Shennong Ben Cao Jing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pagina da una versione di Shennong Ben Cao Jing (Shen-nung Pen-tsao Ching)

Shennong Ben Cao Jing (anche Shen-nung Pen-tsao Ching (lingua cinese 神農本草經 e 神农本草经) è un libro cinese di agricoltura e piante. Le sue origini sono state attribuite been attributed to the mythical Chinese imperatore Shennong, che si dice sarebbe vissuto intorno al 2800 a.C. I ricercatori ipotizzano che questa sia una raccolta di tradizioni orali, scritta tra il 300 a.C. e il 200. Il testo originale non esiste più, ma si dice che era composto di tre volumi contenenti 365 voci sui medicinali e la loro descrizione.

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

Il primo trattato comprendeva 120 farmaci innocui per gli esseri umani, con "proprietà stimolanti": reishi, ginseng, giuggiola, arancia, cannella e liquirizia (Glycyrrhiza uralensis) .

Il secondo volume era dedicato a 120 sostanze terapeutiche destinate a curare i malati, ma più o meno tossiche. In questa categoria, troviamo zenzero, peonie e cetriolo. Le sostanze di questo gruppo sono descritti come "umane".

L'ultimo volume conteneva 125 voci che corrispondono a sostanze che hanno un'azione violenta sulle funzioni fisiologiche e di solito sono velenose. Rabarbaro, diversi frutti snocciolati e pesche sono tra quelle presenti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]