Sergio Campanato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sergio Campanato (Venezia, 17 febbraio 1930Pisa, 1º marzo 2005) è stato un matematico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in matematica e fisica presso l'Università di Modena nell'anno accademico 1952/54 discutendo la tesi: “teoremi di completezza relativi alla equazione del calore e questioni connesse”[1] già nel 1956, divenuto assistente di Enrico Magenes nell'Università di Genova, riferiva l'esito delle ricerche “sul problema di M. Picone relativo all'equilibrio di un corpo elastico incastrato” e “sui problemi al contorno relativi al sistema di equazioni differenziali dell'elastostatica piana”. Successivamente e dopo un breve insegnamento nell'Università di Bari fu chiamato da Alessandro Faedo, nel 1964, a ricoprire la cattedra di Analisi Matematica nel momento in cui Faedo, riunendo alcuni fra i maggiori matematici italiani, dava un nuovo impulso all'ateneo pisano. Infatti unitamente a Campanato, Faedo era riuscito a far arrivare a Pisa: Federico Cafiero (allievo di Renato Caccioppoli), Aldo Andreotti, Jacopo Barsotti, Enrico Bombieri, Gianfranco Capriz, Ennio De Giorgi, Giovanni Prodi, Guido Stampacchia con il quale Campanato ebbe una feconda collaborazione, ed Edoardo Vesentini.[2]

Dal 1975 fino al 2000 ha insegnato Analisi non lineare nella Scuola normale superiore di Pisa.

"Per le sue ricerche nell'ambito delle equazioni e dei sistemi di equazioni a derivate parziali, e in particolare per i difficili problemi da lui risolti nel campo della regolarizzazione negli spazi di Morrey-Campanato delle soluzioni di sistemi non lineari l'Accademia Nazionale dei Lincei gli ha conferito il Premio Linceo per la matematica per il 1985 nominandolo suo socio."[3][4]

Nel 2000 si è tenuto il Convegno sulle "Equazioni a Derivate Parziali per i 70 anni di Sergio Campanato", presso la Scuola normale superiore di Pisa.

Sergio Campanato muore a Pisa il 1º marzo 2005.

Nel 2006 a un anno dalla sua morte la Scuola internazionale di matematica “G. Stampacchia” ha organizzato in Erice, in collaborazione con il Centro Ettore Majorana, il convegno Variational Analysis and partial differential equations, dedicandolo alla sua memoria.[5]

Gli spazi di Campanato (Campanato spaces)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mauro Pagni, Su un problema al contorno tipico per l'equazione del calore in n+1 dimensioni. URL consultato il 4-11-2012.
  2. ^ Presentazione del Dipartimento di Matematica dell'Università di Pisa.. URL consultato il 2-11-2012.
  3. ^ Dalla presentazione al "Convegno sulle equazioni a derivate parziali per i 70 anni di Sergio Campanato. URL consultato il 3-11-2012.
  4. ^ Accademia Nazionale dei Lincei - Premio Linceo. URL consultato il 3-11-2012.
  5. ^ 44th Workshop: VARIATIONAL ANALYSIS AND PARTIAL DIFFERENTIAL EQUATIONS. In memory of Sergio Campanato. The Award of the Second Gold Medal “G. Stampacchia”. URL consultato il 2-11-2012.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Sui problemi al contorno relativi al sistema di equazioni differenziali dell'elastostatica piana. Rend. Sem. Mat. Univ. Di Padova 1956 XXV pp. 307-342
  • Osservazioni sul problema di trasmissione per equazioni differenziali lineari del secondo ordine, Edizioni dell'Università di Genova, 1960.
  • Sergio Campanato, Guido Stampacchia, Sulle maggiorazioni in Lp nella teoria delle equazioni ellittiche, Bollettino dell'Unione Matematica Italiana, Serie 3, Vol. 20 (1965), n.3, p. 393–399. Bologna, Zanichelli, 1965.
  • Lezioni di analisi matematica, Pisa, Libreria scientifica Giordano Pellegrini, 1966.
  • Sistemi ellittici in forma divergenza: regolarità all'interno, Pisa, edizioni della Scuola Normale Superiore, 1980.
  • Regolarità Hölderiana parziale delle soluzioni di una classe di sistemi ellittici non lineari del secondo ordine, Bari, Laterza, 1982:
  • Recent regularity results for H1,q-solutions on non linear elliptic systems, Volume 186 di Conferenze del Seminario di matematica dell'Università di Bari, Bari, Laterza, 1983.
  • Teoria ... [L] e sistemi parabolici non lineari, Volume 196 di Conferenze del Seminario di Matematica dell'Università di Bari, Bari Laterza, 1984.
  • Non variational basic parabolic systems of second order-(Sistemi parabolici base non variazionali del 2º ordine), in: Atti dell'Accademia Nazionale dei Lincei. Classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali. Rendiconti Lincei. Matematica e Applicazioni Serie 9 2, fasc. n.2, p. 129-136, 1991.
  • Attuale formulazione della teoria degli operatori vicini e attuale definizione di operatore ellittico, Le Matematiche, Vol. LI (1996) – Fasc. II, pp. 291-–298, 1996.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gary M. Lieberman, Second Order Parabolic Differential Equations, World Scientific Pub Co, 1996.
  • Convegno sulle Equazioni a Derivate Parziali: per i 70 anni di Sergio Campanato, Scuola Normale Superiore di Pisa, 25-26 febbraio 2000. Pisa, Edizioni del Dipartimento di Matematica e Informatica dell'Univ. in collaborazione con Sergio Campanato. 2000.
  • Wen Yuan, Winfried Sickel, Dachun Yang, Morrey and Campanato meet Besov, Lizorkin and Triebel, London-New York, Springer, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]