Sette volte sette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sette volte sette
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1968
Durata 92 min
Colore colore
Audio mono
Rapporto 2,35 : 1
Genere commedia, crimine
Regia Michele Lupo
Soggetto Gianfranco Clerici, Walter Patriarca
Sceneggiatura Sergio Donati
Produttore Marco Vicario
Casa di produzione Euroatlantica
Fotografia Franco Villa
Montaggio Sergio Montanari
Musiche Armando Trovajoli
Scenografia Andrea Crisanti, Dario Micheli
Costumi Walter Patriarca
Trucco Orietta Melaranci, Sandro Melaranci
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Sette volte sette (o 7 volte 7, come da locandina) è un film del 1968 diretto da Michele Lupo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una Titan RTL554 simile a quella del film

Londra. I detenuti di una prigione si rifiutano di rientrare nelle loro celle dopo l'ora d'aria. Nonostante il tempo inclemente, la protesta dei galeotti continua fino a quando il direttore del carcere non convince buona parte di essi a rientrare ai loro posti. Alla fine restano solo quattro detenuti fermi nella corte all'aperto e altri due nelle cucine; proprio questi ultimi inscenano con un pretesto una scazzottata che conduce le guardie a usare il pugno di ferro con loro e gli ultimi quattro rimasti all'esterno. I sei finiscono in infermeria insieme a Sam, un vecchio detenuto leggermente svitato e sofferente di cuore. In realtà la protesta è servita proprio a riunire proprio questi sei detenuti al fine di approfittare, con la complicità del medico interno al reparto del loro stato di degenza per scappare temporaneamente dalla prigione.

I sei hanno un piano: evadere per il tempo della finale di coppa d'Inghilterra per stampare delle banconote false e, dopo averle nascoste, rientrare in tempo per non farsi scoprire da nessuno.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Sebbene alla fine del film si lasci intendere la possibilità di un sequel, questo non verrà mai realizzato.
  • La partita di coppa d'Inghilterra che fa da sottofondo al film è la finale di Fa Cup del 1966 tra Everton e Sheffield Wednesday che finì 3 a 2 per la squadra di Liverpool. Nel film però si inventa un finale diverso, con un gol all'ultimo secondo che avrebbe portato il punteggio sul 3-3 costringendo le squadre ai tempi supplementari.
  • È l'ultimo film interpretato da Raimondo Vianello, che da qui in poi preferirà dedicarsi alla stesura di sceneggiature e alla carriera televisiva.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema