Shelly Johnson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shelly Johnson
Shelly nell'episodio Variazioni e relazioni.
Shelly nell'episodio Variazioni e relazioni.
Universo Twin Peaks
Saga I segreti di Twin Peaks
Soprannome Shel[1]
Autori
1ª app. in Episodio Pilota
Ultima app. in Fuoco cammina con me
Interpretata da Mädchen Amick
Voce italiana Chiara Colizzi
Specie umana
Sesso Femmina
Luogo di nascita Twin Peaks, Washington
Data di nascita 30 maggio 1972
Professione cameriera
Affiliazione RR Diner
Parenti Leo Johnson (marito)

Shelly[2] Johnson è un personaggio immaginario della serie televisiva statunitense I segreti di Twin Peaks, creata da Mark Frost e David Lynch.

È interpretata da Mädchen Amick, con la voce italiana di Chiara Colizzi.

È la giovane e docile moglie di Leo Johnson, da cui viene costantemente picchiata e maltrattata per futili motivi. Ha una relazione segreta con Bobby Briggs.

Profilo[modifica | modifica wikitesto]

Shelly è una delle cameriere del RR Diner, tavola calda di proprietà di Norma Jennings. La ragazza condivide con la sua datrice di lavoro una solida amicizia oltre ad esserne intima confidente.

Nella serie è appena diciassettenne, tuttavia ha abbandonato il liceo per divenire moglie di Leo Johnson, il quale l'aveva conquistata a seguito di un lungo e lusinghiero corteggiamento ma, dopo il matrimonio si rivela un marito abusivo e violento desideroso unicamente di avere una «cameriera che non c'è bisogno di pagare». La giovane Shelly si trova dunque vittima dell'uomo, che oltre alla violenza domestica si rende colpevole di svariati atti criminali, ma la sua natura mite e la sua grande fragilità interiore la portano ad essere completamente incapace di ribellarsi.

La consolazione per le pene subite le viene dalla relazione segreta che porta avanti con Bobby Briggs, con il quale andrà a convivere dopo che il marito entrerà in uno stato catatonico. Pur non mancando di alti e bassi, la relazione adulterina tra i due è la sola a rimanere in piedi dall'inizio della serie fino alla sua prematura conclusione e si basa su di un amore autentico; proprio a dimostrazione di ciò l'ultima scena con protagonisti i due nell'ultimo episodio è identica alla loro scena d'esordio nel primo.

Creazione[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio venne concepito appositamente per l'attrice Mädchen Amick perché i creatori della serie ne furono piacevolmente colpiti durante i provini ma non avevano più ruoli a disposizione da offrirle.[3]


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Shelly nacque a Twin Peaks, Washington, il 30 maggio 1972, ed apparentemente crebbe senza genitori o figure paterne di alcun tipo. Al secondo anno di liceo conobbe Leo Johnson, che la sedusse e convinse a sposarlo abbandonando gli studi.
Dopo il matrimonio tuttavia, l'uomo, inizialmente gentile e premuroso, si rivelò violento ed invischiato in numerose attività criminali, e sebbene ne fosse a conoscenza, Shelly non si ribellò mai ne si oppose al marito temendo che questi la uccidesse.

Circa nel 1988 conobbe Bobby Briggs, corriere della droga al servizio del marito, con cui iniziò una relazione tenuta segreta principalmente per la reciproca paura nutrita verso il marito di lei, nonché al fatto che questi fosse il ragazzo di Laura Palmer. Al di là delle complicazioni tuttavia, tra essi nacque un amore autentico.

In Twin Peaks[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi I segreti di Twin Peaks.

Dopo l'omicidio di Laura Palmer, Shelly, scoperti i sospetti di Cooper e Truman su di Leo, trova alcuni indizi che potrebbero incriminarlo quale colpevole e ne parla a Bobby, il quale decide di tentare di incastrarlo. Leo tuttavia scopre non solo del loro complotto ma anche della tresca tra la moglie e il giovane, dunque trascina Shelly a forza fino alla Segheria Packard, e la lascia legata all'interno dell'edificio dopo avervi appiccato il fuoco su commissione di Ben Horne.

Fortunatamente per la ragazza, Catherine Martell, sopraggiunta sul luogo dell'incendio la soccorre portandola all'esterno, dove viene trovata dai soccorritori e portata all'ospedale cittadino. Qui la ragazza si ricongiunge a Bobby, sopravvissuto all'aggressione di Leo grazie a Hank Jennings, che per ordine di Horne spara all'uomo assicurandosene il silenzio e salva involontariamente la vita al giovane.

I due ragazzi decidono di andare a convivere prendendosi a carico Leo (caduto in stato catatonico) per ottenere la pensione di invalidità. Nel momento in cui le spese mediche si riveleranno troppo dispendiose nonostante l'assegno periodico, Bobby, per riuscire a mantenere la compagna si fa assumere come braccio destro di Benjamin Horne dopo averlo aiutato ad uscire da un periodo di shock derivatogli dal carcere. Paradossalmente però, così facendo si monta la testa per la sua nuova posizione ed arriva quasi a trascurare Shelly.

Da li a breve, Leo si risveglia e tenta di uccidere la moglie infedele ma fortunatamente Bobby riesce a soccorrerla e mettere in fuga l'uomo, che, dopo essere stato ritrovato e schiavizzato da Windom Earle viene da esso abbandonato ad una morte certa, sebbene non mostrata.

[modifica | modifica wikitesto]

Dopo averla vista flirtare con Gordon Cole, Bobby riconosce di essere stato freddo nei confronti di Shelly per via del suo nuovo lavoro e si scusa, venendo perdonato. Il giovane avanza dunque una proposta di matrimonio alla ragazza amata, convinto che Leo sia ormai defunto.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1990, quando MacLachlan presentò il Saturday Night Live, nel momento in cui una donna dal pubblico gli domandò l'ormai noto tormentone «Chi ha ucciso Laura Palmer?» egli rispose scherzando «Shelly la cameriera».

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vezzeggiativo comune.
  2. ^ Sebbene nelle carte collezionabili sia erroneamente scritto Shelley.
  3. ^ Northwest Passage: Creating the Pilot documentario diretto da Charles de Lauzirika, Twin Peaks Box Set Golden Edition

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione