Serpukhoviano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Periodo Sottosistema/
Epoca
Piano Età
(Ma)
Permiano Cisuraliano Asseliano Più recente
Carbonifero Pennsylvaniano Gzheliano 299,0–303,9
Kasimoviano 303,9–306,5
Moscoviano 306,5–311,7
Bashkiriano 311,7–318,1
Mississippiano Serpukhoviano 318,1–328,3
Viséano 328,3–345,3
Tournaisiano 345,3–359,2
Devoniano Superiore Famenniano Più antico
Suddivisione del sistema del Carbonifero secondo la Commissione internazionale di stratigrafia (ICS).[1]

Nella scala dei tempi geologici il Serpukhoviano è l'ultimo dei tre piani o stadi stratigrafici in cui viene suddiviso il Mississippiano, che a sua volta è il primo dei due sotto-periodi che compongono il periodo Carbonifero.

Il Serpukhoviano è compreso tra 328,3 ± 1,6 e 318,1 ± 1,3 milioni di anni fa (Ma).[1] È preceduto dal Viséano e seguito dal Bashkiriano, il primo stadio del successivo Pennsylvaniano.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il Serpukhoviano deriva il suo nome da quello della città di Serpukhov, situata circa 100 km a sud di Mosca, in Russia.

La denominazione e lo stadio furono proposti nel 1890 dallo stratigrafo russo Sergei Nikitin[2] e furono introdotti ufficialmente nella stratigrafia europea nel 1974.[3]

Definizioni stratigrafiche e GSSP[modifica | modifica sorgente]

La base del Serpukhoviano è fissata alla prima comparsa negli orizzonti stratigrafici dei conodonti della specie Lochriea ziegleri.

Il limite superiore, che funge da base del successivo Pennsylvaniano, è dato dalla prima comparsa del conodonte Declinognathodus nodiliferus. Tale limite è appena al di sopra della prima comparsa dei foraminiferi della specie Globivalvulina bulloides, del genere ammonitico Homoceras e della biozona ammonitica dell'Isohomoceras subglobosum.[4]

GSSP[modifica | modifica sorgente]

Il GSSP,[5] il profilo stratigrafico di riferimento della Commissione Internazionale di Stratigrafia, non è ancora stato fissato al 2010.
Candidati in corso di valutazione sono Verkhnyaya Kardailovka (Urali) e Nashui (Cina).

Suddivisioni[modifica | modifica sorgente]

Il Serpukhoviano comprende quattro biozone a conodonti:

  • Zona del Gnathodus postbilineatus
  • Zona del Gnathodus bollandensis
  • Zona della Lochriea cruciformis
  • Zona della Lochriea ziegleri

Nella stratigrafia russa il Serpukhoviano viene suddiviso in tre sottostadi: Protviano, Stesheviano e Tarusiano.
Nella stratigrafia inglese, il Serpukhoviano (Namuriano inferiore) viene suddiviso in tre sottostadi: Chokieriano (solo la parte inferiore, la superiore ricade nel Bashkiriano), Arnsbergiano e Pendleriano.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Chronostratigraphic chart 2014, ICS. URL consultato l'11 agosto 2014.
  2. ^ Nikitin, S.N.; 1890: Carboniferous deposits of the Moscow region and artesian waters near Moscow, Trudy Geologicheskogo Komiteta 5(5), pp. 1–182
  3. ^ Fedorowsky, J.; 2009: Early Bashkirian Rugosa (Anthozoa) from the Donets Basin, Ukraine. Part 1. Introductory considerations and the genus Rotiphyllum Hudson, 1942, Acta Geologica Polonica 59(1), pp. 1–37.
  4. ^ Menning, M.; Alekseev, A.S.; Chuvashov, B.I.; Davydov, V.I.; Devuyst, F.-X.; Forke, H.C.; Grunt, T.A.; Hance, L.; Heckel, P.H.; Izokh, N.G.; Jin, Y.-G.; Jones, P.J.; Kotlyar, G.V.; Kozur, H.W.; Nemyrovska, T.I.; Schneider, J.W.; Wang, X.-D.; Weddige, K.; Weyer, D. & Work, D.M.; 2006: Global time scale and regional stratigraphic reference scales of Central and West Europe, East Europe, Tethys, South China, and North America as used in the Devonian–Carboniferous–Permian Correlation Chart 2003 (DCP 2003), Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology 240(1-2): pp 318-372.
  5. ^ Global Boundary Stratotype Section and Point (GSSP) of the International Commission of Stratigraphy, Status on 2010.
  6. ^ Heckel, P.H. & Clayton, G.; 2006: The Carboniferous system, use of the new official names for the subsystems, series and stages, Geologica Acta 4(3), pp 403-407.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Fedorowsky, J.; 2009: Early Bashkirian Rugosa (Anthozoa) from the Donets Basin, Ukraine. Part 1. Introductory considerations and the genus Rotiphyllum Hudson, 1942, Acta Geologica Polonica 59(1), pp. 1–37.
  • Gradstein, F.M.; Ogg, J.G. & Smith, A.G.; 2004: A Geologic Time Scale 2004, Cambridge University Press.
  • Heckel, P.H. & Clayton, G.; 2006: The Carboniferous system, use of the new official names for the subsystems, series and stages, Geologica Acta 4(3), pp 403–407.
  • Lane, H.R.; Brenckle, P.L.; Baesemann, J.F. & Richards, B.; 1999: The IUGS boundary in the middle of the Carboniferous: Arrow Canyon, Nevada, USA, Episodes 22(4), pp 272–283.
  • Menning, M.; Alekseev, A.S.; Chuvashov, B.I.; Davydov, V.I.; Devuyst, F.-X.; Forke, H.C.; Grunt, T.A.; Hance, L.; Heckel, P.H.; Izokh, N.G.; Jin, Y.-G.; Jones, P.J.; Kotlyar, G.V.; Kozur, H.W.; Nemyrovska, T.I.; Schneider, J.W.; Wang, X.-D.; Weddige, K.; Weyer, D. & Work, D.M.; 2006: Global time scale and regional stratigraphic reference scales of Central and West Europe, East Europe, Tethys, South China, and North America as used in the Devonian–Carboniferous–Permian Correlation Chart 2003 (DCP 2003), Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology 240(1-2): pp 318–372.
  • Nikitin, S.N.; 1890: Carboniferous deposits of the Moscow region and artesian waters near Moscow, Trudy Geologicheskogo Komiteta 5(5), pp. 1–182 (RU) .

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]