Senti chi parla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Senti chi parla
Senti chi parla.png
John Travolta e Kirstie Alley in una scena del film
Titolo originale Look Who's Talking
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 1989
Durata 93 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Amy Heckerling
Produttore Jonathan D. Krane
Fotografia Thomas Del Ruth
Montaggio Debra Chiate
Musiche David Kitay
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Senti chi parla (Look Who's Talking) è un film del 1989 diretto da Amy Heckerling, interpretato da John Travolta e Kirstie Alley.

Il bambino protagonista del film nell'originale inglese ha la voce di Bruce Willis, in italiano quella di Paolo Villaggio.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Mollie è una giovane donna in carriera che lavora come consulente fiscale, pazzamente innamorata dell'uomo sbagliato. Si tratta di Albert, un suo cliente di lavoro, che decide di lasciare la prima moglie (dalla quale ha avuto molti figli) per fidanzarsi ufficialmente con lei. Da un rapporto sessuale in ufficio tra i due, nasce Micky, (anche se Mollie racconta alla gente di aver fatto l'inseminazione artificiale) ma Albert, donnaiolo com'è, abbandona la giovane donna dopo che quest'ultima scopre di essere incinta, per "fare il porco" con un'arredatrice. Mollie deciderà allora di cavarsela con le proprie forze e di mettersi alla ricerca dell'uomo giusto, che si riveli all'altezza di essere il padre per Micky. Questa ricerca sembra più facile a dirsi che a farsi, tanto più che ogni incontro con un uomo diverso da parte della donna è destinato al fallimento, specialmente quando, visto il comportamento dei vari uomini coinvolti, Mollie immagina figure paterne troppo severe o insufficientemente responsabili per accudire il bambino.

Il neonato, che pur essendo appena nato ha la facoltà di pensare e ragionare, nutre una particolare simpatia per James, il tassista che ha aiutato Mollie ad arrivare all'ospedale e che entrerà sempre di più nella vita della piccola famiglia, facendo da baby-sitter al bambino e facendosi sempre più valere come valida figura paterna. Mollie, che a poco a poco si innamora di lui, in un primo momento lo ritiene un bambino cresciuto, essendo più giovane di lei, ma soprattutto per via dei suoi modi bizzarri e poco ortodossi di ottenere gratuitamente molte cose (voli in aereo, residenze per suo nonno onde poter entrare in un ospizio e altro), ma poi, alla fine della storia, tra un litigio e l'altro, si renderà conto che egli è veramente il padre giusto per suo figlio e quindi si sposeranno. Sarà lo stesso bambino a far valere la sua opinione dicendo "dadà" (papà) come prima parola (detta ad alta voce) alla vista di James.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema