Shenyang J-6

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shenyang J-6
Un J-6 nel museo dell'aviazione cinese
Un J-6 nel museo dell'aviazione cinese
Descrizione
Tipo aereo da caccia
Equipaggio un pilota
Data primo volo 17 dicembre 1958[1]
Data entrata in servizio dicembre 1961
Data ritiro dal servizio fine anni novanta (Cina)
metà del 2002 (Pakistan)
Utilizzatore principale People's Liberation Army Air Force
Pakistan Air Force
North Korea Air Force
Bangladesh Air Force
Esemplari 3 000[1]
Sviluppato dal Mikoyan-Gurevich MiG-19
Propulsione
Motore 2 turbogetti Shenyang WP-6
Spinta 31,87 kN (3 250 kg) ciascuno
Prestazioni
Velocità max Mach 1,45 (1 540 km/h, 831 kt) ad 11 000 m
Velocità di crociera 950 km/h (512 kt)
Velocità di salita 9 145 m/min (30 000 ft/min) (iniziale)
Autonomia 1 390 km (normale)
Tangenza 17 900 m (58 725 ft)
Note dati relativi alla versione J-6

i dati sono estratti rispettivamente da:
The Encyclopedia of Modern Warplanes[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Lo Shenyang J-6 (歼-6; designato F-6 nelle versioni da esportazione)[1] fu la versione prodotta su licenza del caccia supersonico sovietico Mikoyan-Gurevich MiG-19, nome in codice NATO Farmer[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 1958 il governo cinese, grazie ad un accordo di scambio tecnologico stipulato con l'Unione Sovietica, ottenne di produrre su licenza il Mikoyan-Gurevich MiG-19 per destinarlo ai reparti della propria forza aerea. La produzione del modello, che secondo il sistema di designazione cinese assunse la sigla J-6 (Jianjiji-6, ovvero "aereo da caccia modello 6"), era previsto iniziasse nei primi anni sessanta, assegnata agli stabilimenti statali di Shenyang che si sarebbero curati di assemblare le parti in arrivo dagli stabilimenti URSS.[2]

Il deterioramento dei rapporti tra i due paesi ebbe come conseguenza il blocco delle forniture così venne ordinato all'ufficio tecnico di realizzare una copia basandosi sulla documentazione in loro possesso.[2]

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

J-6
J-6A
versione con capacità ognitempo limitate, similare al MiG-19PF, codice NATO assegnatogli "Farmer-D".
J-6B
versione equipaggiata con radar semiattivo e missili aria-aria di produzione nazionale derivati dall'AA-1 sovietico.
J-6C
J-6Xin
(Xin = nuovo)
JZ-6
(Jianjiji Zchenchaji-6) versione da ricognizione equipaggiata con una fotocamera al posto del cannone in fusoliera.
JJ-6
(Jianjiji Jiiaolianji-6) versione da addestramento biposto, caratterizzata da un lungo abitacolo a due posti in tandem e doppia pinna ventrale.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzatori mondiali del J-6/F-6.
Un Shenyang J-6C della Forcat Ajrore Shqiptare

I dati sono tratti da OKB MiG: A History of the Design Bureau and its Aircraft.[4] tranne dove indicato:

Albania Albania
Bangladesh Bangladesh
Cambogia Cambogia
Cina Cina
Corea del Nord Corea del Nord
Rep. Araba Unita Egitto Egitto
Pakistan Pakistan
Somalia Somalia
Sudan Sudan
Zambia Zambia

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • In ambito videoludico, il J-6 compare tra i velivoli del videogioco Deadly Skies III[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Yefim Gordon, Dmitry Komissarov, Chinese Aircraft. Hikoki Publications. Manchester. 2008. ISBN 9 781902 109046
  2. ^ a b c (EN) Guston, Bill. The Encyclopedia of Modern Warplanes: Shenyang J-6 and JJ-6, pag. 246.
  3. ^ (EN) Andreas Parsch e Andreas Gehrs-Pahl, Chinese Military Aircraft Designations in Designation-Systems.net, http://www.designation-systems.net, 2 lug 2008. URL consultato il 23 lug 2010.
  4. ^ OKB MiG: A History of the Design Bureau and its Aircraft, pag. ??.
  5. ^ http://www.gamefaqs.com/ps2/914994-airforce-delta-strike/faqs/28646 GameFQS:Airforce Delta Strike Aircraft Guide

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Butowski, Piotr (with Jay Miller). OKB MiG: A History of the Design Bureau and its Aircraft. Leicester, UK: Midland Counties Publications, 1991. ISBN 0-904597-80-6.
  • (EN) Guston, Bill. The Encyclopedia of Modern Warplanes. Blitz Editions (1995). ISBN 1-85605-290-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]