Semën An-skij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
An-skij nel 1910

Semën Akimovič An-skij (rus. Семён Акимович Ан-ский; Vitebsk, 1863Varsavia, 8 novembre 1920) fu uno scrittore, etnologo e giornalista russo autore di racconti brevi e drammi in lingua yiddish; nato come Šlojme-Zanvl Rappoport, è conosciuto anche come Solomon Rappoport, Sholem Anskij o, ancora, con il suo nome breve di Anskij.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia povera e religiosa in uno shtetl nel distretto di Vitebsk, oggi appartenente alla Bielorussia ma nel 1863 parte integrante dell'Impero russo, Anski ebbe una educazione tradizionale ebraica. Come la maggior parte degli intellettuali di lingua yiddish, imparò la lingua del paese in cui era nato, nel suo caso il russo, che diventerà il tramite per la sua educazione secolare e la sua apertura verso il panorama culturale europeo. Anski infatti, sovrappose alla sua educazione religiosa di adolescente, lo studio delle letterature europee e soprattutto dei problemi sociali, che, unitamente alle sue idee radicali di impronta marxista che da quegli studi scaturirono, lo portarono in conflitto con la polizia dell'impero e alla sua espulsione dalla Russia nel 1891.

Rifugiatosi a Parigi, vi lavorò come rilegatore e presto si unì al Partito Socialista Rivoluzionario Russo in esilio divenendone anche segretario. Dopo la rivoluzione del 1905, Anski tornò in Russia dove fondò nel 1911 la Società Etnografica Ebraica. Con essa, tra il 1912 e il 1914, intraprese numerose spedizioni di ricerca nell'ambito delle comunità ebraiche, raccogliendo una grande quantità di materiale documentario, che, sparito per decenni negli archivi segreti sovietici, è riemerso per buona parte negli anni novanta grazie alla Perestrojka. Questo materiale, così importante per la conoscenza della cultura ebraica degli shtetl, spazzata via dalla follia nazista durante la Seconda guerra mondiale, è in parte confluito nella collezione del Museo Etnografico di Stato di San Pietroburgo, mentre molte delle registrazioni su cilindri raccolte durante le spedizioni di Anski per lo più in Podolia e Volinia, sono state riversate su CD[1].

Durante la prima guerra mondiale si stabilì in Galizia lavorando per una organizzazione umanitaria ebraica. Nel 1919 si trasferì prima a Vilnius e poi a Varsavia, allora appena liberate dall'esercito polacco collaborando alla rivista in yiddish il momento. Nell'ottobre 1920 Anski morì a Otwock, nelle vicinanze di Varsavia.

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue numerose opere ricordiamo due inni scritti a Parigi per il movimento ebraico-socialista chiamato "Bund" intitolati Die schwu'e (il giuramento) e In salziken jam fun menshleche trern (Nel mare salato delle lacrime umane). Il primo divenne poi l'inno ufficiale del Bund.

L'opera principale di Anski, con la quale ebbe fama internazionale (postuma), è Der dybbuk oder zwishn zwei weltn (Il dybbuk oppure tra due mondi). Scritto originariamente in russo e tradotto dallo stesso Anski in yiddish, questo dramma è ora considerato unanimemente uno dei grandi classici della letteratura yiddish. Totalmente svincolato dall'impegno politico e sociale di Anski, questo dramma è profondamente radicato nella cultura ebraica e permeato dalla mistica cabbalistica da essere più vicino al romanticismo tedesco che al realismo russo prerivoluzionario. Narra infatti la storia di Lea, figlia di un ricco commerciante e promessa sposa di Chonen, studente della scuola rabbinica, che alla morte precoce di lui, prima del matrimonio, viene impossessata dal suo spirito (il di lui dybbuk), che la condurrà alla fine della storia alla morte, nella quale i due giovani potranno finalmente riunirsi.

Konstantin Stanislavskij, avrebbe voluto mettere in scena l'originaria versione in russo del dramma a Mosca, quando Anski era ancora in vita, ma ciò non fu possibile a causa della rivoluzione russa. La prima ebbe dunque luogo poco tempo dopo la morte dell'autore, vale a dire il 9 novembre 1920, al teatro Eliseo a Varsavia nella versione yiddish.

Nel 1937 fu filmata una versione cinematografica del dybbuk dal regista polacco Michał Waszyṅski in yiddish. Nel 2005 la regista teatrale Rachel Michali ne ha fatto un riadattamento.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • An-Ski, Dybbuk, Milano, Rosa e Ballo, 1948
  • An-Ski, Shelomoh, Il dijbuch: tra i due mondi, leggenda drammatica in 4 atti, traduzione di L. Goldfischer e M. De Benedetti ; con prefazione del prof. Benvenuto Terracini, Torino, Ist. Edit. Di Propaganda, 1927 (T. I. P.)
  • An-Ski, Shelomoh, Dibbuk: sul confine di due mondi, leggenda drammatica in quattro atti, traduzione dal russo di Raissa Olkienizkaia-Naldi, Lanciano, Carabba Edit. Tip., 1930

Bibliografia secondaria[modifica | modifica wikitesto]

  • Gabrielle Safran, The worlds of Ansky: a Russian intellectual at the turn of the century, Stanford, University press, 2006

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The historic collection of Jewish music 1912-1947 (vol 1) - Kiev, National Academy of Sciences of Ukraine - Vernadsky National Library of Ukraine, Institute for Information Recording, 2001

Controllo di autorità VIAF: 36959656 LCCN: n85230050