Sellacoxa pauli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sellacoxa
Stato di conservazione: Fossile
Immagine di Sellacoxa pauli mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Superordine Dinosauria
Ordine Ornithischia
Sottordine Ornithopoda
Infraordine Euornithopoda
Genere Sellacoxa
Specie S. pauli

La sellacoxa (Sellacoxa pauli) è un dinosauro erbivoro appartenente agli ornitopodi, vissuto all’inizio del Cretaceo inferiore (Valanginiano, circa 140 - 135 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati in Inghilterra, nel Sussex.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo dinosauro è noto attraverso un esemplare incompleto, di cui si conoscono un bacino quasi integro (ilio, ischio e pube) e vertebre dorsali e sacrali in connessione anatomica. Da questi pochi resti i paleontologi sono stati in grado di attribuire Sellacoxa al gruppo degli iguanodonti. Le dimensioni dovevano aggirarsi intorno agli otto metri di lunghezza, e il corpo possedeva una struttura piuttosto massiccia. La caratteristica più notevole di questo dinosauro era l’ilio, con una bizzarra forma a sella (da qui il nome Sellacoxa, che deriva dal latino e significa proprio “bacino a sella”).

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

I resti parziali di questo dinosauro sono stati ritrovati nella cava Wadhurst, nell’East Sussex, e sono stati descritti da Kenneth Carpenter e Ishida nel 2010. Gli studiosi hanno riscontrato particolarità nella struttura dell’ilio dell’esemplare, tanto da ascriverlo a un genere a parte. Sellacoxa era un rappresentante degli iguanodonti, anche se non sono del tutto chiare le parentele con gli altri membri del gruppo. È possibile che fosse una forma intermedia tra Camptosaurus e lo stesso Iguanodon. Nella stessa zona, in strati coevi, sono stati ritrovati i resti di altri due iguanodonti: il grande Barilium (possibile sinonimo di Sellacoxa) e Hypselospinus.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carpenter, K. and Ishida, Y. (2010). "Early and “Middle” Cretaceous Iguanodonts in Time and Space". Journal of Iberian Geology 36 (2): 145–164.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]