Shannara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il videogioco, vedi Shannara (videogioco).

Shannara è una serie di romanzi fantasy finora composta da 17 libri dell'autore statunitense Terry Brooks, scritti fra il 1977 e il 2008. Il tema unificante della serie sono le vicende della famiglia Ohmsford, erede dell'antica stirpe reale elfica Shannara, attraverso numerose generazioni. A differenza delle serie fantasy classiche, il ciclo di Shannara è ambientato sulla Terra, in un remoto futuro in cui il pianeta e la razza umana sono stati completamente trasfigurati da eventi bellici di proporzioni apocalittiche, le Grandi Guerre, e successivamente dalle Guerre delle Razze.

Il primo romanzo della serie, La spada di Shannara, fu pubblicato nel 1977 ed ebbe un enorme successo di pubblico. Il libro ricevette pesanti critiche legate alle numerose analogie con Il Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien. Terry Brooks ha però smentito ogni accusa di plagio.

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

Le Grandi Guerre[modifica | modifica sorgente]

Come recentemente introdotto nell'ultima trilogia di Brooks, La genesi di Shannara, le Grandi Guerre furono una terribile serie di conflitti, durata alcuni decenni, che portò alla distruzione della attuale civiltà tecnologica, aprendo la strada al mondo di Shannara. Approssimativamente le Grandi Guerre si svolsero nella seconda metà del XXI secolo e furono una combinazione di attacchi chimici, batteriologici e nucleari che coinvolsero tutte le nazioni di un mondo già irrimediabilmente inquinato e privo di risorse energetiche. La popolazione venne decimata e buona parte dei superstiti subì delle mutazioni genetiche permanenti. Le Grandi Guerre, sebbene apparissero ai contemporanei come il frutto di lotte politiche e religiose, in realtà furono progettate e gestite in segreto dai cosiddetti demoni, umani malvagi asserviti al Vuoto e alla distruzione. Nella fase finale del conflitto i demoni si misero a capo di armate di ex-uomini, umani completamente prosciugati di amore e compassione e controllati dalle forze del Vuoto, e iniziarono la distruzione sistematica di tutte le comunità fortificate di umani superstiti. Nella trilogia originale della serie di Shannara (ambientata circa duemila anni dopo le Grandi Guerre) si aggiunge che durante il conflitto gran parte degli esseri viventi della terra morirono e gli stessi continenti cambiarono la loro morfologia. Come conseguenza nei secoli successivi l'umanità si divise in diverse razze: Umani, Nani, Gnomi e Troll. In questo periodo anche gli Elfi si mostrarono alle altre razze; a differenza degli altri popoli gli Elfi non discendevano dai sopravvissuti alle Grandi Guerre ma erano in realtà una razza a sé, più antica degli uomini - risalente ai tempi del mitico regno di Faerie - che era rimasta volutamente nascosta agli occhi dell'umanità, per secoli. Nel futuristico ritorno al passato rappresentato nella serie di Shannara il mondo naturale è rifiorito un'altra volta, la magia è riapparsa e si contrappone alla tecnologia delle ere passate.

Le Razze[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Elfi (Shannara) e Troll (Shannara).

Dopo secoli dall'Olocausto i discendenti degli uomini sopravvissuti cominciarono a emergere dai loro rifugi e a cercare di espandersi fondando nuovi insediamenti. È così che vengono a contatto le nuove razze emerse dalle Grandi Guerre. Dal profondo Sud apparvero gli Uomini, che avevano mantenuto le caratteristiche dei loro avi. Dall'Est emersero Nani e Gnomi, discendenti di umani che, a seguito di secoli passati nascondendosi in grotte, avevano assunto tratti tipici delle mitiche razze da cui prendevano il nome. Dal Nord scesero i Troll, altri umani mutati che, a causa del clima rigido e delle avverse condizioni ambientali, presentavano la pelle scura e tratti somatici poco delineati, ricordando appunto gli antichi Troll del regno di Faerie. E infine dall'Ovest tornarono gli Elfi che, almeno inizialmente, furono creduti discendenti degli uomini scampati al disastro delle Grandi Guerre.

I Druidi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Druidi (Shannara).

Dopo le Grandi Guerre pochi uomini ricordavano i segreti delle scienze che avevano così profondamente plasmato la vita dell'umanità prima della distruzione del mondo, principalmente a causa dell'azione dei demoni, che avevano sistematicamente cercato ed ucciso chiunque possedesse conoscenze in grado di risollevare la civiltà umana. La maggior parte della razza umana era regredita ad uno stadio medievale; le poche conoscenze rimaste venivano inizialmente conservate nei libri, in attesa che arrivasse il tempo per un loro nuovo utilizzo. Tuttavia, con il passare dei secoli e senza alcuna possibilità di conservare o copiare i testi scritti, i pochi possessori di libri cominciarono a imparare a memoria il loro contenuto per tramandarlo di generazione in generazione. Contemporaneamente, in seguito allo sviluppo delle nuove razze e al superamento della condizione di sussistenza si verificò l'aumento di violenze e scontri per il possesso di territori migliori. A questo punto alcuni uomini illuminati decisero di agire. Guidati dall'elfo Galaphile si riunirono in gruppo nel primo concilio di Paranor, il primo concilio dei Druidi. Dalla fortezza di Paranor, posta al centro del mondo conosciuto, i Druidi guidarono le razze alla pace e preservarono la saggezza dei secoli passati. La riscoperta della magia però portò ben presto alla comprensione che ogni potere, sia esso magico o tecnologico, era corruttibile. Il Druido Brona con i suoi seguaci sperimentò il potere oscuro della magia nera, convinto di poterlo controllare. Scontratosi con il Consiglio dei Druidi in merito all'utilizzo della magia egli venne scacciato da Paranor che lasciò con il desiderio di vendicarsi contro i Druidi.

La Guerra delle Razze[modifica | modifica sorgente]

Gli anni di pace durante i quali le razze condivisero il mondo e i Druidi continuarono nella loro opera, furono interrotti dallo scoppio di una guerra interna della razza degli Uomini; una fazione di umani aveva creato un esercito ben addestrato con lo scopo di creare un governo centrale forte che riunisse tutti gli Uomini. In poco tempo l'intera razza umana aveva aderito agli ideali della fazione che aveva immediatamente scatenato una violenta offensiva ai danni delle altre razze. Druidi, Elfi, Nani e Troll si unirono e lottarono contro l'esercito degli Uomini uscendone vincitori.

Le Quattro Terre[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fine della guerra delle razze i Druidi decisero di dividere il mondo conosciuto in Quattro Terre ciascuna il quale denominata da uno dei quattro punti cardinali (Nord, Sud, Est e Ovest) ponendo come centro Paranor e assegnando ad ogni razza un territorio in modo da diminuire le tensioni fra loro e impedire altre guerre. Fu così che Le terre del Nord, del Sud e dell'Ovest divennero, rispettivamente, dominio dei Troll, degli Uomini e degli Elfi mentre le terre dell'Est furono spartite tra Gnomi e Nani. I Druidi, dopo l'assegnazione delle terre, smisero di viaggiare nel mondo e di avere contatti con le razze decisi a non farsi più coinvolgere nelle loro controversie e nelle loro lotte di potere decidendo di ritirarsi nella loro fortezza dove proseguirono i loro studi e le loro ricerche.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Le opere che costituiscono la serie sono suddivisi in cicli, raggruppate in quattro trilogie e una tetralogia, a cui si aggiungono un romanzo isolato (un prequel), una guida al mondo di Shannara, un racconto breve e un fumetto.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

Il ciclo del Demone
Il ciclo de La genesi di Shannara

I tre volumi sono parte di una stessa storia e devono necessariamente essere letti rispettando l'ordine cronologico riportato. Essi inoltre, sebbene cronologicamente precedenti la saga di Shannara, devono essere letti dopo la lettura della saga stessa e della Saga del Verbo e Vuoto cui sono strettamente legati.

Il ciclo Le leggende di Shannara
Il preludio di Shannara
Il ciclo di Shannara
Il ciclo degli eredi di Shannara

I quattro volumi sono parte di una stessa storia e devono necessariamente essere letti rispettando l'ordine cronologico riportato

Il viaggio della Jerle Shannara

I tre volumi sono parte di una stessa storia e devono necessariamente essere letti rispettando l'ordine cronologico riportato

Il Druido Supremo di Shannara

I tre volumi sono parte di una stessa storia e devono necessariamente essere letti rispettando l'ordine cronologico riportato

Gli Oscuri Segreti di Shannara
  • Il Fuoco di Sangue (The Dark Legacy of Shannara - Bloodfire Quest, 2014)[1]
Opere correlate

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il ciclo di Shannara racconta la storia della famiglia Shannara-Ohmsford, una famiglia di sangue elfico (poi incrociato con sangue umano) e detentrice di poteri magici. A causa di tali poteri magici, gli Shannara-Ohmsford si trovano ad avere la responsabilità di difendere il mondo dai pericoli che lo minacciano, e ripristinare l'ordine nei periodi oscuri della storia. Le loro vicende sono strettamente legate a quelle dei Druidi di Paranor e degli Elfi.

Il libro con cui Brooks diede inizio alla serie, La Spada di Shannara, narra proprio di un discendente di Jerle Shannara, il "mezzuomo" Shea Ohmsford. Ignaro delle proprie origini, Shea viene chiamato da un potente druido buono, Allanon, a difendere il mondo dalla minaccia costituita dal ritorno del druido Brona noto con il nome di "Signore degli Inganni". Per fare questo, Shea deve ritrovare la spada forgiata dal suo avo.

Il nipote di Shea, Wil Ohmsford (protagonista di Le Pietre Magiche di Shannara) è il primo della discendenza ad avere contatti diretti con gli elfi, sopravvissuti del tempo di Faerie ad una guerra contro i Demoni. Allanon chiede a Wil di usare i propri poteri magici per salvare l'Eterea (in originale Ellcrys), l'albero degli elfi che impedisce ai Demoni di tornare nel mondo oltrepassando la magica barriera chiamata "il Divieto".

La figlia di Wil, Brin Ohmsford è incaricata di trovare e distruggere l'Ildatch, il libro della Magia Nera, creduto perduto dopo la sconfitta del Signore degli Inganni, mentre il fratello Jair Ohmsford deve salvare il Fiume Argento dal veleno delle creature dell'Ildatch; la loro fortunata ricerca è narrata in La Canzone di Shannara.

Il fondatore della dinastia è Jerle Shannara, vissuto al tempo della Seconda Guerra delle Razze scatenata dal druido corrotto Brona. Dominato dal potere dell'Ildatch, Brona istiga gli uomini a iniziare una guerra di conquista ai danni delle altre razze. Jerle Shannara riuscirà a sconfiggere Brona (senza però ucciderlo) e trasmette inconsapevolmente alla sua discendenza l'eredità di affrontare il malvagio al suo ritorno.

Il ciclo degli Eredi di Shannara

La tetralogia degli Eredi di Shannara è ambientata circa tre secoli dopo le gesta di Jair e Brin, in un mondo trasformato dall'avvento di una nuova minaccia, la Federazione, dietro cui si nasconde una minaccia ancora maggiore, quella degli Ombrati, che hanno causato la sparizione degli elfi. Wren Ohmsford, Walker Boh, Coll e Par Ohmsford, discendenti di Shea, sono coinvolti in una serie di imprese volte a ristabilire l'ordine e riportare nelle Quattro Terre la perduta Paranor, roccaforte del sapere degli antichi Druidi. Wren dovrà ritrovare gli elfi, e diventare loro regina; Walker partirà in ricerca di un misterioso e antico spirito della pietra, mentre i due fratelli tenteranno di sconfiggere gli ombrati.

Il ciclo del Viaggio della Jerle Shannara

La ricostituzione dell'antico potere dei druidi, tuttavia, non può essere portato a termine senza recuperare una antica conoscenza magica dimenticata. Grianne Ohmsford, una degli ultimi discendenti della stirpe di Shannara, inizia un viaggio alla ricerca dei talismani perduti oltre lo Spartiacque Azzurro, nella terra di Parkasia (la trilogia dei Viaggi della Jerle Shannara). La stessa Grianne è chiamata a diventare il nuovo Druido Supremo di Shannara. Accetterà il pesante fardello?

Il ciclo del Druido Supremo di Shannara

L'ultima trilogia, Il Druido Supremo di Shannara, ruota intorno al salvataggio di Grianne Ohmsford, misteriosamente scomparsa, dopo un complotto di alcuni druidi malvagi. Il nipote di Grianne, Penderrin Ohmsford, scopre che la zia si trova nel mondo del Divieto, e che un pericoloso demone ha preso il suo posto.

Riduzioni cinematografiche[modifica | modifica sorgente]

I diritti di produzione di un adattamento cinematografico per tutti i racconti di Shannara vengono venduti alla Warner Bros con scadenza ad agosto 2010. Le Pietre Magiche di Shannara viene scelto come primo libro ad essere tradotto in lungometraggio, con la direzione di Mike Newell[2], regista di film importanti come Harry Potter e il calice di fuoco e il più recente Prince of Persia: Le sabbie del tempo. A partire dall'iniziale offerta della Warner Bros, vengono realizzati i provini degli attori e la realizzazione della sceneggiatura, premesse che stanno ad indicare la conferma sulla realizzazione del film. I diritti di produzione infine scadono e Mike Newell sparisce dal progetto per iniziare la realizzazione del lungometraggio di Prince of Persia. Lo stesso Terry Brooks esprime frustrazione per l'accaduto e manifesta il desiderio di vedere il libro sul grande schermo. Rivela in seguito che altre compagnie cinematografiche sono interessate alla produzione del film ma a tutt'oggi ancora non ha venduto i diritti di produzione della sua opera. I diritti della serie sono stati poi venduti alla Sonar Entertainment, che produrrà una serie televisiva per il 2013. La prima stagione sarà basata sul secondo libro della serie, "Le pietre magiche di Shannara".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Terry Brooks, Il Fuoco di Sangue dal 1 luglio in libreria in bluedivide.it, 18 giugno 2014. URL consultato il 25 giugno 2014.
  2. ^ Repubblica.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]