Shelter - Identità paranormali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shelter - Identità paranormali
Shelter meyers moore.png
Jonathan Rhys Meyers e Julianne Moore in una scena del film.
Titolo originale Shelter
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2010
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere thriller, orrore, fantascienza
Regia Måns Mårlind, Björn Stein
Sceneggiatura Michael Cooney
Casa di produzione IM Global, NALA Films, Macari/Edelstein, NALA Investments, Shelter Productions
Distribuzione (Italia) Moviemax
Fotografia Linus Sandgren
Montaggio Steve Mirkovich
Musiche John Frizzell
Scenografia Tim Galvin
Interpreti e personaggi

Shelter - Identità paranormali (Shelter) è un film del 2010 diretto da Måns Mårlind e Björn Stein.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film inizia con la psichiatra forense Cara Harding, che ha appena risolto un caso di omicidio, particolarmente efferato, perpetrato da un uomo a cui è stata diagnosticata un disturbo da personalità multipla. Secondo la dottoressa, però, questo tipo di patologia in realtà non esiste, in quanto è frutto della fantasia della persona, che è perfettamente cosciente in ogni momento. La donna ha una figlia, che negli orari di lavoro lascia in custodia al fratello, e un padre, che un giorno le presenta il caso di un ragazzo trovato a vagabondare per le strade su una sedia a rotelle. In un primo momento Cara è riluttante, ma esamina ugualmente il giovane, trovandolo stralunato ma del tutto normale. Questo finché il dottor Harding (il padre) non chiede al ragazzo, David, tramite telefoni, di passargli Adam. Immediatamente la psichiatra si accorge di avere a che fare con una persona completamte diversa, in grado di camminare, e non cosi impaurita come David. Cara, dopo aver svolto alcune ricerche, scopre che in realtà David non è una personalità fittizia, ma l'identità di un ragazzo realmente esistito e morto violentemente venticinque anni prima per mano di una setta satanica. La psichiatra arriva quindi alla conclusione che Adam, bambino di 6 anni al tempo della morte di David, per evadere dalla sua condizione di abbandonato in un orfanotrofio, si sia rifugiato nella vita di un altro che apparentemente fosse messo peggio di lui, ma che comunque per attuare questo passaggio fosse comunque cosciente. Di conseguenza tenta di nuovo di dimostrare la sua teoria. La stessa cosa succede con un cantante di un gruppo underground heavy metal morto presumibilmente suicida la cui personalità viene fuori all'improvviso in un bosco, e il cui nome è Wes. Cara cerca in tutti i modi di guarire Adam, ma le cure non vanno e anzi l'uomo sembra peggiorare giorno per giorno. Quello che scopre però è che tutte le personalità hanno interesse per la sua fede in Dio. Questo nesso la porta ad indagare su varie leggende, tra cui una suggeritale dalla madre del povero David, che parla di un paesino sperduto nei meandri delle montagne. Secondo la storia del villaggio, durante gli anni della peste il Reverendo aveva convinto tutti i membri della comunità a rinnegare le cure della sciamana, e ad affidarsi solo alla grazia di Dio, dando come esempio le sue due figlie. Ma il reverendo aveva un segreto: egli aveva ceduto alla scienza e aveva fatto vaccinare le due ragazze, cosicché porto tutto il villaggio alla morte. I pochi superstiti si allearono con la "vecchia" (così viene chiamata), uccisero la famiglia del prelato e lanciarono una maledizione su di lui, privandolo della sua anima, e condannandolo ad inghiottire quelle dei futuri peccatori. Infine, gli riempiono il corpo e la bocca di terreno, in modo che la sua anima non potesse più fare ritorno. Cara, dopo aver visto in un filmato dell'epoca il volto del reverendo, del tutto identico al presunto Adam, capisce così che la sua famiglia è in pericolo, in quanto il padre e la figlia hanno esplicitamente detto di non credere in Dio. In più, ritrova il corpo del vero Adam, rendendo l'uomo ricercato dalla polizia. Il reverendo parte all'inseguimento della bambina di Cara, dopo aver ucciso il dottor Harding, in fuga con lo zio e la madre, che tentano di portarla dalla sciamana, la quale però afferma che una volta cominciato il processo non può essere fermato. La psichiatra continua la fuga, ma una volta arrivati nella radura della leggenda dopo una breve lotta perde i sensi, e in quei pochi secondi il reverendo prende l'anima della bambina. Quando Cara si risveglia cerca di sfruttare la nuova identità a suo vantaggio, finché non conficca nella gola dell'uomo una radice che spunta dal terreno. La bimba purtroppo sembra morta del tutto, ma una folata di vento la fa respirare di nuovo, anche se comincia a canticchiare la canzoncina che cantava sempre David, il paraplegico, quando era spaventato. Che sia davvero tornata indietro solo la bimba?

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato interamente a Pittsburgh, Pennsylvania, nel marzo del 2008.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo paese a distribuire il film nelle sale cinematografiche è stato il Giappone in data 27 marzo 2010, successivamente è stato distribuito in Irlanda e nel Regno Unito il 9 aprile dello stesso anno. Il film è uscito in Italia il 25 febbraio 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Moore seeking 'Shelter' in Pittsburgh

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema