Servizio volontari del museo Ermitage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Servizio Volontari dell'Ermitage di San Pietroburgo, offre a tutti gli interessati l'opportunità di essere coinvolti nelle attività di questo museo conosciuto in tutto il mondo. Il programma permette l'interazione tra lo staff e i visitatori, diffondendo la conoscenza degli esperti ai turisti. I volontari possono anche sviluppare progetti che rispecchino i loro obiettivi e interessi personali legati al museo.

Missione[modifica | modifica sorgente]

Il principale obiettivo del Servizio Volontari è far conoscere alle giovani generazioni la cultura e il patrimonio artistico attraverso l'accesso alle numerose collezioni internazionali dell'Ermitage. Il programma dei volontari ha lo scopo di aiutare le giovani generazioni a capire il valore delle tradizioni e far crescere in loro un sentimento di responsabilità per la conservazione di queste. Basato su un metodo creativo e interattivo, il Servizio Volontari coinvolge giovani studenti in vari progetti culturali, siano essi direttamente legati alle varie attività del museo o meno. Attraverso i suoi programmi, il Servizio Volontari spera che i giovani abbiano l'occasione di scoprire, imparare e meglio apprezzare il loro patrimonio culturale in modo da essere interessati a preservarlo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La nascita del Servizio Volontari è strettamente legata alla celebrazione dei trecento anni di San Pietroburgo. L'Ermitage ha partecipato attivamente a questa ricorrenza organizzando diversi eventi sia per gli abitanti della città, sia per gli ospiti illustri. Ma sarebbe stato impossibile realizzare questi progetti con le sole forze dell'Ermitage. Per questo sono stati chiamati i volontari, pronti a fornire il loro aiuto al museo e accolti da una leadership disponibile a sostenere le loro iniziative.[1]

Nel gennaio 2003 Mikhail Kozhukhovskij, ha creato il Servizio Volontari, reclutando studenti in grado di parlare diverse lingue e diventando il leader di questo gruppo di giovani desiderosi di partecipare agli eventi della città. Con il risultato che, dall'approvazione del programma nell'Ermitage, si è riusciti a selezionare e preparare a questa attività 150 persone.[2]

In primavera il Comitato per la celebrazione dei trecento anni della città è riuscito a supportare il programma e il 23 maggio 2003 i volontari hanno fatto il loro primo ingresso nelle sale dell'Ermitage. Il Servizio ha ottenuto successivamente lo status di programma speciale e da allora opera con successo.[3]

Sin dall'inizio, il programma cominciò molti progetti in collaborazione con vari dipartimenti dell'Ermitage ed i volontari divennero parte integrante del personale del museo. 

La Squadra[modifica | modifica sorgente]

Il programma è continuamente rinnovato attraverso il costante coinvolgimento di nuovi volontari. Studenti, lavoratori, pensionati, russi, stranieri, giovani e anziani lavorano insieme per migliorare costantemente il servizio offerto dall'Ermitage. Negli anni si è formato un piccolo gruppo impegnato nella coordinazione dell'associazione. Questo ha consentito un maggiore controllo dei molti progetti del programma e ha creato un'atmosfera di lavoro piacevole. Al momento i volontari coinvolti nel programma provengono da tutto il mondo - Russia, Svizzera, Stati Uniti, Germania, Francia, Spagna, Italia e altri Paesi.[4] Ciascun volontario dedica un po' del suo tempo al programma a seconda delle sue possibilità e capacità. Nel Servizio Volontari ci sono filologi, storici dell'arte, giornalisti, insegnanti, esperti di informatica e persone con professioni non necessariamente legate alla sfera culturale. Il Servizio Volontari accetta qualsiasi tipo di competenza: l'unico requisito richiesto è l'entusiasmo. Anche dopo aver lasciato il programma, molti volontari rimangono in contatto con l'associazione e gli altri membri. In questo modo, il programma volontari ha stabilito un'estesa rete di contatti a livello internazionale.

Attività all'interno dell'Ermitage[modifica | modifica sorgente]

Il Servizio Volontari aiuta l'Ermitage in molti modi. Attraverso il suo lavoro, il programma ha lo scopo di mettere a disposizione volontari con profonde esperienze professionali e umane. Sotto sono riportate alcune attività a cui i membri del programma possono prendere parte.

  • Reception e sicurezza. Accogliere e assistere dei visitatori dell'Ermitage. Controllare dei biglietti e fornire informazioni ai visitatori del museo.
  • Aiutare in progetti scientifici. Inserire nei database dati riguardanti l'inventario, il restauro, gli scavi archeologici, la classificazione e la gestione dei reperti conservati.
  • Occuparsi delle pubblicazioni e della corrispondenza del museo.
  • Sviluppare nuove tecnologie di comunicazione e progetti multimediali.
  • Aiutare nell'organizzazione di seminari e conferenze internazionali.
  • Lavoro di traduzione. Insegnare le lingue straniere e creare gruppi di conversazione.
  • Aiutare nello spostare reperti e nell'installare esibizioni.

Progetti[modifica | modifica sorgente]

L'attività del Servizio dei Volontari include oltre alla creazione e alla realizzazione dei propri progetti, anche il coinvolgimento dei giovani nelle tematiche contemporanee del patrimonio culturale, con lo scopo di sensibilizzare volontari e turisti.

WHY (World Heritage & Youth)[modifica | modifica sorgente]

Questo è il principale progetto del Servizio Volontari. Il nome WHY esprime il suo contenuto: "Perché è importante per le giovani generazioni preservare il loro patrimonio culturale?". Il suo principale obiettivo è quello di focalizzarsi sull'importanza delle tradizioni. Questo progetto coinvolge i volontari in vari programmi e conferenze riguardanti la preservazione culturale. Un eccellente esempio delle tematiche affrontate dal progetto WHY è l'attuale dibattito riguardante la costruzione dell'Okhta Center, uno dei progetti edilizi più criticati nella San Pietroburgo contemporanea. Molti volontari hanno reagito negativamente alla possibile realizzazione di questo progetto, sottolineando l'importanza di preservare il centro storico di San Pietroburgo.

Hermitage Summer University (Università estiva dell'Ermitage)[modifica | modifica sorgente]

L'Università Estiva del Museo di Stato dell'Ermitage è il risultato diretto del progetto WHY. Dal 2009 il Servizio Volontari organizza durante il mese di luglio L'Università Estiva, in collaborazione con la compagnia russa Rosatom.[5] Gli studenti sono invitati a partecipare ad una serie di eventi e attività organizzate per educarli sulle tradizioni culturali. Per molti di loro, l'Università Estiva è la prima opportunità per scoprire ed esplorare il significato di patrimonio culturale.

Progetto Ropsha[modifica | modifica sorgente]

Questo è stato il primo progetto realizzato dal Servizio Volontari. Il suo scopo è quello di attirare l'attenzione sulla necessità di preservare l'architettura storica. La città di Ropsha, situata a sud-ovest di San Pietroburgo, ospita un castello incluso nella World Heritage List dell'UNESCO. I volontari dell'Ermitage hanno preso parte ad una campagna per impedire la distruzione di questo bellissimo monumento, raccogliendo informazioni riguardanti questo luogo. Il progetto più importante per il Servizio Volontari è stata la realizzazione del Museo dell'albero di Natale all'interno del castello. Questo museo permette ai bambini della città di capire meglio il significato di questa tradizione presente quasi in tutto il mondo.

Gare&giochi: imparare e divertirsi[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno il Servizio Volontari organizza giochi e attività di intrattenimento che vogliono presentare la storia del mondo ad un livello facilmente comprensibile ai bambini. Ogni gioco si focalizza su di un particolare aspetto della storia, del patrimonio culturale o delle tradizioni. Nel febbraio del 2009, per esempio, il Servizio Volontari ha organizzato un gioco chiamato "Il giorno degli Sciti" legato all'antica cultura Pazyryk. Attraverso questo gioco i giovani partecipanti hanno potuto scoprire questa complicata e affascinante civiltà. Il Servizio Volontari organizza anche gare culturali, sviluppate attraverso la collaborazione con le scuole e parte integrante dei programmi scolastici, in cui sono coinvolti vari dipartimenti dell'Ermitage. All'inizio dell'inverno, per esempio, il servizio organizza tradizionalmente una competizione di informatica. Il suo obiettivo è quello di incoraggiare i bambini ad utilizzare le nuove tecnologie e allo stesso tempo far scoprire loro la cultura dei popoli antichi. Una recente gara è riuscita a coinvolgere un pubblico molto più ampio dei soli giovani russi. Organizzata nel dicembre 2010, questa competizione riguardante la Siberia e chiamata Alle soglie della scoperta è stata aperta ai bambini di tutte le scuole europee.

  • Competizione Gatte e gatti - grandi e piccoli, aprile 2012.
  • Competizione 9 giorni prima delle Calende di settembre, dicembre 2011.
  • Competizione Il Garage di Nicola II al Palazzo d'Inverno, dicembre 2011.
  • Competizione Alle soglie della scoperta, dicembre 2010.
  • Competizione Sul sentiero degli dei dell'Olimpo, aprile 2010.
  • Giochi dei Volontari, dicembre 2009.
  • Gioco Il giorno degli Sciti, aprile 2009.
  • Gioco Età dei ghiacci, dicembre 2008.
  • Gioco Evoluzione, dicembre 2008.

Attività recenti[modifica | modifica sorgente]

Il Servizio volontari dell`Ermitage – vincitore del concorso ''Effektivnoe dobrovol`čestvo''[6][modifica | modifica sorgente]

Il 23 novembre 2013 in ''Atrium Glavnogo štaba'' (Atrio dello Stato Maggiore) hanno avuto luogo la cerimonia e la premiazione sia del servizio di volontariato e dei volontari di San Pietroburgo, sia dei partecipanti al concorso ''Effektivnoe dobrovol`čestvo'' (letteralmente 'volontariato efficiente'), organizzate dal comitato politiche giovanili del governo della città. Il concorso mira a sviluppare movimenti di volontariato giovanile, ad attirare l'attenzione dei cittadini, delle autorità e delle imprese per le attività di volontariato, e anche a individuare progetti socialmente utili. La nomination ''Organizzazione di eventi cittadini'' è stata vinta dal Servizio volontari dell'Ermitage, che ha ricevuto il diploma e la statuetta di bronzo del Piccolo Principe.

Alla cerimonia di premiazione ha partecipato A.N. Parkhomenko, il presidente del comitato per le politiche giovanili e per le relazioni con le organizzazioni sociali del governo di San Pietroburgo, e anche il vicedirettore generale dell'Ermitage V. Ju. Matveev, entrambi cittadini onorari di San Pietroburgo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Энциклопедия Благотворительности Санкт-Петербург
  2. ^ Волонтеры из атомной отрасли приступили к работе в Эрмитаже : Пресс-центр атомной энергетики и промышленности : Новости
  3. ^ The State Hermitage Museum Report for 2003, p.165
  4. ^ Служба волонтёров Государственного Эрмитажа
  5. ^ The State Hermitage Annual Report, 2009
  6. ^ Эффективное добровольчество.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]