Semema

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il semema è un lessema realizzato all'interno di un enunciato, in quanto tale, è il risultato di una serie di semi (contrariamente al lessema, che è un termine considerato prima di qualunque suo inserimento in un contesto discorsivo).

Il semema dunque può definirsi all'interno di una scala categoriale che prevede sema-semema-lessema, ove il lessema è la summa di tutte le accezioni sememiche, e ove ogni semema costituisce una delle summenzionate accezione, sulla base dei suoi semi (le più piccole unità semantiche) costitutivi.

Esso fa parte del piano del contenuto nell'analisi semantica di un testo e indica il contesto nel quale si trova il termine preso in analisi.


                                  lessema (testa)
  Contenuto(analisi semantica)    sememi (testa vuota,testa del corteo)(contesto)
                                  semi  (sferoidità,estremità,etc.)
                            

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Patrizia Magli, Semiotica
  • Ugo Volli, "Manuale di semiotica"