Sepiola aurantiaca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sepiola aurantiaca
Sepiola aurantiaca.jpg
Sepiola aurantiaca
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Lophotrochozoa
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Cephalopoda
Sottoclasse Coleoidea
Superordine Decapodiformes
Ordine Sepiolida
Famiglia Sepiolidae
Sottofamiglia Sepiolinae
Genere Sepiola
Specie S. aurantiaca
Nomenclatura binomiale
Sepiola aurantiaca
Jatta, 1896
Nomi comuni

Sepiola d'oro

La sepiola aurantiaca (Sepiola aurantiaca Jatta, 1896), nota anche come sepiola d'oro, è una rara specie di sepiola, nativa del nord Atlantico.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo mollusco è in grado di cambiare colore in acqua salata e si sposta grazie al suo mantello. Entrambi i sessi di Sepiola aurantiaca, infatti, possiedono un mantello capace di crescere fino a 20 mm[1]. Il tipo nomenclaturale è stato raccolto nel Mar Tirreno ed è depositato presso la Stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli[2].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

La specie è carnivora e la sua dieta consiste in pesci, granchi, aragoste e molluschi che cattura con i tentacoli.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Abita i mari compresi tra il sud della Norvegia e il Mar Mediterraneo occidentale. La Sepiola aurantiaca si presenta all'esterno della piattaforma continentale e nella parte superiore della zona batiale. La gamma di profondità di questa specie va dai 200 ai 400 m[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Reid, A. & P. Jereb, op. cit., pag. 203
  2. ^ (EN) Current Classification of Recent Cephalopoda.
  3. ^ Reid, A. & P. Jereb, op. cit., pag. 153

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Reid, A. & P. Jereb, Cephalopods of the world. An annotated and illustrated catalogue of species known to date. Volume 1. Chambered nautiluses and sepioids (Nautilidae, Sepiidae, Sepiolidae, Sepiadariidae, Idiosepiidae and Spirulidae), Roma, FAO, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]