Setsuna Meiou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Setsuna Meiou[1]
Setsuna Meiō nei panni di Sailor Pluto
Setsuna Meiō nei panni di Sailor Pluto
Universo Sailor Moon
Nome orig. せつな 冥王 (Setsuna Meiō)
Lingua orig. Giapponese
Alter ego Sailor Pluto
Autore Naoko Takeuchi
Studio Toei Animation
Editore Kodansha
1ª app. 1993
1ª app. in Nakayoshi
Editori it.
app. it. 1993
Voce orig. Chiyoko Kawashima
Voce italiana Daniela Fava
Specie umana
Sesso Femmina
Etnia giapponese
Data di nascita 29 ottobre
Parenti Chronos (avo)

Setsuna Meiou[2] (冥王 せつな Meiō Setsuna?) è un personaggio dell'anime e del manga Sailor Moon. Compare per la prima volta come Setsuna Meiou solo nella terza serie e nella quinta, e come guerriera già da metà seconda serie ed è in grado di trasformarsi in Sailor Pluto, la guerriera che combatte sotto la protezione del pianeta Plutone[3]; insieme a Sailor Uranus, Sailor Neptune e Sailor Saturn fa parte del gruppo delle Guerriere del Sistema Solare Esterno. Nell'adattamento italiano dell'anime il suo nome è stato cambiato in Sidia.

Carattere[modifica | modifica sorgente]

Setsuna è tra i personaggi più misteriosi di tutta la storia. Sailor Pluto viene presentata a metà della seconda serie e nell'anime viene detto soltanto che è la guardiana delle porte del tempo, nel manga viene anche aggiunto che il compito le fu affidato da Queen Serenity ai tempi di Silver Millennium quando ancora era bambina. Inoltre alla fine della seconda serie Sailor Pluto muore per aver violato uno dei tre tabù che le sono stati posti dalla regina, ovvero ferma il tempo per impedire a Prince Demand di far toccare i due cristalli d'argento quello del passato e del futuro cosa che avrebbe portato alla distruzione di ogni cosa (nell'anime succede una cosa simile nella terza serie, quando ferma il tempo per salvare Sailor Uranus e Neptune dall'esplosione del loro elicottero). Del suo alter-ego Setsuna Meiou che appare nella terza serie non si sa molto soprattutto nell'anime, e nel manga viene presentata inizialmente come studentessa dell'università Ko collega di Reika Nishimura alla facoltà di scienze naturali. Dopo la battaglia contro i Death Buster, nell'anime ritorna alle porte del tempo mentre nel manga insieme a Haruka e Michiru cresce Hotaru in una suontuosa villa, tuttavia ritorna nella quinta serie dove andrà a prendere Hotaru, che nel frattempo è cresciuta con il padre, e la porterà dalle sue compagne Haruka e Michiru successivamente Hotaru crescerà improvvisamente da uno a sei anni circa, durante l'attacco dei cloni di Nehellenia.

È molto affezionata a Chibiusa (che come la madre la chiama semplicemente Small Lady, tradotto letteralmente in Piccola Lady[4] nell'adattamento italiano sia di anime che di manga), la quale si rivolge a Setsuna chiamandola affettuosamente Pu; poiché la pronuncia in giapponese di Pluto è Puruto, Chibiusa la chiama utilizzando le sole prime due lettere (nomignolo rimasto invariato nell'edizione italiana dell'anime).

Nel capitolo Star 1 del manga la si vede lavorare come infermiera nella scuola di Chibiusa, sempre in questo arco della storia (almeno nel manga) sembra che ci siano due Sailor Pluto: una nel XX e un'altra nel XXX secolo: difatti nel capitolo Star 3 appare una Sailor Pluto nel XXX secolo parlare con la Neo-Regina Serenity che indossa la seconda divisa di trasformazione, mentre nel passato indossa la terza divisa. Più tardi nel capitolo Star 5 (dopo che Galaxia ha ucciso Pluto e rubato il suo Sailor Crystal) Chibiusa, nel futuro, vede i corpi di suo padre e delle guerriere Sailor Mercury, Mars, Jupiter, Venus e Pluto distesi in alcune bare con i loro Sailor Crystal che brillano, questo perché i cristalli dei loro alter-ego del passato sono stati trafugati e quindi è avvenuta ciò che nel manga viene definita la loro "morte umana".

Nell'anime le cose sono differenti e sembra che esista solo una Sailor Pluto che viva al di fuori del normale spazio-tempo, montando di guardia alla Porta del Tempo e intervenendo quando le è richiesto.

