Seung Mina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mina Seung
Seung Mina
Seung Mina
Lingua orig. Giapponese
Voci orig.
Specie umana
Sesso Femmina
Etnia coreana
Luogo di nascita Jirisan, Corea del Sud Corea del Sud
Data di nascita 3 novembre 1568
Parenti
  • Seong Han-myeong (padre)
  • madre e fratello, vittime di una malattia

Seung Mi-na è un personaggio immaginario che compare nella saga videoludica Soulcalibur. La sua prima apparizione è in Soul Edge, poi in Soul Calibur, Soul Calibur II e in Soul Calibur III. Comparirà anche in Soul Calibur IV e nelle serie parallele come Soul Calibur Broken Destiny e Soul Calibur Legends. Il suo nome può essere scritto sia Seong Mina che Seong Mi Na.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

È una ragazza coreana che fin da piccola si è sempre allenata assieme al padre, Seong Han-Myeong, nel dojo di sua proprietà.

Seung Mina è sempre stata affascinata dalle armi ed ha imparato negli anni ad utilizzarne una buona quantità in modo molto professionale: è persino riuscita a superare il padre nell'uso del guan dao. Malgrado le sue eccellenti doti da guerriera, a causa della mentalità maschilista del luogo, il padre decise di farla sposare con il suo figlio adottivo, Hwang Seong Kyung, perché lo riteneva un ottimo consorte e marito. Hwang partì volontario per l'esercito cinese, impegnato in guerra sulle coste del Giappone. Anche Mina voleva diventare parte dell'esercito, ma essendo una femmina non fu accettata.

Un giorno però Mina venne a sapere della Soul Edge, un'arma che era considerata "la spada della salvezza"; tentata di ritrovare questa fantomatica arma, una notte mentre tutti dormono, fugge via e si mette alla ricerca dell'arma. Durante il suo viaggio però incontra Hwang, che la informa che l'esercito giapponese sta avanzando verso la Corea e che bisogna percorrere dietrofront immediatamente; Hwang ritornò a casa con Mina, frustrata però per non aver potuto trovare l'arma leggendaria. Passarono i giorni e Mina, stanca delle lamentele del padre che voleva un matrimonio tra lei ed Hwang, fuggì di nuovo.

Durante il suo viaggio incontrò Ivy Valentine, un'alchimista anch'essa alla ricerca della Soul Edge. Mina venne a sapere da lei che la Soul Edge in realtà è un'arma demoniaca che consuma mente e corpo del detentore, e le consigliò di non cercare l'arma perché era troppo pericoloso per una ragazzina. Ma Mina non le credette, pensando che volesse tenersi la Soul Edge tutta per sé, e la attaccò; Mina rimase incredula dinanzi alla spada magica di Ivy, in grado di allungarsi a dismisura, e fu sconfitta (questo incontro è stato spunto per un dōjinshi hentai).

Dopo questa dura sconfitta, Mina continuò il suo viaggio ed un giorno incontro un vecchio ubriacone che, guardandola, si meravigliò, perché non aveva mai visto una duellante così giovane; il vecchietto le consigliò di tornare a casa e restare al sicuro. Seung Mina si arrabbiò e cercò di colpire il vecchietto che, però, schivava i colpi con una facilità estrema e senza accusare fatica. Dopo essersi stancata, Mina chiese all'anziano guerriero di allenarla. Il vecchio accettò e per un anno Seung Mina fu sua allieva. Un giorno però il vecchio, andato a comprare da bere, scomparve e lasciò sola Mina; lei però trovo una lettera d'addio, firmata "Kong Xiuiang" che in realtà era il padre di Xianghua, la detentrice della Soul Calibur. Seung Mina fissò per un po' il cielo e, dopo questo lungo allenamento, comprese di non sottovalutare mai il proprio avversario.

Si allenò per altri due anni, ma poi Hwang la ritrovò e se la riportò a casa. Quattro anni dopo però, Mina notò tra gli allievi del padre un certo Yun Seong, arrabbiato perché Hwang aveva rifiutato una sua sfida. Mina si dispiacque per quel giovane e, siccome era pieno di talento, lo fece diventare un subordinato d'alto grado della famiglia e gli insegno lo stile del guan dao. Una notte però Yun-Seong portò con sé i suoi oggetti e fuggì via alla ricerca della Soul Edge. Seung Mina decise di partire alla ricerca di questo suo allievo, ma Hwang protestò. Dopo una discussione, Hwang si convinse e fece partire Mina.

