Sergej Apollinarievič Gerasimov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergei Gerasimov (a sinistra) e Georgrii Mdivani, 1958

Sergej Apollinarievič Gerasimov in russo: Сергей Апполинариевич Герасимов? (Kundravy, 21 maggio 1906Mosca, 26 novembre 1985) è stato un attore e regista sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato attore teatrale, nel 1930 iniziò a dirigere film, e in tutto il decennio successivo si distinse per il suo interesse verso le giovani generazioni ed il loro apporto alla costruzione del socialismo: I sette coraggiosi (Semero smelych; Семеро смелых) (1936), Komsomol'sk (Комсомольск) (1938) e Il maestro (Učitel'; Учитель) (1939) sono le sue opere migliori del periodo.

Durante la seconda guerra mondiale, e dopo (fino a La giovane guardia (Molodaja gvardija; Молодая гвардия), 1948) si allineò completamente al realismo socialista. Nel Placido Don (Tichij Don; Тихий Дон) (1957) fu un diligente illustratore dell'omonimo romanzo di Šolochov, ed in Uomini e bestie (Ljudi i zveri; Люди и звери) (1962) diede un interessante contributo alla denuncia delle persecuzioni staliniane.

Vinse il Globo di Cristallo al Festival internazionale del cinema di Karlovy Vary due volte, la prima con Placido Don (1958) e la seconda con Lev Tolstoj (1984). Con Il giornalista (1967) ha vinto il Gran Premio al Festival cinematografico internazionale di Mosca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 42103285 LCCN: n82211493