Trasformazioni e aspetti[modifica | modifica sorgente]

Custode delle Porte del Tempo[modifica | modifica sorgente]

Sailor Pluto è la Custode delle Porte del Tempo, ed è dunque in grado di viaggiare attraverso il tempo. È lei, infatti, a permettere a Chibiusa di usare la chiave del tempo nell'anime, per raggiungere il XX secolo, chiave che darà poi l'opportunità anche a Sailor Moon, Tuxedo Kamen e le Guardian Senshi di effettuare un viaggio nel futuro. Nel manga invece Chibiusa ruba a Sailor Pluto la chiave del tempo, e viaggia nello spazio tempo senza il suo permesso, alla vita porta una cintura in cui sono attaccate altre chiavi, oltre a quella rubata da Chibiusa, ma non è dato sapere se tutte le chiavi abbiano la medesima funzione.

Sailor Pluto[modifica | modifica sorgente]

Sailor Pluto nell'anime

Dopo le brevi apparizioni nella seconda stagione, torna in qualità di combattente durante la terza per unire il suo talismano a quelli di Sailor Neptune e di Sailor Uranus e dare luogo alla Coppa Lunare: essendo, infatti, una guerriera del sistema solare esterno, possiede uno dei Tre Talismani, il Garnet Orb (Sfera Granato in Italia) posta sulla sommità del suo bastone a forma di chiave (chiamato invece Garnet Rod[5]). Questo riferimento non è casuale, essendo ella posta a guardia del varco spazio-temporale.

Verso la fine della terza serie, Sailor Pluto, mediante il suo talismano, utilizza la tecnica proibita consistente nell'arresto temporale, in modo da permettere alle sue due compagne di salvarsi. Tuttavia, a causa di questo atteggiamento, Sailor Pluto viene bandita per un certo periodo dalla Terra e rispedita a guardia del varco temporale. Riappare all'inizio della quinta serie nella battaglia contro la Regina Nehellenia e affianca le sue compagne durante la guerra contro Galaxia.

A Sailor Pluto è stato dato il controllo sul tempo in quanto discendente diretta di Crono, la personificazione del tempo;[6] tuttavia, spesso si presenta anche come "Guardiana degli Inferi",[7] poiché Plutone, nella mitologia romana, era il dio dell'oltretomba e tale caratteristica è evidente in alcuni dei suoi attacchi. E sempre a Plutone si ricollega il suo ruolo di Custode delle Porte del Tempo, in quanto il regno dei morti era considerato esattamente un varco temporale, il punto di passaggio da una dimensione ad un'altra (lo stesso pianeta Plutone viene citato sia come pianeta dell'Ade, che dello spazio-tempo[8]). Un altro titolo della guerriera è quello di Guerriera del cambiamento[8].

Nel musical vi è una particolarità non presente nell'anime e nel manga: Sailor Pluto è innamorata di Re Endymion, tuttavia non si tratta di un amore contraccambiato.

Non appare nella serie live-action.

Principessa Pluto[modifica | modifica sorgente]

Simbolo di Plutone

Durante il Silver Millennium, Sailor Pluto era anche la principessa del suo pianeta. Da Queen Serenity aveva ricevuto il compito di sorvegliare le porte del tempo, nell'anime invece il suo compito durante Silver Millennium era proteggere da attacchi esterni il sistema solare con Sailor Uranus e Sailor Neptune. Si presume che prima che le fosse affidata la sua missione la Principessa Pluto viveva nel Charon Castle, ed indossava una veste nera, come appare nell'atto 41 del manga.

Poteri e attacchi[modifica | modifica sorgente]

Trasformazioni
Formula originale Formula italiana (anime) Formula italiana (manga) Uso nella serie
Pluto Planet Power, Make Up! Potere di Plutone, Vieni a Me! Pluto Planet Power, Make Up! anime/manga
Pluto Crystal Power, Make Up! n/a Pluto Crystal Power, Make Up! manga[9]

Pluto Planet Power, Make Up!: al momento della trasformazione, primo fra tutti appare il simbolo astronomico di Plutone e dopo aver ruotato su sé stesso si ricongiunge al Lip Rod di Setsuna che appare sullo sfondo, e Setsuna lo afferra,mostrando delle unghie smaltate color lavanda. Emanando delle sfere luminose della stessa tinta, Setsuna crea un cerchio attorno a sé mentre si sente il chiaro ticchettio di un orologio, convocando una scia di energia color argento, simile a sabbia, che la avvolge dall'alto, per poi concentrarsi nella Garnet Orb, in cima al Garnet Rod, che viene afferrata da Sailor Pluto, nelle sue vesti di Guerriera. Viene mostrato il suo viso e un leggero strato di rossetto rosato appare nelle sue labbra, prima che assuma la sua posa definitiva, mostrando sullo sfondo un'aurora boreale.

Attacchi
Nome originale Traduzione Nome italiano(anime) Nome italiano (manga) Uso nella serie
Time Stop Arresto temporale senza nome specifico Time Stop/O tempo, fermati[10] manga/anime
Dead Scream Grido mortale Meteorite di Plutone, azione! Dead Scream manga/anime
Dark Dome Close Chiusura del palazzo oscuro n/a Dark Dome Close manga
Garnet Ball (usa il talismano per creare una barriera) Sfera granato n/a Garnet Ball manga
Chronos Typhoon Tifone di Crono n/a Chronos Typhoon manga
Sailor Planet Power Uranus! Neptune! Pluto! Mercury! Mars! Jupiter! Venus! Meditation! n/a Sailor Planet Power Uranus! Neptune! Pluto! Mercury! Mars! Jupiter! Venus! Meditation! manga
Galactica Cannon (con Sailor Saturn) Cannone Galattico n/a Galactica Cannon manDe

Dead Scream: per realizzare questo attacco, Sailor Pluto solleva il Garnet Rod in alto e crea un piccolo mulinello d'aria, definito dall'autrice "Vento d'Oltremondo", che avvolge il suo corpo. A questo punto sussurra quasi impercettibilmente il nome della tecnica, mentre il vento si raccoglie nella Sfera di Granato, formando un ammasso sferico di energia color lavanda, dalla forma di un pianeta circondato da un anello, che viene scagliato contro il nemico dall'alto del suo scettro. I kanji per il nome di questo attacco significano letteralmente urlo di distruzione, i kana di lettura utilizzati invece indicano come lettura appunto dead scream attingendo direttamente al potere della morte di cui era investito il dio romano Plutone, signore dell'Ade. Nel Sailor Moon SuperS Nakayoshi Anime Album, il vento che si crea intorno alla Garnet Orb si chiama vento dell'oltretomba.

Chronos Typhoon: attacco che prevede l'uso della Garnet Orb per colpire il nemico con un potente tifone d'energia.

Garnet Ball: attacco che prevede l'uso della Garnet Orb per creare uno scudo difensivo che protegge dall'interno chi vi si trova, di potenza pari al Silence Wall di Sailor Saturn.

Time Stop: attacco proibito che permette a Sailor Pluto di bloccare lo scorrere del tempo per un lasso alquanto breve, potere che costituisce per Sailor Pluto la rottura di un tabù, nel manga l'utilizzo di tale potere la conduce alla morte, nell'anime il suo ritorno forzato alle Porte dello Spazio-Tempo.

Doppiatrici e attrici[modifica | modifica sorgente]

Nella versione giapponese, Setsuna è doppiata da Chiyoko Kawashima, mentre in quella italiana è doppiata a Daniela Fava.

Durante la stagione dei musical è stata interpretata da 8 attrici: Miwa Hosoki, Rei Saitou, Yuki Kamiya, Seiko Nakazawa, Teruyo Watanabe, Yuko Hosaka, Yukiko Nakae, and Miho Yokoi.

Ricezione e influenza[modifica | modifica sorgente]

Setsuna è stata citata come icona sexy (insieme ad altri personaggi femminili dei cartoni come Jessica Rabbit) nel secondo episodio del telefilm Franklin & Bash[11]. Il personaggio ha anche avuto una citazione nell'anime Keroro nella puntata dedicata al declassamento di Plutone da pianeta a pianeta nano, dove Angol Mois indossa un costume della guerriera, anche se con colori differenti per fuku e scettro.

Nei sondaggi ufficiali pubblicati negli anni '90 Setsuna e Pluto sono considerati personaggi a sé stanti. Nel sondaggio del 1995 su cinquantuno scelte, Setsuna si è classificata al tredicesimo posto, mentre Pluto al quinto[12]. Successivamente nel 1996 (sempre su cinquantuno scelte) Setsuna è risultata essere al ventinovesimo posto, mentre Sailor Pluto al ventunesimo[13].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gli ideogrammi del cognome possono anche essere traslitterati come Meioh. La versione qui riportata è quella della seconda edizione italiana del manga
  2. ^ Gli ideogrammi del cognome possono anche essere traslitterati come Meioh. La versione qui riportata è quella della seconda edizione italiana del manga
  3. ^ attualmente Putone viene considerato un pianeta nano. Il manga venne scritto e disegnato negli anni '90, quando gi oggetti della fascia di Kuiper non erano ancora stati scoperti
  4. ^ nome usato anche Star Comics
  5. ^ Manga di Sailor Moon, Act 21 nuova edizione
  6. ^ Didascalia presente nel manga Sailor Moon, volume 19
  7. ^ Sailor Moon Act 18
  8. ^ a b Manga di Sailor Moon, Act 45 nuova edizione
  9. ^ usato sia nella trasformazione del quarto che del quinto arco del manga per due differenti stadi di trasformazione
  10. ^ Edizione GP Publishing. La formula è stata adattata con un'invocazione
  11. ^ Setsuna Meioh, icona sexy in Franklin & Bash su Sailor Moon world.it
  12. ^ (JA) Naoko Takeuchi, Bishoujo Senshi Sailor Moon Volume 10, Kodanzha, 6 giugno 1995, ISBN 4-06-178806-X.
  13. ^ (JA) Naoko Takeuchi, Bishoujo Senshi Sailor Moon Volume 15, Kodanzha, 6 luglio 1996, ISBN 4-06-178835-3.
Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Anime e manga