Mina viaggiò per la Cina alla ricerca di Yun-Seong. Durante il viaggio però Mina venne a sapere di un uomo, un grandissimo maestro d'armi che viveva in un tempio abbandonato; incuriosita, si incamminò ma, giunta al tempio, vide che era stato distrutto, probabilmente anni prima. Le dissero che il maestro ora viveva nelle Himalaya e, dopo una lunga scalata, raggiunse quest'uomo: il suo nome era Edge Master. Vedendolo, Mina chiese lui di combattere; dovette insistere per un po' e dunque il maestro si preparò: Mina perse pietosamente. Edge Master, conscio comunque del potenziale di Mina, la allenò per qualche mese. Durante i pranzi o le pennichelle, Mina raccontava ad Edge Master il perché del suo viaggio. L'uomo, venendo a conoscenza delle intenzioni della ragazzina, ovvero trovare la Soul Edge, l'avvertì che la spada era dotata di poteri malvagi. Sicura che l'uomo non mentisse, Mina gli credette. Dopo aver salutato il suo maestro, Mina riprese la ricerca di Yun Seong e, una volta trovato, lo avvertì della malvagità delle spade. Tornati a casa, Mina pensò che sarebbe stato divertente diventare da allieva una maestra e si dedicò all'insegnamento delle arti marziali.

Costumi[modifica | modifica sorgente]

Sin dal capostipite Soul Edge, costume primario e secondario di Seung Mina sono stati due, simili tra di loro ma con alcune sostanziali differenze.

Primo costume[modifica | modifica sorgente]

  • treccia lunghissima di capelli castano chiaro
  • fascia gialla legata sulla fronte
  • sotto veste rosa, copre solo il petto
  • tunica rossa
  • sulla tunica sono disegnati oggetti che ricordano lingotti d'oro
  • polsini protettivi arancione forte
  • alla fine della parte inferiore della tunica c'è del tessuto striato blu
  • calzini verdi
  • scarpe colore arancione forte
  • manico del Guan Dao rosso

Secondo costume[modifica | modifica sorgente]

  • capelli castano scuro poco lunghi
  • sciarpa corta blu
  • tunica verde, ai bordi ed ai lati ci sono decorazioni in tessuto dorato
  • canottiera grigio chiaro, copre solo il petto
  • calzini blu
  • calze bianche opache
  • scarpe rosse con decorazione in oro
  • il manico del Guan Dao è nero

Armi[modifica | modifica sorgente]

Come già accennato, Seung Mina è in grado di usare numeri tipi di armi ma, tra le tante, usa al meglio il Guan dao, arma simile alla Naginata ma molto più pesante e riservata ai soli uomini. In tutti i capitoli del gioco l'arma appare in una forma ordinaria, senza tante differenze se non nei vari modelli sbloccabili con abilità speciali.

Stages[modifica | modifica sorgente]

  • L'antico tempio (SE)

Un antico tempio situato tra i monti Chili, nell'estremo sud della penisola Coreana. Distrutto nel quarto secolo, fu ricostruito tempo dopo. Questo tempio altro non è che il luogo di allenamento della famiglia Seung.

  • Tempio della morte (SC)

Costruita prima della nascita di Cristo, si narra che la leggendaria città di Cappadocia sia ancora avvolta nel mistero. Secoli dopo, uno dei monarchi della città fece costruire un tempio mantenuto su dei profondissimi pilastri, stando ad indicare quello come l'accesso all'Ade.

  • Palazzo Hwangseo - Corte della Fenice (SC2)

Villa costruita nella capitale della Corea del Sud, Hanyang. Questo palazzo è stato riconosciuto per le sue incredibili decorazioni. La piattaforma è spesso usata per duelli agli occhi dell'imperatore. Oltre a questo, gli studiosi di arti marziali reputano questo luogo il loro Nirvana.

  • Rovine del Tempio Ling Sheng Su (SC3)

Famoso tempio d'arti marziali, è collocato tra le grandi pianure Cinesi. Anni dopo, il tempio fu distrutto. L'influenza del male, provocato dalla Soul Edge, fece impazzire i monaci che vi abitavano, facendoli accanire tra di loro e distruggendo il tempio. Seung Mina verrà qui per affinare le sue tecniche.

Pose vittoriose[modifica | modifica sorgente]

  • Seung Mina salta in aria girando il suo Guan Dao, si ritrova di spalle al nemico, posa con violenza l'arma per terra,tenendola in pugno, poi si gira facendola roteare leggermente, sbatte il piede per terra, poi si mette in posizione Muay Tai ed urla "Ti basta così?!".
  • Seung Mina corre in avanti, salta dando dei calci in aria, gira su se stessa e fa roteare il suo Guan Dao, poi lo posiziona dietro le spalle, lo mantiene con una mano, posiziona l'altra mano aperta davanti a se, guarda fisso e dice "Padre, non ti deluderò".
  • Mina fa roteare in alto il Guan Dao per varie volte, poi si abbassa mantenendo il Guan Dao con la mano destra dietro le spalle e posiziona la mano sinistra davanti aperta. Dopo questa esibizione, dice "Non credere che io sia una mocciosa!

Frasi celebri[modifica | modifica sorgente]

  • Non trattarmi come una mocciosa! - Soul Calibur
  • Padre, non ti deluderò! - Soul Calibur
  • AH! Ti basta così?! - Soul Calibur
  • Mi sono proprio divertita! - Soul Calibur
  • Non perderò mai - Soul Calibur III
  • Acoltami bene questo incontro è mio! - Soul Calibur III
  • Non male... e per dirlo io... - Soul Calibur III
  • Vuoi che ti insegni a usare quella spada? hehe.." - Soul Calibur III
videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi