Sfida all'O.K. Corral (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sfida all'O.K. Corral
Gunfight at the ok corall (2) Burt Lancaster.jpg
Burt Lancaster in una scena del film
Titolo originale Gunfight at the O.K. Corral
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1957
Durata 122 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere western
Regia John Sturges
Fotografia Charles Lang
Musiche Dimitri Tiomkin
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Sfida all'O.K. Corral (Gunfight at the O.K. Corral) è un film western del 1957 diretto da John Sturges, con Burt Lancaster e Kirk Douglas.

Il film è liberamente ispirato ad un evento reale avvenuto il 26 ottobre 1881.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'amicizia che lega Doc Holliday e lo sceriffo Wyatt Earp viene saldata dall'aiuto reciproco, e, grazie ai consigli e al buon esempio dell'amico Wyatt, Doc resiste alle continue provocazioni di Ringo, uno degli uomini della banda Clanton; l'uomo gli ruberà la donna amata Ketty, ma anche di fronte a questa nuova provocazione non si opporrà.

Una sera gli uomini di Clanton uccidono uno dei fratelli di Wyatt. Inutili questa volta i consigli di Holliday: lo sceriffo vuole farsi giustizia da solo con l'aiuto degli altri fratelli. Doc si unirà all'amico nello scontro a fuoco, tutti i Clanton moriranno e Wyatt lascerà la città una volta abbandonata la carica di sceriffo.

Il fatto[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sparatoria all'O.K. Corral.

Il 26 ottobre 1881 la sparatoria si svolse non, come si può pensare, in uno spazio aperto come il corral, ma in una stradina adiacente molto stretta e durò appena 27 secondi, mentre nel film dura circa 11 minuti.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne distribuito in numerose nazioni, fra cui:[1]

  • USA, Gunfight at the O.K. Corral 30 maggio 1957
  • Australia 15 agosto 1957
  • Svezia, Sheriffen i Dodge City 16 settembre 1957
  • Austria, Blutsbrüder ottobre 1957
  • Germania Ovest, Zwei rechnen ab 3 ottobre 1957
  • Francia Règlement de comptes à O.K. Corral 16 ottobre 1957
  • Finlandia, Kuolemanloukku O.K. Corral, 29 novembre 1957
  • Danimarca, Sheriffen fra Dodge City 8 agosto 1958
  • Ungheria, Újra szól a hatlövetü 10 dicembre 1981

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

A differenza del film Sfida infernale (1946) di John Ford, in cui il personaggio incontra la morte, in questa pellicola, in ciò più fedele alla verità storica, Doc Holliday alla fine si salva. In entrambi i film la critica esalta le interpretazioni del personaggio di Wyatt Earp, di Burt Lancaster in questa pellicola, di Henry Fonda nella precedente[2].

Il carattere del personaggio varia molto nei vari film che lo rappresentano: mentre appare come un uomo qualsiasi in Gli indomabili (1939) di Allan Dwan, è un personaggio tranquillo che viene costretto alla violenza in Sfida infernale, mentre ha risvolti ambigui e si mostra duro nel film di John Sturges[3].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Morandini, con un buon uso dello spazio disponibile, il film suggerisce l'idea della morte che pervade l'epoca, delle sparatorie e dei personaggi legati alla vicenda storica con maggiore fedeltà rispetto alle pellicole simili[4]. Altri critici, pur apprezzandone le scene di azione, prediligono Sfida infernale[5]. In particolare, viene lodata la fotografia, mentre vengono sottolineate divagazioni inutili nella trama[6].

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella puntata "Lo spettro di una pistola" della serie televisiva Star Trek, Kirk, Spock, McCoy, Scott e Checkov rivivono la sfida all O.K. Corral. Inoltre l'attore DeForest Kelley che impersona il dottor McCoy nel telefilm, in questo film ha il ruolo di Morgan Earp.
  • Il film viene citato ne I magliari (1959) di Francesco Rosi, quando Alberto Sordi, dopo essere stato minacciato con la pistola dal capoccia napoletano Raffaele Tramontana, fugge in macchina e lo sfotte dicendo: "neanche fossimo ad O.K. Corral!".
  • Il film viene citato in un episodio dell'anime Projects ARMSquando l'ispettore Kabuto, dopo aver scoperto che la cittadina di Gallows Belt sta per essere attaccata, si reca dagli abitanti, rifugiatisi in un bar, e li incita a combattere dicendo "Forza gente. Qui fra poco ci sarà l'O.K. Corral". Inoltre, sempre nello stesso episodio, dopo aver ucciso alcuni militari e salvato i protagonisti, esclama "Forza ragazzi. Ci sono gli Earp a slavarvi".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Info sulle data di uscita
  2. ^ Il Farinotti, p. 1831
  3. ^ da La repubblica, O.K. Corrall, il duello infinito, 15 ottobre 1994, pagina 43, sezione: spettacoli
  4. ^ Il Morandini, p. 1354
  5. ^ Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 18 luglio 2003
  6. ^ Segnalazioni Cinematografiche, vol. 42, 1957, si veda anchescheda del cinematografo.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema