Sesta colonna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film con Humphrey Bogart, vedi Sesta colonna (film).
Sesta colonna
Titolo originale Sixt Column
Altri titoli The Day After Tomorrow, La sesta colonna
Autore Robert A. Heinlein
1ª ed. originale 1951
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Ambientazione Stati Uniti d'America

Sesta colonna (intitolato originariamente Sixth Column o anche The Day After Tomorrow) è un romanzo di fantascienza di Robert A. Heinlein. Pubblicato originariamente a puntate nel 1941, venne raccolto in libro nel 1951.

Ambientato negli Stati Uniti conquistati da un invasore straniero, il romanzo è incentrato sulle attività di un laboratorio di ricerca situato nelle montagne del Colorado, che è l'ultimo avamposto rimasto dell'Esercito degli Stati Uniti dopo la sua sconfitta da parte dei PanAsiatici. I PanAsiatici sono una combinazione di Cinesi e Giapponesi. I conquistatori hanno assorbito l'Unione Sovietica dopo esserne stati attaccati e hanno proseguito amalgandosi India. Gli invasori sono rappresentati come senza pietà e crudeli — per esempio schiacciano un tentativo di ribellione uccidendo 150.000 civili americani come punizione.

Il libro è notevole per la sua franca e controversa rappresentazione del razzismo. I conquistatori panasiatici si considerano essi stessi un popolo scelto predestinato a governare le razze minori e preferiscono riferirsi agli uomini bianchi chiamandoli schiavi: "Tre cose occorrono agli schiavi: lavoro, cibo e la loro religione". Richiedono i segni esterni del rispetto, come saltare prontamente nei fossati quando un membro della razza scelta passa tra loro ed alla minima esitazione nel mostrare le cortesie richieste si meritano una vergata sul viso. Uno dei personaggi è Frank Mitsui, un Americano-Asiatico la cui famiglia è stata uccisa dagli invasori perché non rientrava nel nuovo ordine razziale dei PanAsiatici. Gli americani nel romanzo rispondono al razzismo dei loro conquistarori riferendosi ad essi in termini spregiativi come "faccia piatta" e "ragazzi scimmia".

Sesta colonna e Storia di Farnham (un altro romanzo di Heinlein) sono entrambi incentrati sull'argomento della razza. Mentre alcune persone considerano razzista Sesta colonna, Storia di Farnham cambia le carte in tavola invertendo gli stereotipi razziali. L'idea originaria della storia fu proposta da John W. Campbell, non da Heinlein, e pare che sia rimasto imbarazzato da questa storia.[senza fonte] Venne scritta lo stesso anno dell'attacco a Pearl Harbor.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il laboratorio di montagna è in preda al panico. Tutti i membri del personale tranne sei persone sono improvvisamente morti a causa di forze misteriose dello spettro magneto-gravitico o elettro-gravitico. Gli scienziati superstiti scoprono rapidamente che possono uccidere selettivamente le persone rilasciando la pressione interna delle loro membrane cellulari. Scoprono altre forze stupefacenti, ma la loro sfida è: come può una manciata di persone rovesciare una forza d'invasione, quando tutte le loro linee di comunicazione sono state interrotte ed è un crimine anche stampare una singola parola in inglese? Notando che gli invasori hanno permesso la libera pratica delle religioni, gli americani fondano la falsa chiesa di Lord Mota con lo scopo di preparare la resistenza, che il Maggiore Ardmore (il protagonista del libro) definisce come una sesta colonna.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • Robert A. Heinlein, Sixt Column (The Day After Tomorrow), 1951.
  • Robert A. Heinlein, La sesta colonna, traduzione di Lella Pollini, collana Galassia n° 24, La Tribuna, 1962, pp. 144.
  • Robert A. Heinlein, Sesta colonna, traduzione di Riccardo Valla, collana Cosmo Oro n° 11, Editrice Nord, 1974, pp. 260, ISBN 88-429-0308-6.
  • Robert A. Heinlein, Cittadino della galassia - Sesta colonna, traduzione di Riccardo Valla, collana Grandi Scrittori di Fantascienza, Euroclub, 1979, pp. 257.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]