Sergej Sinicyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergej Sinicyn
Sergej Sinitsyn.jpg
Dati biografici
Nazionalità Russia Russia
Arrampicata Arrampicata
Dati agonistici
Specialità Velocità
Palmarès
Mondiali velocità 0 0 2
Europei velocità 0 2 0
Giochi mondiali velocità 0 1 0
Coppa del mondo velocità 3 trofei
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Sergej Sinicyn (in russo: Сергей Синицын?) (Ekaterinburg, 4 giugno 1983) è un arrampicatore russo. Pratica le competizioni di velocità.

È stato, insieme a Evgenij Vajcechovskij, il dominatore della Coppa del mondo velocità di arrampicata nel primo decennio del nuovo millennio, vincendone tre edizioni e arrivando tre volte secondo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ha cominciato ad arrampicare nel 1991 a otto anni accompagnato dal padre, allenatore di karate e arrampicatore. Nonostante si sia allenato anche per le specialità lead e boulder, la velocità è divenuta fin dall'inizio il suo principale obiettivo.

Nel 2002 ha iniziato a partecipare alle competizioni internazionali, subito con ottimi risultati. Ha vinto la Coppa del mondo velocità di arrampicata nel 2004, 2007 e 2009.[1]

Oltre all'arrampicata pratica il basket, il ping pong e il karate. Sposato e con un figlio, vive a Ekaterinburg dove si prepara per le competizioni di arrampicata e lavora come allenatore presso l'Università.[2]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Coppa del mondo velocità[modifica | modifica sorgente]

2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013
3 4 1 2 2 1 2 1 4 2 4 14

Campionato del mondo velocità[modifica | modifica sorgente]

2005 2007 2009 2011 2012
3 3 6 17 4

Campionato europeo velocità[modifica | modifica sorgente]

2002 2004 2006 2008 2010 2013
2 18 2 8 5 18

Giochi mondiali velocità[modifica | modifica sorgente]

2005 2009 2013
2 4 9

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Speed Rock Daone: vittoria di Hroza e Ropek, planetmountain.com, 6 agosto 2009. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  2. ^ (EN) Elena Corriero, Interview with Sergej Sinitsyn, ifsc-climbing.org. URL consultato il 29 dicembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]