Sesto Giulio Severo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sesto Giulio Severo
Roman SPQR banner.svg Console dell'Impero romano
Nome originale Gnaeus Minicius Faustinus Sextus Iulius Severus
Nascita 94 circa
Morte post 135
Gens Minucia e Giulia
Questura della Macedonia (119 ca.)
Legatus legionis XIV Gemina (124 ca.)
Consolato suffectus nel 127
Legatus Augusti pro praetore della Dacia superiore (126/127), della Mesia inferiore (128/131), della Britannia (131/133) e della Giudea (134/137?)

Sesto Giulio Severo, nome completo Gneo Minucio Faustino Sesto Giulio Severo[1] (latino: Gnaeus Minicius Faustinus Sextus Iulius Severus; floruit 125-135; ... – ...), fu un politico e un comandante militare romano sotto l'imperatore Adriano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Severo era un patrizio che tra il 120 e il 126 ricoprì diversi incarichi militari in Pannonia superiore, durante i quali dimostrò le sue qualità di stratega. Nel 126 fu nominato governatore della Dacia superiore, nel 127 fu console suffetto e, dal 128 al 131 circa, governò la Mesia inferiore, per poi diventare governatore della Britannia romana tra il 131 ed il 133.[2] Durante il suo mandato proseguì la costruzione del Vallo di Adriano: Frontone afferma che in quel periodo vi furono molte vittime, suggerendo che vi furono degli scontri durante la costruzione, forse perché antiche vie commerciali furono interrotte dal vallo, e non stupisce dunque che Adriano abbia inviato a governare la regione uno dei suoi migliori comandanti militari.[3]

Tra la fine del 134 e l'inizio del 135, Severo fu nominato legatus Augusti pro praetore per la Giudea. Anche in questo caso la scelta fu dovuta probabilmente alle sue capacità di generale: nel 132, sotto il suo predecessore Quinto Tineio Rufo, era scoppiata una rivolta, nota come terza guerra giudaica; Tineio era stato in grado di circoscrivere la rivolta, ma i Giudei, guidati da Simon Bar Kokheba, mantennero il controllo di Gerusalemme. Adriano inviò allora Severo ed altri dei suoi migliori generali in Giudea:[4] Severo strappò Gerusalemme agli insorti nel 135, poi assediò il forte di Betar, dove Bar Kokheba e i suoi restanti seguaci si erano rifugiati, lo conquistò e uccise tutti i prigionieri. Dopo la fine della guerra la maggior parte dei Giudei fu allontanata dalla regione, tanto che la provincia, sino ad allora nota come Giudea per indicare l'etnia predominante, cambiò nome in Siria Palestina. Severo fu onorato degli ornamenta triumphalia e rimase governatore della provincia per qualche tempo.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CIL III, 2830
  2. ^ ZPE-174-189.
  3. ^ Salway, p. 140.
  4. ^ Cassio Dione, lxix.13-14.
  5. ^ AE 1904, 9

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Peter Salway, A History of Roman Britain, Oxford University Press, 2001, pp. 140-141.
  • (EN) M. Mohr, "The Geographical Scope of the Bar-Kokhba Revolt", in: P. Schäfer, The Bar Kokhba War Reconsidered, Mohr Siebeck, 2003, pp. 111-113.
Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Marco Annio Vero III
Gaio Eggio Ambibulo
(127 d.C.)
con ?
Lucio Nonio Calpurnio Torquato Asprenate II
Marco Annio Libone
Predecessore
Trebio Germano
Governatore della Britannia
131134
Successore
Publio Mummio Sisenna