Severodvinsk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Severodvinsk
località abitata
Localizzazione
Stato Russia Russia
Distretto federale Nordoccidentale
Soggetto federale Flag of Arkhangelsk Oblast.svg Arcangelo
Rajon Non presente
Territorio
Coordinate 64°34′N 39°51′E / 64.566667°N 39.85°E64.566667; 39.85 (Severodvinsk)Coordinate: 64°34′N 39°51′E / 64.566667°N 39.85°E64.566667; 39.85 (Severodvinsk)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario
Cartografia
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Severodvinsk

Severodvinsk (in russo: Северодви́нск?) è una città della Russia subartica, nell'oblast' di Arcangelo. Si trova nel delta della Dvina Settentrionale, a 35 km da Arcangelo. Nel 2007 aveva 193.200 abitanti.

Evoluzione Demografica
1939 1959 1970 1979 1989 2002 2007
21 300 78 700 144 700 197 200 248 700 201 551 193 200
Vista del monastero dei careliani di San Nicola all'inizio del ventesimo secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'insediamento è segnalato per la prima volta nel 1419, quando gli svedesi navigarono nella baia e bruciarono il Monastero Nikolo-Korelskij che sorgeva sulla costa. Il monastero, la cui fondazione è attribuita a Sant'Eufemio, ospitava una missione di fede ortodossa in Carelia. L'abbazia rimase in rovina fino al 1471, quando due figli di Marfa Boreckaja vennero uccisi da una violenta tempesta e i loro corpi recuperati sulla spiaggia presso il monastero dodici giorni dopo. Dietro insistenza della Boreckaja, moglie del governatore (posadnik) di Velikij Novgorod il monastero fu restaurato e divenne tomba dei due giovani.

Il 24 agosto 1553, una nave di Richard Chancellor raggiunse le miniere di sale di Nenoksa, famose per le loro architetture in legno. I marinai inglesi procedettero fino al monastero Nikolo-Korelskij, dove ebbero la sorpresa di trovare una comunità di marinai ("sailors in soutanes") ed un molo abbastanza grande da ospitare diverse navi. La chiesa principale dell'insediamento era dedicata a San Nicola, santo patrono dei marinai: la costruzione era di tale importanza che nel XVI secolo la baia divenne nota come "Baia di San Nicolas" (oggi è nota col nome di Mar Bianco).

Entrata del monastero dei careliani di San Nicola (1691), adesso a Kolomenskoe nel Museo di Mosca.

Il monastero si espanse dopo l'insediamento della Muscovy Company, una delle principali compagnie di commercio russe, e il porto godette del passaggio delle merci derivanti dai suoi traffici. Nell'agosto 1618 il porto fu visitato da John Tradescant il Vecchio, che esplorò l'isola posta di fronte al monastero. Quest'isola, denominata "Rose Island" nella tradizione inglese, divenne nota poiché Tradescant vi trovò una pianta rara che chiamò Rosa Moscovita.

I restanti edifici furono costruiti alla fine del periodo moscovita, mentre la cattedrale di San Nicola, a cinque cupole, è del 1670-1674, preceduta dalla chiesa dell'Assunzione (1664-1667), a cui è unita da una galleria. Dopo diversi decenni furono costruite le mura e le torri in legno; la torre meglio conservata venne trasportata dai sovietici a Kolomenskoe, Mosca, dove si trova ancora oggi.

La parte moderna della città è invece stata costruita durante il periodo sovietico. Ricevette lo status di città nel 1938. Fino al 1957 era chiamata Molotovsk (Мо́лотовск), in onore di Vjačeslav Molotov.

Durante la Seconda guerra mondiale fu uno dei maggiori luoghi di approdo e scarico dei Convogli Artici che dal Regno Unito trasportavano i materiali utili allo sforzo bellico verso Murmansk e Arcangelo. Ad esempio, la Empire Elgar, una nave da sollevamento pesante facente parte del Convoglio PQ16 destinato ad Arcangelo, trascorse in porto otto settimane impegnata a scaricare alcune delle navi facenti parte del convoglio PQ17, il più grande e prezioso singolo convoglio di aiuti, martoriato dai tedeschi nella Operazione Rösselsprung.

A Severodvinsk si trova la principale base navale strategica russa per i sottomarini nucleari, e anche un grande cantiere di costruzione e riparazione (64.5817 N, 39.8307 E). Alcuni degli edifici del XVII secolo facenti parte del monastero sono stati adattati e fanno parte del complesso produttivo del cantiere.

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Stemma dell'Oblast' di Archangel'sk Città dell'Oblast' di Arcangelo Bandiera della Russia
Capoluogo: Archangel'sk

Kargopol' | Korjažma | Kotlas | Mezen' | Mirnyj | Nar'jan-Mar | Novodvinsk | Njandoma | Onega | Severodvinsk | Šenkursk | Sol'vyčegodsk | Vel'sk

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia