Sfingomielina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sfingomielina
Sphingomyelin.svg
Sphingomyelin-horizontal-3D-balls.png
Nomi alternativi
N-acil-D-sfingosin-1-fosfocolina
N-acil-4-sfingenil-1-O-fosforilcolina
Caratteristiche generali
Aspetto polvere biancastra
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

La sfingomielina (SPH) è uno sfingolipide, lipide complesso, componente della mielina nelle cellule nervose. Forma assieme alla fosfatidilcolina, alla fosfatidilserina e alla fosfatidiletanolamina il complesso di colesteroli fondamentali nella regolazione della fluidità della membrana cellulare. Negli esseri umani la sfingomielina costituisce l'85% degli sfingolipidi totali.

Sintesi della sfingomielina[modifica | modifica sorgente]

La sfingomielina è costituita da ceramide (elemento base degli sfingolipidi), fosfato e la colina come testa polare.

Patologie legate alla sfingomielina[modifica | modifica sorgente]

Un eccessivo accumulo di sfingomielina nelle cellule del sistema reticolo-endoteliale porta alla malattia di Niemann-Pick.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 08.06.2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]