Sete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Sete (disambigua).
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Il dipinto Sete, del pittore francese William-Adolphe Bouguereau (1886)

La sete è il desiderio istintivo di assunzione di liquidi che si manifesta negli animali e li porta a bere[1].

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Il sintomo della sete indica uno sbilanciamento tra assunzione e perdita di liquidi e un'alterazione dell'equilibrio idro-salino, importante per l'omeostasi dell'organismo[2] ed è fisiologicamente dovuto a osmocettori che rilevano la concentrazione plasmatica degli elettroliti, in particolare del sodio[3]. Ciò può avvenire come conseguenza di una riduzione dell'ingestione di acqua, sia per carenze ambientali della stessa, sia per un suo ridotto assorbimento a livello dell'intestino; oppure può avvenire per un'aumentata perdita di acqua, come avviene nella sudorazione profusa, in caso di vomito o diarrea importanti, nelle emorragie, nella poliuria[3].

La sete può tuttavia essere patologica, come avviene nella polidipsia primaria, in cui vi può essere un interessamento diretto del centro della sete[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sete sul Vocabolario Treccani
  2. ^ Guyton , op. cit., pp. 270, 2007.
  3. ^ a b c Nuti, Caniggia , op. cit., pp. 20-21, 2005.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina