeunig.us/space/specs/shenzhou.htm Spacecraft - Shenzhou

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica