Sharja (emirato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sharja
emirato
إمارة الشارقةّ
Sharja – Bandiera
Localizzazione
Stato Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Amministrazione
Capoluogo Sharja
Emiro Sultano bin Mohamed Al-Qasimi
Territorio
Coordinate
del capoluogo
25°26′N 55°23′E / 25.433333°N 55.383333°E25.433333; 55.383333 (Sharja)Coordinate: 25°26′N 55°23′E / 25.433333°N 55.383333°E25.433333; 55.383333 (Sharja)
Superficie 2 590 km²
Abitanti 890 669 (2008)
Densità 343,89 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+4
ISO 3166-2 AE-SH
Cartografia

Sharja – Localizzazione

Sito istituzionale

Sharja (in arabo: الشارقة , al-Shāriqa) è uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti, compreso tra Umm al-Qaywayn e Dubai. La capitale dell'emirato è l'omonima città di Sharja che conta circa 519.000 abitanti (stima del 2003).

L'emirato si estende per circa sedici chilometri sulla costa del Golfo Persico e per più di ottanta chilometri nell'entroterra. Fanno parte del territorio anche tre exclave affacciate sul golfo dell'Oman, Kalba, Dibba Al-Hisn e Khor Fakka La popolazione è stimata in 639.298 abitanti. La lingua ufficiale è l'arabo. [1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondata attorno al 3000 a.C., Sharja è una delle città più antiche degli Emirati Arabi Uniti. Come gran parte degli Emirati, basò storicamente la propria sussistenza economia sul commercio e sulla pesca (in particolare delle perle).

L'impero Persiano dei Sasanidi dominò la zona sino all'arrivo dell'Islam nel 636 d.C.

Successivamente il territorio fece parte del regno di Hormuz durante il periodo medievale, subì un protettorato portoghese ed ebbe tra il diciottesimo e diciannovesimo secolo una parentesi di guerre e scontri con l'Impero britannico.

Nei primi anni del diciottesimo secolo il clan degli Al Qāsimī (sovrano anche dell'emirato di Ras al-Khaima) vi si stabilì dichiarandone l'indipendenza nel 1727.

Dopo una stagione di tumulti l'8 gennaio 1820 lo sceicco Sulṭān I firmò il trattato generale marittimo con la Gran Bretagna accettandone il protettorato per difendersi dalle mire espansionistiche dell'impero Ottomano.

Così come quattro suoi vicini, Ajman, Dubai, Ras al-Khaimah, e Umm al-Qaiwain la sua posizione sulla rotta dell'India ne favorì la prosperità commerciale.

Il 2 dicembre 1971, dopo la partenza dei britannici dal golfo Persico, si unì agli altri Emirati dando così vita alla federazione degli Emirati Arabi uniti.

Sharja è la capitale culturale dello stato, differenziandosi dagli altri emirati per una spiccata vocazione artistica e impegnandosi nella divulgazione culturale e musicale.

Lista dei sovrani di Sharja[modifica | modifica sorgente]

  • c. 1727 - 1777 Shaykh Rashid bin Matar bin Rahma Al Qāsimī
  • 1777 - 1803 Shaykh Saqr I bin Rashid Al Qāsimī
  • 1803 - 1840 Shaykh Sulṭān I bin Saqr Al Qasimi (primo regno)
  • 1840 Shaykh Saqr bin Sulṭān Al Qāsimī
  • 1840 - 1866 Shaykh Sulṭān I bin Saqr Al Qāsimī (secondo regno) (deceduto nel 1866)
  • 1866 - 14 aprile 1868 Shaykh Khālid I bin Sulṭān Al Qāsimī (deceduto nel 1868)
  • 14 aprile 1868 - marzo 1883 Shaykh Sālim bin Sulṭān Al Qāsimī (deceduto nel 1919) - dal 1869 unito coi seguenti:
  • 1869 - 1871 Shaykh Ibrāhīm bin Sulṭān Al Qāsimī
  • marzo 1883 - 1914 Shaykh Saqr II bin Khālid Al Qāsimī (deceduto nel 1914)
  • 13 aprile 1914 - 21 novembre 1924 Shaykh Khālid II bin Ahmad Al Qāsimī
  • 21 novembre 1924 - 1951 Shaykh Sultan II bin Saqr Al Qāsimī (deceduto nel 1951)
  • 1951 - maggio 1951 Sheikh Muhammad bin Saqr Al Qāsimī
  • maggio 1951 - 24 giugno 1965 Shaykh Saqr III bin Sulṭān Al Qāsimī (1925 - 1993)
  • 24 giugno 1965 - 24 gennaio 1972 Shaykh Khālid III bin Muhammad Al Qāsimī (1931 - 1972)
  • 25 gennaio 1972 - 1972 Shaykh Saqr bin Muhammad Al Qāsimī
  • 1972 - 17 giugno 1987 Shaykh Dr. Sulṭān III bin Muhammad Al Qāsimī (primo regno) (nato nel 1939)
  • 17 giugno 1987 - 23 giugno 1987 Shaykh ʿAbd al-ʿAzīz bin Muhammad Al Qāsimī (1937 - 2004)
  • 23 giugno 1987 - Shaykh Dr. Sulṭān III bin Muhammad Al Qāsimī (secondo regno)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]